Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2010
XIII Edizione

Ultimo aggiornamento: 28 Marzo 2011
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

ANDAMENTO DEI LAVORI – La Giuria ha ultimato i lavori di valutazione ed ha stilato la graduatoria finale. I vincitori sono stati avvisati a mezzo posta e tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.
PREMIAZIONE Si è tenuta domenica 18 luglio 2010 alle ore 10:30 presso la Pila del Castello di Sartirana Lomellina (PV).
ANTOLOGIA – Le antologie del Premio sono state spedite dal 1-12-2010 al 06-12-2010 – Inviate in data 26-08-2010 a mezzo posta le bozze dell’antologia. Spedita in data 16-04-2010 la comunicazione agli autori ammessi all’Antologia del Premio che verrà realizzata per la sezione poesia.

Risultati

La Giuria della tredicesima edizione del Premio Nazionale di Poesia Francesco Moro – Comune di Sartirana Lomellina 2010, organizzato dalla Biblioteca Comunale di Sartirana Lomellina (PV) con il patrocinio del Comune di Sartirana Lomellina e della Provincia di Pavia e con la collaborazione tecnica dell’Associazione Culturale Il Club degli autori, composta da: per il Sindaco di Sartirana Lomellina Ernesto Prevedoni Gorone, il delegato Franco Fasulo; Paola Camussoni, Presidente della Civica Biblioteca “Francesco Moro” di Sartirana Lomellina, prof. Luisa Denari; Severino Di Candia, scrittore, Felice Martinotti, esperto di poesia dialettale, Umberto De Agostino, Segretario del Premio. Dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha stilato la seguente classifica:

  • Opera 1^ classificata «Le mie radici» di Maria Rosa Dell’Angelo, Vignale Monferrato (AL). Vince Euro 150,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet
  • Opera 2^ classificata «Coraggio!» di Enrico Ramaioli, Garlasco (PV). Vince Euro 100,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet
  • Opera 3^ classificata __«Oltre la porta»__di Rosanna Gabellone, Putignano (BA) Vince Euro 50,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un quaderno di 16 pagine di cui verranno consegnate 50 copie gratuite all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet


Vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet, i seguenti autori:


  • Premio speciale “Suor Maria Giorgetti” all’opera «La memoria» di Orazio Gennuso, Messina. Vince Euro 100,00 – Attestato di merito.
  • Premio speciale “Peppino Miglietta” all’opera «Il futuro» di Francesca Mirri, S. Lazzaro di Savena (BO). Vince Euro 100,00 – Attestato di merito.


Sezione Poesia in vernacolo pavese:

Vincono: Riso e Biscotti tipici locali – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet


La cerimonia di premiazione si terrà domenica 18 luglio alle ore 10,30 presso la Pila del Castello di Sartirana Lomellina (Pavia).
E’ stata inviata comunicazione a mezzo posta agli autori premiati.

Opere vincitrici

Maria Rosa Dell’Angelo

Opera 1^ classificata

Le mie radici

Bellissimo di vigne, il mio paese
s’arrende dolcemente alla pianura,
si porge fiero al sole che, al tramonto
tinge di rosa i monti all’orizzonte.
Adesso che la pioggia ha cancellato
la coltre bianca del crudele inverno,
la terra scura, umida e fumante
accoglie il sole in voluttuoso abbraccio.
Cammino a passo svelto le mie strade,
mi sembra di sentir spuntare l’erba,
le viti striminzite buttar gemme
sui tralci nudi in trepidante attesa
Amata terra mia dove son nata,
rinasco insieme a te in primavera:
come ceppo di vite di Barbera
le mie radici sono nel tuo cuore.
Non voglio barattare il mio sentiero
a volte impervio, erto e faticoso
con una strada dritta e più tranquilla
ma sconosciuta e persa chissà dove:
la mia esistenza è qui, tra le colline
a respirar profumi antichi e nuovi,
vedere crescer grappoli blu e oro,
curarli come bimbi, con amore.
E quando infine giungerà il momento
di abbandonare il mondo delle cose,
domani, fra cent’anni o chissà quando,
è così che mi voglio accomiatare:
un bacio a chi rimane, e il mio paese
per sempre in fondo agli occhi, e in fondo al cuore.


Enrico Ramaioli

Opera 2^ classificata

Coraggio

Amico mio
ora stai soffrendo,
stai piangendo dentro, di un dolore immenso,
immenso per te, come qualsiasi altro;
e allora sfogati, piangi!
Piangi, fino a quando non avrai più lacrime da esternare!
E allora ti abbraccerò!
Ma che questo tuo pianto
col tempo e, con forza ovviamente,
divenga un sorriso immenso,
come quel tuo oramai assopito dolore,
e allora, ridi!
Ridi così forte
che angeli
e demoni
ridano della tua ritrova gioia,
che il tuo sorriso arrivi come il vento
da una parte all’altra del mondo intero
mortale e arcano,
dagli inferi al paradiso
e allora anch’io riderò con te,
con te rideremo tutti
e quell’immenso dolore
sarà soltanto un passo avanti nel cammino e nel maturar della vita.


Rosanna Gabellone

Opera 3^ classificata

Oltre la porta

(dedicata alla nipotina Sonia)
Imprimere vorrei sulle ali del silenzio
che s’ode in questa stanza,
la tenerezza che mi attanaglia il cuore,
quando ti stringi a me dopo il risveglio.
Tramutare vorrei le lacrime furtive
in diamanti e perle, per poi adornare
i tuoi capelli d’oro, mentre aggrappata
al mio collo, ti svegli piano piano.
Ti terrei così, per sempre,
all’ombra dei dolori che il fato inesorabile
può dare.
È la sensazione di vuoto che mi fa tremare,
per ciò che sarà un domani.
Là, oltre quella porta, dove ti aspetta
un mondo senza sogni né riposo.
Ti regalerei un po’ del mio respiro
se fossi certa che un dì, là fuori,
tristezza e ansia, non debbano offuscare
la luce delle stelle che ora si specchiano
nel grande mare dei tuoi occhi scuri.


Adriano Scandalitta

Opera 4^ classificata

Volo di vento

Correrò incontro al vento
per gustarne la fresca carezza
di sogno,
per fare brillare gli occhi
alle scintille schioccanti dell’aria,
per danzare come foglia leggera
in una cornice di rarefatta
bellezza in cui si specchia il mondo
che crede nella purezza della vita,
nel bacio casto della natura,
nella paziente e durevole
ricerca del bene dove il vento
sottile e tenero dell’amore
pone il sigillo prezioso della vita
che, consapevolmente, genera altre vite,
in un inesausto volo di vento.


Claudio Puricelli

Opera 5^ classificata

Riso

Verde a primavera, oro d’estate,
mare che ondeggi in pianure seminate.
Seme della speranza, regalo del destino
e del sudore del primo mattino.
Ecco il VIALONE NANO ,
bello nel palmo della mano,
buona tenuta di cottura
perfetto per pesce e verdura.
Poi arriva il principe dai molti estimatori
Sua eccellenza il CARNAROLI.
Ha l’ambizione di essere il migliore
e di esaltare dei cibi più diversi, il sapore.
E che dire dell’ARBORIO, anch’egli un vincente,
chicco grosso, ricco di amido, sempre al dente.
Primeggia nei risotti cucinati in molte mani
ha la presunzione di essere il più amato dagli italiani.
Un emergente, un cristallino,
è il BALDO dal sapore fino.
Ottimo in estate,
fantastico per preparar insalate.
E ancora il ROMA , re della morbidezza,
tondo e grande ma poca lucentezza.
Carattere instabile,
ogni anno si presenta con gusto variabile.
Ed infine il BALILLA detto anche ORIGINARIO,
chicco piccolo e tondo, salva l’orario.
Si cucina in minor tempo,
ecco servita una minestra in un lampo.

Riso, riso, quanti chicchi da amare…..
E la libellula rossa…. A caccia di zanzare.


Donato Ladik

Opera 6^ classificata

Infinitamente raccolto in me stesso

Ho soffiato su di un grumo di ruggine del mio cuore,
pulviscolo ramato di cascami interiori,
gioiosa ripresa di un cammino interrotto.
Non corro, non cerco, non mi affanno;
mi lascio soltanto trascinare dal dissolversi
della ragione che solleva adagio la cenere
sublime del sogno infranto.
Ripiego mesto quel lembo dell’anima
che ho sollevato invano e l’impeto terso
che culla il tepore del mio corpo.
Sensazione, illusione, emozione
sei già andata oltre il trascorrere del tempo!


Paola Bavera

Opera 7^ classificata

Frammenti di passato

(a Roberta, un angelo)

Sembra ieri
ma sono passati già trent’anni
quasi una vita…
la mia vita
né facile né difficile
né bella né brutta.
Ricordo tutto di allora
le lunghe estati calde
i giochi, le interminabili chiacchierate
la nostra amicizia complice;
poi te ne sei andata
e i fiori non hanno più avuto
lo stesso profumo
i colori si sono spenti.
Talvolta il pensiero vola
all’atmosfera magica
di quei giorni lontani
e la nostalgia mi assale a tradimento.
Tutto svanisce in pochi istanti
e mi ritrovo sola
lo sguardo al cielo
in attesa di una risposta,
un po’ malinconica
ma sicura che,
ovunque tu sia,
stia sorridendo nell’udire
l’eco gioiosa
delle nostre risate di allora.


Carlo Caruso

Opera 8^ classificata

Foresta sacra

Quartieri spagnoli di Napoli:
foresta sacra di madonne e di santi
protettori di mura sbrecciate
affacciate di panni
e di edere penzolanti,
dove anziane sacerdotesse
in veste di flanella
intonano i richiami
del loro Ufficio mattutino.
Seduta solitaria davanti alla sua casa
una bimba ascolta,
immobile,
la musica del Caos!


Anna Mantovani

Opera 9^ classificata

Odio

Ieri ti ho visto ragazzo.
Eri là, sull’asfalto
gli occhi rivolti verso il sole
che sembravano chiedere perché.
Ti ho gettato una rosa e ti è caduta sul cuore,
ti ho accarezzato ed una lacrima ti è caduta sulle labbra.
Una medaglia, tante parole,
un bambino, una donna e una madre
che piangeranno per lungo tempo.
E chi ti ha sparato?
Sorride, orgoglioso del suo gesto vigliacco.
Non sa che non ha ucciso solo te,
non sa che quell’odio grande e disumano
ha ucciso anche la sua anima.


Diego Fantin

Opera 10^ classificata

Saggezza indiana

Oggi è un giorno
buono per morire.
Il sole è alto e caldo
e pace regna
nella vasta pianura.
Il bimbo ride
succhiando
il latte al seno
e in mezzo all’erba
volano le farfalle.
Oggi è un giorno
buono per morire.
Mormora dolce l’acqua
che scende dal tramonto
ed è abbondante
il pesce nelle reti.
Pascolano i cavalli.
Oggi nessuna criniera
sventola
nel vento dell’assalto.
Oggi è proprio un giorno
buono per morire.
Attorno al grande fuoco
donne indaffarate
preparano la cena.
È quieta l’anima
e l’occhio spazia sereno.
Solo un piccolo peso
grava sopra lo sterno
e opprime il respiro.
Oggi è il giorno
giusto per morire.
Domani cavalcherò
nei pascoli del cielo.


Massimo De Marchi

Opera 1^ classificata Sezione vernacolo pavese

La Prevensiò

( …dal virus della “peste suina” – Suardi estate 2009)

S.Bartulamè .. al Patròn dal mè paiš
al venâ ‘na voltâ a l’an …, al 24 Agust, ma spieghi …par capìs
e i don a jän l’affan a seguì la Pursissiò …;
ma tücc i an al “Di d’la Festa” …ag venâ la vucasiò.

Al Sänt s’è fai veloce …, a s’è mudernišà!
L’è un Sänt pusè dinamich …, che ag piašâ acelerà…
I son pù quattr’om cun i spal da müradur…
chi rešän al baldachì…! – Ma no…, ma va…, ma cara al mè “Signur”…! –

L’è un “baldachì” cui “r…d”…, al vibrâ…, al fà rumur…,
tänt me un carel ad “l’Iper”…, ag mäncâ ammà al mutur.
Però quattr’om ag vän…an mèš a tutâ sta gent …,
par stag an fiänc al “Sänt” che a l’à näncâ la patent

E csì al “birocc” al va…, al seguâ la so sciâ…, al seguâ la so strà
cun ‘na distänsâ giustâ… da la “Bändâ” ad Sannašà
E antänt i “sunadû”…, bagnändäs la camišâ, a furiâ da bufà…,
jän pers al pas e al temp…, ma ormai sumâ rivà!

Adès câ sumä an Cešâ …tüti in racugliment…,
a ‘sentâ ammà i ventalii … di don che as dän da vent…!
E tüti i fän a garâ … e ancurâ cul fiatò…,
i bašän la “Reliquiâ”……. L’è sempär un’ucasiò!

A cuntrulà stà gent…al Prev l’à un bel da fà…!
Ma cun la so esperiensâ…, me un vigil da “città”…,
al dirigiâ tut al trafich an mèš a la navà
J’om i pasän da chi…, i don i vän da là…dirett a la “Reliquia” li prontâ da bašà

E forse anche par st’an (SAN BARTULAMÈ)…mì son l’ultim di “cristiän”
ma a mì… a mè mai piašù …bašà ne “pe” e ne “män”…,
ne a cui che i cumändän mì…, ne ai tò “Superiur”…,
però and là mè manerâ…, rispeti “Ti” e ’l “Signur”

Car S.Bartulamè…, tirändâ i conclušiò…,
visto l’epidemiâ che al ghè an previšiò…
son sicür che a t’am capissi…, che t’am darè rašò…,
bašà i microbi ad i’altär… l’è nò la mè passiò!

Par a st’an a j’… vursû crädäg… ancurä ai siur Dutur…,
anche sa l’è nò “Vangelo”… cul chi sustenän Lur.
Ma … “and dûmâ nò sgat chi c’al l’à ruttâ”…, fümâ nò di confušiò…,
bašà nò la “reliquiâ”…a l’è unä profilassi… unä verâ PREVENSIO’.


Massimo De Marchi

Opera 2^ classificata Sezione vernacolo pavese

L’ariä däl cavät

p>: (testo e musica di Massimo De Marchi)

La nustalgiâ l’è c‘me ‘na tnàjâ,
‘me ‘n cän ch’al ‘baiâ, quänd ag sònâ i campän.
‘ma strenšâ ‘l c…r….e a senti ‘n testâ,
tänt ‘me ‘n’urchèstrâ un po’ stunà.

L’è un f…g äd pajâ, che ‘l brüšâ ‘n t’un mument,
l’è tütâ ‘na vitâ, pasà ‘n salidâ;
son i mè pinsier, ad ier e ‘d l’atâr ier,
quän’che mi s’erâ giùn, quänd al su l’erâ ancù pusè cèr.

Vädi un fiulì…. che as cavâ i scarp e i calsät…
e ‘l fa la n…dâ ‘n t’al cavät…
Una fi…lâ la cùrâ a dré …..ai sciùrä sciurät…
che bèlâ… l’ariâ dal cavät…

A iè i lusèrt ch’ i ciàpän ‘l su ‘n t’al murät..
i sentän l’ariä dal cavät.
Quänciâ tumàtic rampgnà sü n ti palät…
‘la sarà l’ariâ dal cavät.

La nustalgiâ l’è un bänc da sc…lâ,
l’è ‘l temp ch’al v…lâ, ch’ as fèrmâ no.
L’è un vedär.rutt…. an t’unâ fnèstrâ,
l’è ‘na timpèstâ, quänd ch’äs rivâ a ca.

La nustalgiâ l’è ‘na testâ ‘d cavì grìš,
cun i so pruèrbi, cun i so barbišs…
cun i so “Sta ‘tent!”, cun i so lament,
cun i so sigàl, cul so cavàl.

Finì ‘l lavùr, i om i tran là i biciclät…
‘s làvän cun l’acquâ dal cavät.
E i don agh vän ancontrâ cun i sarviät…
che fräscâ l’acquâ dal cavät!!!

P… i vän a Mässâ, sutâ brasät…
e ‘s dän al ritmo cui tacät….
Che bèl sintì al tich e tach di tacät…
La meludìâ däl cavät…

Ricordi ancurâ al tic e tac di tacät,
ma vädi pü i sciùrâ sciurät…
Che bèl sintì al tich e tach di tacät……..
La sarà l’ariâ dal cavät.


Massimiliano Catellani

Opera 3^ classificata Sezione vernacolo pavese

Sèma mìss mäl

Sèma mìss mäl
sèma in t’ un stät prónt pr’ al funeräl.
Vìver chì l’ è n impréza
parchè ‘d probléma a gh’ n’ äma ‘na séza.
Còste l’ è ‘l paéz indòvva girär par sträda l’ è dvintèda ‘na peniténsa
parchè sèma s’ ciäv in t’ un mónd äd delincuénsa
A gh’ äma i spaciadór sòtta cà lóngh la vìa
ch’ i t’ guärden äd travèrs fòrt dla lor bravarìa.
Äd nòta a gh’ äma i läder ch’ i girän inàns e indrè
i robän il màchini e i läsan la génta a pe
L’ è ‘l paéz indòvva a stéma in cà blindè
par la paùra d’ ìsser rapinè.
Còste l’ è ‘l paéz dal probléma dla giustìssia
e in gajòfa a gh’ va sól chi ‘n dróva mìga la furbìssia.
L’ è ‘l paéz di polìtich coròtt
ndo sèma nuèter a fnìr con j òs ròt.
L’ è ‘l paéz dal probléma di rifiùt
e ‘l stät al s’ inznòcia dednàns la camòra par dmandär aiùt.
L’ è ‘l paéz dal smòg e dl’ incuinamènt
e vìver in citè l’ è dvintè ‘n tormént.
L’ è ‘l paéz che cuànd at vè al’ ospedäl
s’ àn t’ mór mìga, at vén fóra ch’ at stè ancòrra pu mäl.
Còste l’ è ‘l paéz che s’ at tén mìga par ‘na scuädra äd balón
la génta la t’ considera ‘n cojón.
L’ è ‘l paéz dal gossip e dj altarén
indòvva a la cultura a s’ preferìssa ‘l cazén.
Che bèl paéz! A m’ pjäz stär chì!
S’ àn scàp mìga adèsa, al fagh tra du dì!


Siamo messi male

Siamo messi male / Viviamo in uno Stato pronto per il funerale. / Vivere qui è un’ impresa / Perché ci sono tanti problemi. / Questo è il paese dove girare per strada è diventata una penitenza / Perché siamo schiavi in un mondo di delinquenza / Abbiamo gli spacciatori sotto casa lungo la via / Che ti guardano di traverso forti della loro spavalderia. / Di notte abbiamo i ladri che girano avanti e indietro / Rubano le auto e lasciano la gente a piedi. / é il paese dove siamo in casa blindati / Per la paura di essere rapinati. / Questo è il paese del problema della giustizia / E in carcere ci va solo chi non usa la furbizia. / È il paese dei politici corrotti / Dove siamo noi a finire con le ossa rotte. / È il paese del problema dei rifiuti / E lo Stato si inginocchia dinnanzi alla camorra per chiedere aiuti. / é il paese dello smog e dell’ inquinamento / E vivere in città è diventato un tormento. / È il paese che quando vai all’ ospedale / Se non muori, esci che stai ancora più male. / Questo è il paese che se non tifi per una squadra di calcio / La gente ti considera un coglione. / È il paese del gossip e degli altarini / Dove alla cultura si preferiscono i casini. / Che bel paese! Mi piace stare qui! / Se non scappo adesso, lo faccio tra due giorni!


Orazio Gennuso

Premio Speciale Suor Maria Giorgetti

La memoria

Ho trovato la libertà
tra quattro mura,
quando questa
insopportabile debolezza
si é mutata in forza
per diventare la mia triste gioia.
A volte,qui,il silenzio
copre ogni rumore
e,lontana mille anni,
la città non mi appartiene,
come non vi fossi nato.
Eppure ripenso agli amori
svaniti nel vento.
Rivedo gli amici
perduti per strada
nell’ombra d’un sorriso.
Ricordi, fotografie sbiadite
di cose andate via.


Francesca Mirri

Premio speciale Peppino Miglietta

Il futuro

Rossi, gialli, brillanti
i colori degli alberi nell’autunno,
morbidi dolci
i profumi delle foglie cadute
della terra umida:
sereni i pensieri nel parco,
nel cammino che volge… al tramonto.
Come saranno i colori i profumi del futuro?
Oggi è già ieri,
è il futuro ormai passato!
ëdel domani non v’è certezza’
Le nubi scure all’orizzonte,
presaghe di perdite e di dolori,
sembrano ancora lontane, improbabili;
un brutto sogno i colori spenti balenati,
l’aria fumosa,
alberi senza vita, uomini come ombre
tra ammassi di scorie:
un incubo, film di fantascienza.
Il nostro tramonto
volge ormai alla notte infinita,
non più progetti a lunga scadenza,
solo il futuro immediato.
E ëChe sarà sarà
nessuno saper potrà,
canzone di altri tempi sempre attuale:
ma ora o mai più, urge un’azione forte,
a scongiurare lo spegnersi della vita,
la nostra, dei nostri figli, su questa terra bella,
dono incomparabile, bene prezioso,
presente e futuro:
basta volerlo fortemente.


L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2015 XVIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2014 XVII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2013 XVI Edizione «Una Terra fatta d’acqua»
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2012 XV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2011 XIV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2010 XIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2009 XII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2008 XI Edizione Premio di Poesia
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2007 X Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2006 IX Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2005 VIII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2004 VII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2003 VI Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2002 V Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2001 IV Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2000 III Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1999 II Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153