Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Il Club degli autori 1998-1999
V Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 1998
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia Clicca qui per vedere l’ antologia

Risultati

Risultati Concorso Letterario Il Club degli autori 1998-99

  • 1° classificato Sergio Barbieri, Voghera (Pv) con la poesia Da una finestra sul passato
  • 2° classificato: Luca Albanese, Bordighera con la poesia Alcool
  • 3° classificato: Stefano Freddi, Casto (Bs) con la poesia Il grido dei gabbiani
  • 4° classificata: William Fratti, Busseto (Pr) con la poesia Solitudine
  • 5° classificato p.m. Antonio Capriotti, Porto d’Ascoli (AP) con la poesia Mareggiata
  • 5° classificato p.m. Lidia Pieri, Roma con la poesia senza titolo
  • 7° classificato: Marco Bellentani, Castelnuovo R.; (Mo) con la poesia Addio
  • 8° classificato p.m. Mario Nurchis, Sassari con la poesia Piccolo fratello nero
  • 8° classificato p.m. runa Spalla Lozza, Voghera con la poesia Alla stazione
  • 10° classificato Eugenio Mosconi, Piacenza con la poesia Asciugai gocce di pianto
  • 11° classificato Stefano Magenta, Trento con la poesia Alcòlia
  • 12° classificato Ilaria Giaconi, Prato con la poesia Selene la luna
Opere vincitrici

1° classificato

Sergio Barbieri

“Ciò che ho davanti a me adesso,
è il mio passato.
Devo indurmi a guardarlo
con altri occhi:
devo indurre Iddio a guardarlo
con altri occhi”

O. Wilde


Da una finestra sul passato

scorgo una ragnatela
che dona una trine grigia
a quei vecchi vetri e alzo una mano
per togliere il passato di un ragno.
Ma poi mi fermo – con la mano destra alzata – come se benedicessi tutto quello
che gli occhi e la mente
fanno rivivere:
in questo breve attimo di tempo
sento i suoni, vedo i colori, le persone
le strade bianche e le case basse di allora
e scorgo me stesso – fanciullo – correre e lottare.

Così resto lì, immobile – senza tempo – a guardare fuori di me – con lo stupore del vivere – per veder scorrere un’ultima volta
il mio passato.


2° classificato

Luca Albanese

Alcool


È buio l’angolo del bar dove trovo rifugio.

È buio come il cuore di chi non vuol vedere.

È buio come la solitudine
Accolgo ogni scalino di vita

che mi porta alla luce
ma affondo le labbra alla bottiglia

e muoio tra l’indifferenza

di chi non è mai stato nessuno
e nel nulla me ne andrò,

io angelo maledetto

ora esisto in un angolo di cielo
dove anche il nulla ha un cuore

dove la dignità di essere uomo è un valore

dove le bottiglie sono vuote

e gli angoli del bar sono pieni d’amici


3° classificato

Stefano Freddi

Il grido dei gabbiani


Non ero arreso

alle urla della notte

sulle vie lastricate

della mia cavità.

Sul ciglio dell’abisso

percorrevo le mie orme

e un ardire viola

nella lumiera

rischiarava il nulla.

Le ombre

si giocavano in danze,

della mia carcassa

il fremito di canti perduti

e un andamento diluito

assetava la polvere.

Ero giunto

alle sponde mattutine,

là,

tu attendevi anima

il grido dei gabbiani.


4° classificato

William Fratti

Solitudine


La vecchietta guardava fuori dalla finestra
i tetti innevati e il fumo grigio
dei camini e della città
I fiocchi scendevano uno ad uno
e si posavano soffici sul manto bianco
e nerastro della neve bucata dal sole
e dalla pioggia fredda e ghiacciata
Quel senso di solitudine
quei cuori gelidi
ma quella gioia sprigionata
dai bambini e imprigionata
nei loro occhi
si nascondeva sotto lo scialle
calcato sulle spalle stanche della vita
E il rosario intrecciato
in quelle grossa dita gonfie
tintinnava contro l’anello di nozze
che fu presagio di morte
e il suono ripetuto scandiva
i palpiti del povero
cavallo ansimante
che trascinava a stento la
grossa slitta carica
di fanciulli felici
per la nevicata della notte
Ma solo gl’inconsapevoli
potevano non accorgersi
della luce che si andava
spegnendo dietro quelle tende
accompagnate da nobili
preghiere di pietà
che almeno di là
non ci sia la solitudine


5° classificato p.m.

Antonio Capriotti

Mareggiata


Forte vento di mare
impazza stasera
a percuotere d’onde rancorose
il lido che raggruma
al flusso di retrattili biancori.
Altro non s’ode intorno
che fragore invariato
di risacca, e il cuore teme
frangere celato di barca
in rotta solitaria chissà dove.

Domani in luce d’oro
io veda volgere sereno
di sguardi al mare placato,
e compagno mi sia
andare quieto d’ombre
su distesa rena, tra misture
sparse di sterpi levigati
e di conchiglie offerte
a festeggiante volo di gabbiani.


Autunno


Tornano brevi le giornate
e allarga le sue rotte
alla malinconia
il tempo ch‘è fatidico d’addii.
Non c’ingannano parate
ultime di soli: a sera
nebbie s’accovacciano
alle porte cui si torna
camminando tristi lungo viali
dove a strati marciscono ingiallite
le foglie rigogliose dell’estate.


5° classificata p.m.

Lidia Pieri


come il riflesso della pioggia
nell’aria lunghe ombre

da sotto la strada
parole di uno spirito perso
che tremano
nel vento
come trema il fuoco
da sempre
senza che ce ne meravigliamo

controvento
parole interminate
di silenzi solitari
che non hanno risposte

vedono capovolte
in un mondo sconosciuto
immagini perfette
come riflessi stanchi
e lunghe ombre vuote,
personaggi di un palcoscenico
il cui sipario scende
con la pioggia

ma che dimenticano
di essere tali


7° classificato

Marco Bellentani

Addio


C‘è un po’ di silenzio se un uomo
pensa di esser disperso nello spazio siderale;
vedere le lontane stelle, il loro splendore,
ma perire di freddo,
quiete e fragilità.

È un liquido, la vita del solitario
È un falso suono la sua speranza
È un fuoco che brucia il passato il suo futuro.

...

Farfalle, angeli e violini
nel tempo fermo
in un momento bianco
la musica che muore.

Patetica è la genitrice
dei mali dei folletti,
mobili e zitti come i fruscii
nel campo, nudi.


8° classificato p.m.

Mario Nurchis

Piccolo fratello nero


Piccolo fratello nero
prigioniero senz’anima
spogliato di libertà e dignità
perdona – ti prego – il piccolo fratello bianco

Piccolo fratello nero
hai reso grande
il piccolo fratello bianco
col tuo lavoro
nei campi assolati
del profondo Sud
regalandogli
in cambio del tuo dolore
il tuo blues

Piccolo fratello nero
quando il piccolo fratello bianco
vecchio e solo morirà
erediterai il mondo
e quando saprai di essere grande
risparmia – ti prego – il piccolo fratello bianco:
anche lui aveva un’anima


8° classificata p.m.

Bruna Spalla Lozza

Alla stazione


Non sono più andata
ad aspettare qualcuno alla stazione – l’ultimo sei stato tu tanti,
tanti anni fa: forse ricordi -.
Venivo quando pioveva o nevicava
e tu – come al solito – non avevi ombrello.

Passeggiavo lungo il marciapiede
o fingevo di guardare i giornali nell’edicola
solo per darmi un tono e nascondere il rossore – ero tanto giovane, quasi una bambina -.

Era così evidente che aspettavo un uomo:
sorrideva chi sapeva che attendevo l’amore.

Scendevi dal treno e il tempo si fermava
come si arresta oggi
quando mi guardi e negli occhi
hai lo stesso sorriso di allora.


10° classificato

Eugenio Mosconi

Asciugai gocce di pianto


La violenza dell’acquazzone
consigliò sosta al viaggio
nel cuore della campagna.

La stanchezza condusse
sul letto dei ricordi.

Cullati dalla nenia
d’una malinconia crescente
gli occhi lentamente
s’arresero.

Asciugai, al risveglio,
gocce ancora fresche
di pianto.

Ma già, all’orizzonte,
tra la fine del cielo
e l’inizio della terra,
sempre più s’allargava
una tavolozza d’arancio
e il sole, fuoriuscendo,
squarciava il velo delle nubi.

Accecante,
rischiarò scattanti
evoluzioni di rondini
e morbidi voli di tortorelle
sui campi di grano maturo.

Fu il rassicurante annuncio
anche al mio cuore
del ritorno al sereno.


11° classificato

Stefano Magenta

Alcòlia


Volendo
potremo anche nasconderci
negli attimi

tra menzogne
e risate

piangere l’amore ucciso
le ali nivee imbrattate
e le ferite intorno

Volendo
potremmo anche uccidere
stelle
e costellazioni

se solo
tutto fosse sinfonico
se solo
tu credessi in me

potremmo anche intonare
madrigali neri
e baciarci
tra strali notturne.


12° classificata

Ilaria Giaconi

Selene la luna_

Da sempre
di notte
si specchia nel mare
e soddisfatta
del suo pallido splendore,
seduce il mondo
con la sua magia.
A volte
è triste il suo sguardo,
ma forse è solo delusa
perché eterna spettatrice della vita,
tacita compagna di solitari pensieri,
orbita sui sogni dei mortali.


Farfalla


Danza allegra, briosa
e poi con dolcezza
sui petali riposa.
Principessa colorata
dura un giorno
la sua vita.
Dall’alba al tramonto
è un soffio d’amore
un solo giorno
nel quale
accarezza ogni fiore.
Non conosce
la notte
baciata dal sole
fuggevole ebbrezza
fra primule e viole.
Lieve e fugace
l’ha voluta
la sorte
come rapido il passo
dal sonno alla morte.

L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Il Club degli autori 2017-2018 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2016-2017 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2015-2016 - Trofeo Umberto Montefameglio XXII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2014-2015 - Trofeo Umberto Montefameglio XXI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2013-2014 - Trofeo Umberto Montefameglio XX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2012-2013 - Trofeo Umberto Montefameglio XIX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2011-2012 - Trofeo Umberto Montefameglio XVIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2010-2011 - Trofeo Umberto Montefameglio XVII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2009-2010 - Trofeo Umberto Montefameglio XVI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2008-2009 - Trofeo Umberto Montefameglio XV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2007-2008 Trofeo Umberto Montefameglio XIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2006-2007 Trofeo Umberto Montefameglio XIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2005-2006 XII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2004-2005 XI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2003-2004 X Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2002-2003 IX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2001-2002 VIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2000-2001 VII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1999-2000 VI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1998-1999 V Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1997-1998 IV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1996-1997 III Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153