Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2002
V Edizione

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Premiazione – Si è tenuta il 21 luglio alle ore 11,00 presso a la Pila del Castello di Sartirana Lomellina (Pv).
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Sezione Poesia in lingua italiana:

  • 1° classificata: “La notte di San Lorenzo” di Lilia Derenzini, Travacò Siccomario (PV).


Vince Euro 154,94 (L. 300.000) – Targa del Comune di Sartirana Lomellina – Buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 2° classificata: “Senza titolo” di Cristiano Comelli, Legnano.


Vince Euro 103,29 (L. 200.000) – Targa del Comune di Sartirana Lomellina – Buono valido per la pubblicazione di un quaderno con copertina di 16 pagine di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 3° classificata: “Morte di una madre afgana” di Salvatore Masullo, Caserta.


Vince Euro 51,65 (L. 100.000) – Buono valido per la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 16 pagine di cui riceverà 50 copie gratuite – Targa del Comune di Sartirana Lomellina – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


Vincono attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it:


  • 4° classificata: “Niños de rua” di Umberto Vicaretti, Luco dei Marsi (AQ);
  • 5° classificata: “Alta Val Taro” di Fausto Serpagli, Bedonia (Parma);
  • 6° classificata: “Noi, piccoli grandi homini” di Martina Segre, Milano;
  • 7° classificata: “Nonno” di Katia Marionni, Marotta (PV);
  • 8° classificata: “C’era una volta” di Maria Clara Quinale, Lomello (PV);
  • 9° classificata: “Il perché delle cose” di Maurizio Rizzo, Marsala (TP);
  • 10° classificata: “Un giorno, da piccola, guardai mio nonno scrivere” di Elisa Ferrari, Castelnuovo Rangone (Modena).


La cerimonia di premiazione si è svolta domenica 21 luglio 2002 alle ore 11,00 presso la Pila del Castello di Sartirana Lomellina.

Opere vincitrici

Lilia Derenzini

1° classificata

La notte di San Lorenzo


L’infinito
mi ruba
lo sguardo
su di un manto
tremolante
di stelle
frammenti
di sogni
nell’afa
di agosto
la luna
intesse ricami
sul Ticino
è la notte
di San Lorenzo
per il mio involto
di sogni innamorati
tra i tetti
di Travacò
l’universo
è immobile
in questo
piccolo mondo
tra due fiumi
mi attrae il silenzio
l’involto si apre
ne escono frasi
mai dette
cose non fatte
rubate alla
vita di sempre
dalla luna di agosto.


Cristiano Comelli

2° classificato


Carcere,
casa dei miei fallimenti,
le sbarre come primo,
invalicabile limite,
d’un’esistenza,
al di là d’ogni regola.


La penna come prima,
vera amica
estensione di sublimi pensieri,
che sempre ho nascosto al mondo.


Arma per sparare parole,
sul mio passato,
nauseabondo come il lezzo,
che promana da cadaveri decomposti.


Un raggio di sole,
penetra le sbarre fredde,
come sogni nudi.
vestiti da illusioni.


E gioco a pensare
Di poter ritornare a vivere
senza vergognarmi.


Salvatore Masullo

3° classificato

Morte di una madre afgana


Lo sguardo smunto e senza pace
sul frutto tuo che al seno allatti,
nutrice non più gravida di linfa
sull’arsa terra che conduce a morte.


Palme chiare scavate dagli stenti,
denti in fuori a mordere la rabbia,
rami secchi agli angoli degli occhi
e un velo di tessuto che ricopre
quel breve gocciolar che bagna il viso.


Nostalgie di fiumi e d’argini fecondi,
di noviluni spesi intorno a’sacri fuochi
quando l’eco delle danze e dei tamburi
vibrava forte nei visceri terreni
fin dentro la tua stanza ove cullavi,
al canto di guerrieri generosi,
i tuoi sogni primitivi di fanciulla.


Ricordi antichi di un’età svanita
nell’avida terra, tra l’aride pietre,
di gesta superbe non più cantate,
di nenie tribali divenute pianti,
di madri fiere dentro le capanne…


Ora solo i gemiti a vagar sugli altipiani,
di questa Kandahar che non ha più voce
né terre su cui tracciare solchi,
né piante di cui godere i frutti,
né sogni, né memorie familiari.


Nubi polverose sui declivi
spinte dal vento secco di stagione
ove il respiro tuo s’impiglia
e annaspa tra i bagliori del tramonto.


La pelle cede e ha un ultimo sussulto
al labbro ritmato del tuo frutto
che succhia dai tuoi seni inariditi
la speme d’un futuro cancellato.


E allora volgi il guardo tuo morente
sui campi un tempo sazi di granduro
ove l’immago tua rivedi ancora
tra le braccia vigorose dei tuoi avi…


Umberto Vicaretti

4° classificato

Ninos de rua


(Ai “ragazzi di strada” del Brasile)


Ninos de rua
figli del vento e delle stelle
(giorni e sorrisi strappati al buio ed al silenzio
soffio misterioso della vita)
ninos de rua rubano il sole
a Rio
in Avenida Presidente Vargas.
Ninos de rua
argento vivo corrono giocano
come gli altri ninos ridono perfino
solo a volte un poco tristemente.
Ninos de rua
imprendibili folletti
intralciano giardini e plazas
corrompono la vista di Rio meravigliosa.
Ma questa notte
il piede dei soldati batterà le strade
e all’alba splenderanno indenni
nette avenidas e superbe aiole
(concimate col sangue dei bambini
concimate col sangue caldo dei bambini!...).
Ah! ninos de rua
carne senza memoria
grido inascoltato della terra!
Io non sono che un poeta
e altro non ho per voi che le parole:
ora che la notte è più profonda
(più non vi duole il cuore né brucia la ferita)
venite invisibili a percorrere
immemore e leggero il passo
le strade della terra.
Entrate nella nostra vita
(ignoti vi sono il rancore e la vendetta)
e insieme agli altri ninos senza nome
dolcemente e per sempre
(per sempre) conquistate il mondo.


Fausto Serpagli

5° classificata

Alta Val Taro


Oasi che spuma
salubre e squisita
è incantevole il paese
che disseta la mia vita.
Con i stupendi tramonti
posso godervi i silenzi
il cantare dei grilli
cinguettii diversi
serenate d’amore.
Profumi, sapori d’un tempo
armonie diffuse nell’aria
voli planari nel cielo
diletto e piacere dei sensi.
Nei suoi boschi ridenti
c‘è la cinciallegra che canta
mentre la libellula danza
la gioia di vivere.
Dimensione sublime
di un mondo sereno
dove i doni del cielo
gusto di più.
Quà vi scorre un torrente
dai flutti e gorgoglii festosi
par voglia dire


la vita è bella quassù.


Martina Segre

6° classificata

Noi, piccoli grandi homini


Piccoli.
Sì! Piccoli e insignificanti
Ci hanno definiti così, in tanti.


Io sono piccola, è vero
ma insignificante non lo sarò mai.
La mia voce risuona nell’aria.
Il mio passo accarezza la terra.
I miei occhi non sono mai sazi.
La mia vita và oltre una serra.


Non smetterò mai di ascoltare.
Non rinuncerò mai a parlare
nemmeno se un giorno sarò costretta a bisbigliare.


Dirò sempre ciò che penso
anche se potrà sembrare senza senso.
Sono piccola, è vero.
Ma ho una cosa grande davvero: il pensiero.


Katia Marionni

7° classificata

Nonno


Vorrei sapere come sei
dentro la tua corteccia dura
silenzioso
eppur così vivo
nei ricordi di una bambina.
Vorrei vedere
se ti ricordi com’era
quella bimba
che ti cercava ogni momento.
che ti sorrideva.
Nonno
avrei voluto dirti
molte più cose,
ma il tempo ci ha ingannato
e ora
posso solo ricordare com’eri
e ciò che hai lasciato
immortale;
ieri agli occhi di quella bimba,
oggi
nel cuore di questa donna.


Maria Clara Quinale

8° classificata

C’era una volta


Quando la notte i pensieri
sono stelle
che in lenta mutazione
vanno a scivolare
in una vecchia cascina,
ricordi smussati
diventano vita.


Inchioda tempo il pensiero
e rivedo la regina delle risaie,
con le gambe a mollo, china,
e la pelle bruciata…
sotto la grande caplina
nascondeva bellezza
aspra e selvaggia,
che servile
accomunava alla fatica.


Ora la ritrovo solamente
nelle tele
d’un pittore d’altri tempi,
e come triste Arlecchino
ricucio di ricordi
l’abito del tempo che cambia
mentre il mio pensiero
semina nostalgie nel cascinale
dove anche le vecchie case
sbadigliano
e il cielo, malinconico,
guarda specchi d’acqua
rinverdire, senza canti.


Maurizio Rizzo

9° classificato

Il perché delle cose


Lo specchio rifletteva immagini distorte
e pensavo a quante cose son già morte
ho una casa su un monte inesistente
dimora dei sogni, della vita, della mente


Volavo, schivando i peccati e le passioni
sopravvivevo a sole, venti e alluvioni
sapevo il perché delle cose tutte
finché un giorno non le avete distrutte


E i bei pensieri, i sogni, l’atmosfera
chiudendo gli occhi ne facevo primavera
i paradisi, gli inferni e una terra
fantasie di pace, nessuna guerra.


Ho offerto il bene senza chiedere niente
ho avuto dolore per anima e mente.


E or mi rimane sfregiata la schiena
il sangue che sembra un fiume in piena
nello specchio c‘è la smorfia del mio viso
allorché le ali mi hanno reciso.


Elisa Ferrari

10° classificata

Un giorno, da piccola, guardai mio nonno scrivere.


«Frenesia di mani legate
Perfidi e solenni semi di morte
Cadono nell’inganno di una pioggia innocente
S’innalzano lamenti di fumo nefasto
E docce di silenzio omicida
Squarciano titanica bestialità.
Uccelli a cui solo una gabbia può dare libertà
Schiudono gli occhi sul consueto niente
In una notte a cui non seguirà mai più la luce di un sole».


Sorrideva.
Immaginavo stesse scrivendo una poesia meravigliosa.


– Nonno, che stai scrivendo? – gli chiesi.

– Tanti sorrisi che ho dimenticato lungo la strada – rispose.

– Capisco… il numero che hai scritto sul braccio…

Io intitolerei la poesia
«130.604: I sorrisi che devo recuperare»
Tu che titolo avevi in mente? – gli chiesi –


Sorrise ancora più profondamente.
In Silenzio… rispose:


– Stupidamente, avevo deciso di intitolarla:
«AUSCHWITZ» –


L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2015 XVIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2014 XVII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2013 XVI Edizione «Una Terra fatta d’acqua»
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2012 XV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2011 XIV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2010 XIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2009 XII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2008 XI Edizione Premio di Poesia
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2007 X Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2006 IX Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2005 VIII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2004 VII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2003 VI Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2002 V Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2001 IV Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2000 III Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1999 II Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153