Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Il Club degli autori 2010-2011 - Trofeo Umberto Montefameglio
XVII Edizione

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2012
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

  • Ultimato lo spoglio delle schede e resi noti i risultati in data 20-10-2011.
  • L’ Antologia è stata spedita dal 27-05-2011 al 10-06-2011 – Spedite in data 25-03-2011 le bozze dell’antologia agli autori che hanno aderito. La Giuria ha ultimato la valutazione delle opere pervenute e in data 05-01-2011 è stata inviata a mezzo posta la lettera di ammissione agli autori finalisti le cui opere verranno inserite nell’antologia del premio prendendo così parte alle votazioni. Come da bando, infatti, le opere migliori sono state inserite in un’antologia contenente una scheda con cui i lettori voteranno le 10 opere preferite stabilendo così la graduatoria finale.
  • La Giuria ha ultimato la valutazione delle opere pervenute e in data 05-02-2011 è stata inviata a mezzo posta la lettera di ammissione agli autori finalisti le cui opere verranno inserite nell’antologia del premio prendendo così parte alle votazioni. Come da bando, infatti, le opere migliori verranno inserite in un’antologia contenente una scheda con cui i lettori voteranno le 10 opere preferite stabilendo così la graduatoria finale.
  • La premiazione si è tenuta sabato 28 gennaio 2012 alle ore 15:00 presso l’Auditorium «Recagni» della Scuola Sociale Accademia delle Arti in via Marconi 21 a Melegnano con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale Assessorato alla Cultura e Identità. Direzione artistica a cura di Fabrizio Ferrari, performances artistiche a cura di Fabrizio Ferrari, Cristina Petriccioli e Davide Milani. Online le fotografie della manifestazione nella sezione Gallery a cura di Emilio Ferrari: Prima parteSeconda parte I vincitori sono stati tempestivamente avvisati a mezzo posta e tutti i partecipanti riceveranno una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Risultati Premio di Poesia Il Club degli autori 2010-2011 – Trofeo Umberto Montefameglio


Dal quarto al decimo vincono: Attestato e 30 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la Casa Editrice Montedit – Pubblicazione della poesia sulla rivista Il Club degli autori e su Internet club.it

  • Opera 4^ class. ex aequo con 41 voti: «Ti cerco» di Simonetta Gini, San Casciano in Val di Pesa (Fi).
  • Opera 6^ class. ex aequo con 40 voti: «Barbone» di Roberto Litterotto, Verona.
  • Opera 8^ class. con 39 voti: «Eternità» di Barbara Santoni, Chiusi (Si).
  • Opera 9^ class. con 38 voti: «Settembre» di Loredana Di Bartolo, Acireale (Ct).
  • Opera 10^ class. ex aequo con 36 voti: «A mia madre» di Ottavio Cocco, Cagliari.


La premiazione si è tenuta sabato 28 gennaio 2012 alle ore 15:00 presso l’Auditorium «Recagni» della Scuola Sociale Accademia delle Arti in via Marconi 21 a Melegnano con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale Assessorato alla Cultura e Identità. Direzione artistica a cura di Fabrizio Ferrari, performances artistiche a cura di Fabrizio Ferrari, Cristina Petriccioli e Davide Milani. Online le fotografie della manifestazione nella sezione Gallery a cura di Emilio Ferrari: Prima parteSeconda parte


Comunicazione della Giuria tecnica del premio:

Il coraggio e l’onore di scrivere.

Nell’edizione del concorso Club Autori 2010/2011, purtroppo, è accaduto un fatto che si commenta da sé. Un autore ha partecipato al concorso inviando la poesia intitolata «Il silenzio della memoria», ma è stato squalificato dal concorso stesso. La sua poesia era stata selezionata per l’antologia. L’autore ha copiato esattamente la metà dei versi di una poesia di Pedro Salinas, inclusa nel poema «La voce a te dovuta», edito da Giulio Einaudi Editore. La poesia è pubblicata a pagina 125, siglata XXXIX, ed il capoverso è «Il modo tuo d’amare». I versi copiati sono i seguenti: «... abbracciato a te/ senza chiederti nulla, per timore/ che non sia vero/ che tu vivi e mi ami. /E sto abbracciato a te/ senza guardare e senza toccarti./ Non debba mai scoprire/ con domande, con carezze,/ quella solitudine immensa/ d’amarti solo io».
E’ inutile osservare che tali inconvenienti possono succedere. Coloro che devono leggere molti testi non sono depositari dello scibile umano: la memoria non può essere infinita. Conosco alcune poesie “disperse nell’oblio” scritte da poeti famosi che farebbero venire il mal di testa anche a studiosi di quel rinomato poeta.
Tale comportamento è da condannarsi due volte: in primo luogo, v‘è da chiedersi quale soddisfazione possa ricevere un autore nel copiare mezza poesia di un poeta; in secondo luogo, con quale faccia di bronzo costui possa firmare e contro firmare la dichiarazione che attesta tale poesia come opera “frutto del proprio ingegno”.
Ci si può chiedere se tale autore ha così scarsa considerazione di se stesso. Magari pensa di non essere degno o di non riuscire ad ottenere un sufficiente risultato ad un concorso senza l’aiuto delle parole d’un poeta famoso. Forse è solo presunzione… e sentirsi più furbo degli altri.
Ricordiamo a tutti che la poesia deve nascere dal proprio cuore, dal mondo segreto dell’essere umano, personale universo che vede e sente la vita in modo unico.
Copiare la poesia di un altro essere umano è atto indegno. Ciò che rimane è questo grande insegnamento.

Massimo Barile

Opere vincitrici


Daniele Marranca


Opera 1^ classificata


Parole all’amico


Abbi cura del sorriso tuo più tenero.
Alleva la gioia come un figlio.
Ringrazia il Signore per ciò che è piccolo,
perché è un miracolo di cui nessuno si avvede.
Quando la sera scioglierai i nodi alle scarpe,
sciogli anche quelli che ti legano ad ogni altro oggetto.
E quando solleverai i piedi dal terreno,
lascia giù rancori e timori.
Abbandonati alla notte, che pari dignità
dona a tutte le cose,
ovunque e di chiunque esse siano,
Fa che siano lacrime di sonno, le uniche
a bagnare il tuo cuscino.
Al mattino, apri le finestre alla luce, e lascia
che entri sempre aria nuova a rinfrescare
il tuo giaciglio.
Non rimpiangere ciò che avresti potuto.
Le cose inevitabilmente cambiano,
ma sempre parole nuove le accompagnano.




Eleonora Capanni



Opera 2^ classificata


Angeli


Quando cammino con te
sento che mi dici tante cose
anche se non parli,


sento che mi carezzi
anche se non vedo le tue mani
nel buio,


vedo che mi sorridi
anche se sei dietro di me,


sento che mi vorresti
abbracciare
anche se lo stai già
facendo.



Paolo Gazzilli


Opera 3^ classificata


Avrei voluto


Tante volte, sai,
dormo disteso sui miei sogni,
e ora che nel mio giardino
maturano i frutti più belli,
rincorro e raccolgo i pochi frammenti della tua vita
che cambiano colore di continuo.
Avrei voluto dipingere nella penombra della luna
le tracce del tuo viso,
il taglio dei tuoi occhi,
ma il profumo salmastro dell’amaro
mi ha lasciato senza foglie e senza grido.
Avrei voluto innamorarmi di te,
della tua pelle di mela,
dei tuoi capelli corvini,
ma ho chiesto all’acqua le tue forme
e ho bevuto solo tristi illusioni.
Avrei voluto sdraiarmi sotto un ciliegio
pieno di stelle rosse
e desiderare la tua compagnìa,
ma ho trovato un solo cuore
e un solo vento.
Allora ho custodito un nostro universo
dove affrescare la notte con un tuo sorriso,
assaporare le tinte del tuo aroma,
respirare il tuo volto nei fiori della terra, stringere il tuo corpo nei granelli di sabbia.
Ecco perché nel mio volo,
anche se non posseggo ali di farfalla,
guardo sempre l’altalena delle onde
e mormoro una difficile speranza:
vorrei sfiorare le tue mani e sussurrarti
“mi manchi”.


A mia sorella Monica, vissuta solo pochi giorni




Simonetta Gini


Opera 4^ classificata ex aequo


Ti cerco


Finisco sempre
dentro questa stanza,
piena di cianfrusaglie
e ricordi.
Ti cerco
tra bambole e collane,
tra libri e sedie,
dentro questa confusione.
Giro in tondo
per trovare
un pezzo di te,
di noi.
Un ricordo
che dica chi siamo,
che mi coccoli,
per sprofondare
nella sensazione,
nella consapevolezza,
di noi.
Il mondo dentro
questa stanza piena
è piccolo,
ho bisogno di più aria,
bramo più vita.
Ti cerco
tra le pagine di un libro,
tra il mappamondo e il divano,
tra cuscini e stoffe,
per riporti nella mia tasca.
Cercarti
mi fa sognare.



Gino Zanette


Opera 4^ classificata ex aequo


E allora ho guardato in alto il cielo


Fioriva la forsizia
smarrita nel prato delle prime viole
e componeva il vento ai davanzali
le antiche cantilene del podere
suppliche per zolle aride di pioggia.


«Tuo padre non ce la fa a morire».
E allora ho guardato in alto il cielo
E ho cercato i passi del coraggio


Bruciavano i rami del ginepro
la bianca croce di sambuco
era già verde nelle sue mani
legate dal rosario;
un leggero fiato lasciata
parvenza di brina sui baffi.
Lei gli scompose con grazia i capelli
prima di lasciarmi solo.
<«Chiudi bene la porta» sospirò lui
nel melodioso suono del silenzio
di quel meriggio caldo di febbraio
«che nessuno ascolti».
Chiuse gli occhi per raccogliere
forze e sollevarsi. E non sbagliare. Capii…


Mi voleva a fianco per l’ultimo comando
come era solito al tempo dei lavori
sui campi d’estate, arcigno
quando gli indugi erano funesti.
«Fammi restare qui, fino alla fine
fra pareti di gente che conosco
prima che si dilegui come un sospiro
ciò che di me resta ancora vivo».


Chinai il capo. E restammo così ad esplorare
i segni essenziali del nostro muto linguaggio.




Rosetta Capputi


Opera 6^ classificata ex aequo


Magia dei ricordi


Come vorrei una volta ancora
sentire sulla pelle
il respiro di quelle vecchie mura.
Il sussurro di parole lievi intonerebbe
col fruscio di fini vesti
una nenia melodiosa, culla dell’anima.
E per la scala sbiadita
mi parrebbe udire quella voce antica
augurare il riposo della notte.
Ma la porta è serrata
il tetto fatiscente quasi
e gli scalini d’accesso pungenti di ortica.


Un colpo secco apre l’uscio
sulla grande stanza di polvere fumosa.
Poco a poco tutto si rischiara e prende forma, come allora:
il focolare scoppiettante
stoffe e fili colorati
per la valente sarta e le apprendiste
e le note dalla radio di un motivo in voga.
Una giovinetta ecco appare in compagnia di un’anziana:
bianco il ciuffo intrecciato, caldi il timbro ed il sorriso…
…e un moto improvviso fluttua sulle rive del cuore
inondando il mio essere di calda luce.
Tutto sfuma dolcemente poi
nel riposo degli abissi più sicuri
lasciando sul viso… stille preziose.




Roberto Litterotto


Opera 6^ classificata ex aequo


Barbone


Vai
con i tuoi stracci
logori e puzzolenti,
col tuo mondo
racchiuso
in pochi sacchetti…
Un tozzo di pane,
vino in cartone,
poche cianfrusaglie
e la tua dignità…
Offeso e deriso
da un mondo falso
e impotente
che vede soltanto
lustrini e ricchezze…
e non sa riconoscer
la tua umanità,
i tuoi pensieri,
il tuo sguardo vacuo,
la tua storia,
il tuo ieri.



Barbara Santoni


Opera 8^ classificata


Eternità


Sarò la tua poesia…
cercherò di farti volare oltre i confini dei sogni
sarò pietra che assorbirà i tuoi dolori e sofferenze.
Proverò ad accarezzarti l’anima…
il mio pensiero ti darà forza quando mi cercherai…
Il mio cuore sarà anche il tuo cuore…
mi troverai sempre nei tuoi pensieri…
io lo capirò e volerò sempre verso te.
Ascolterai parole mai pronunciate prima d’ora.
Vedrai davanti ai tuoi occhi arcobaleni
disegnati da sorrisi e dolci pensieri …
Cercherò di farti capire cosa significa
sprofondare nella gioia …
Tutto questo è il presente …
Tutto questo è il futuro …
Tutto questo è l’eternità …




Loredana Di Bartolo


Opera 9^ classificata


Settembre


Verdeggia
al crepuscolo
la vegetazione della vigna
in piena mietitura
al cambio di stagione
sulla cenere cavata da orme
di luna bianca
e imburrata di fibre
di pergola sciolta,
Settembre
lievita in natura
fragranza di fiori
aromi d’agrumi
nettare e pollini.
Steli di fogliame
bulbi e ramoscelli
tremolano
appesi allo strepito
di una frescura
rarefatta d’ombra.
Soleggia
al pascolo
della semplice vita
impietrita
lo spirito errante
catturato
dal sensibile affascino
l’inspirato
alloro di benessere
i brividi d’emozioni
recuperi d’essenze.




Ottavio Cocco


Opera 10^ classificata ex aequo


A mia madre


Viso scarnito.
Di antica bellezza scolpito,
giri per la casa ormai vuota,
ma di tanti ricordi dotta.

Con la tenacia delle donne
della nostra terra,
otto figli allevasti,
senza risparmiarti.

Quante gonne inventasti
per le mie quattro sorelle,
e ricucisti per farle sempre più belle;
e i pantaloni ristretti o rifatti
per i più piccoli nati.

In cucina eri ormai la regina:
con quei quattro soldi e non di più,
deliziosi manicaretti variegati,
con fantasia creati,
profumavano l’ambiente sempre di più.

Attorniata da noi tutti,
eri ancora più bella
con i tuoi capelli canuti;
e raccontavi della tua infanzia,
dei giochi di allora ormai perduti.

Soprattutto a Natale,
quante cose belle
preparavi per tutti i tuoi figli,
con le tradizioni rispettate,

fatte di dolci e di atmosfere
infinitamente respirate;
ed assaporare con attenzione
i discorsi del babbo, finalmente
di buon umore e sorridente,

con i suoi occhi grandi,
verdi, da perdersi in un profondo
mare, fatto di sguardi attenti,
dolci come non mai, e lucenti.




Francesco Sielo


Opere 10^ classificate ex aequo


Piove


Piove sulle fiere di paese
sulle illusioni spezzate
sulle tende colorate
di un giorno di festa


Non ci sono porticati
né riparo tra i rami
spogli, le donne corrono
a testa bassa
nella pioggia battente


Così anch’io aspettando un treno
guardo la pioggia gocciolare
dalla lamiera di un tetto triste
ai sogni grigi nella mia testa.




Dal ponte della Melody


Breve intervallo di tempo
lunare
tra le onde del mare impazzito
Ci avvolge l’eternità,
il soffio sempiterno del vento.
Forse siamo noi fermi in lui
e il mare trascorre
in erte e valli lucide,
mobile e senza storia.
Ma dietro di noi
si richiude inghiottito il nulla
ed eternamente ricominciano
infiniti viaggi.



L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Il Club degli autori 2017-2018 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2016-2017 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2015-2016 - Trofeo Umberto Montefameglio XXII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2014-2015 - Trofeo Umberto Montefameglio XXI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2013-2014 - Trofeo Umberto Montefameglio XX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2012-2013 - Trofeo Umberto Montefameglio XIX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2011-2012 - Trofeo Umberto Montefameglio XVIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2010-2011 - Trofeo Umberto Montefameglio XVII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2009-2010 - Trofeo Umberto Montefameglio XVI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2008-2009 - Trofeo Umberto Montefameglio XV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2007-2008 Trofeo Umberto Montefameglio XIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2006-2007 Trofeo Umberto Montefameglio XIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2005-2006 XII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2004-2005 XI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2003-2004 X Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2002-2003 IX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2001-2002 VIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2000-2001 VII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1999-2000 VI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1998-1999 V Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1997-1998 IV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1996-1997 III Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153