Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012
XX Edizione

Ultimo aggiornamento: 15 Aprile 2015
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

  • Resi noti i risultati.
  • Online l’antologia del premio che è stata spedita dal 5-02-2013 al 22-02-2013 – Spedite in data 09-11-2012 le bozze – Inviata in data 30-05-2012 la comunicazione agli autori ammessi.
  • La premiazione si è tenuta sabato 2 febbraio 2013 alle ore 15:00 presso l’Auditorium «Recagni» della Scuola Sociale Accademia delle Arti in via Marconi 21 a Melegnano con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale Assessorato alla Cultura, presente l’Assessore alla Cultrua Raffaela Caputo. Direzione artistica a cura di Fabrizio Ferrari. Lettura dei testi a cura di Fabrizio Ferrari e Cristina Petriccioli. Separi musicali a cura del gruppo «L’Anomalia – il quartetto» composto da: Fabrizio Ferrari, Manuela Grignani, Stefano Locatelli e Veronica Marcato.

Online le fotografie Prima parte slide showPrima parte scaricabileSeconda parte slide showSeconda parte scaricabile

Risultati


Classifica finale della XX Edizione del Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012


Classifica Sezione Poesia:

  • 4° class. ex aequo Finalista «M» con «A Giovanni L. » Maria Rita Sirri, Cesenatico (FC)
  • 4° class. ex aequo Finalista «N» con «Antico amore» Antonietta Ursitti, Foggia
  • 6° class. Finalista «H» con «Sempre…» Liliana Paparini, Bresso (MI)
  • 7° class. Finalista «B» con «Ricamo» Pietro Ciampa, Pratola Peligna (AQ)
  • 8° class. Finalista «E» con «Al focolare» Elena Malta, Pianella (PE)

Dal 4° al 12° classificati: Vincono Attestato di merito – Pubblicazione della poesia sulla rivista Il Club degli autori, sull’Antologia del Premio Sezione Poesia con assegnazione di 2 copie gratuite a ciascun Autore e su Internet


Classifica Sezione Narrativa:

  • 1° class. Finalista «D» con «Il cuore di un gamberetto è nella testa», Daniele Furlanis, Zelo Buon Persico (LO). Vince Targa Marguerite Yourcenar – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 100 copie all’Autore – Pubblicazione del racconto sulla rivista Il Club degli autori e su Internet – Attestato.
  • 2° class. Finalista «M» con «Echi di memorie», Antonio Urru, Padova
  • 3° class. Finalista «E» con «Di villaggi, gigli bianchi e carillon», Diego Giuliani, Palazzo Pignano (CR)
  • 4° class. Finalista «I» con «Il pescatore di siluri», Stefano Reggiani, Reggio Emilia
  • 5° class. Finalista «G» con «Presti e il caso del dio insicuro», Riccardo Landini, Reggio Emilia
  • 6° class. Finalista «F» con «Uomini soli», Patrizia Invernizzi Di Giorgio, Padova
  • 7° class. Finalista «N» con «Il rumore delle pietre di Dachau», Trento Vacca, Morano Calabro (CS)
  • 8° class. Finalista «A» con «San Giuliano sul lago», Marina Casali, Roma
  • 9° class. Finalista «L» con «Il Belvedere», Antonio Sartor, Conegliano (TV)

Dal 2° class. al 12° classificati: Vincono Attestato – Pubblicazione del racconto in Volume Antologico dei racconti vincitori della sezione Narrativa, edito dalla casa editrice Montedit, con assegnazione di 5 copie gratuite a ciascun Autore – Pubblicazione dell’opera premiata su Internet


La premiazione avverrà a Melegnano nel mese di gennaio 2013 in data e luogo da stabilire. I vincitori verranno tempestivamente avvisati a mezzo posta e tutti i partecipanti riceveranno una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.


Opere vincitrici


Claudio Prili

Opera 1^ classificata

Il gioco nascosto

Chiamavi il sole per asciugare
queste nuvole in catene
che il cielo non riconosceva
e poi correvi alla fontana
per riempire le tasche
di acqua e trasparenze d’ossigeno.

A sera la tua piccola anima
si sdraiava sul tavolo in cucina
e lenta colava sul pavimento
per sposarsi alle ombre del cortile.

La notte si muoveva piano
sulla bocca di una luna
che pregava tra le tegole di una chiesa
ed il vento già tracciava le distanze
dai colori stanchi
di una breve eclissi sul mare.

Poi tornavi verso casa
e mangiavi un po’ della tua terra
che sapeva di sale e mandorle amare.


Luisa Foddai

Opera 2^ classificata

Cos’è…?

Cos’è quel tremolio
di stelle lassù che
accende il tormentato
nero di una notte?
Cos’è quell’insonne
languore che desta il riposo
e l’anima affama?
Quell’impertinente
perseverare su canti
già pianti e reclusi,
tra i miei vegliardi
e logori merletti?
Ah solingo palpito crudele!
Vertigine insolente
perchè scegli ancora
le mie ossa rotte?
La vita le ha già scritte
scegliendo lettere
sconosciute.
Il vento le ha poi scavate
e il mare ripulite
deponendovi conchiglie
senza perle!
Lascia ora che sia solo quel suo
raggio mattutino infranto
sul mio dolente viso,
allungato come
una carezza calda
nell’aria quotidiana
di pane profumato…
a crocifiggermi
il respiro!


Gennaro Moretti

Opera 3^ classificata

Malinconia serale

Cullano l’aria lontana
gli svogliati rintocchi
di una campana.
Tradisce gli occhi
e la mente
il sipario di nebbia
autunnale
e regala il rimpianto
del canto di cicale
e del ricamo
di stelle lucenti
nell’estate splendente.
Scivolano sospese
nel grigio cielo
della vita
chiare nuvole
di ricordi
e, tra i silenzi desolanti
di questo giorno
che muore,
come macigni rotolanti
sulle ferite del cuore,
rincorrono i pensieri
smarrite serenità.


Maria Rita Sirri

Opera 4^ classificata ex aequo

A Giovanni L.

La notizia arrivò col riverbero dello sparo,
tuono nelle nostre vite acerbe,
e segnò per sempre il cuore di ognuno.
Compagno di scuola,
inutile fardello di un giorno di Pasqua,
respiro pesante e solitudine,
sogni strappati come petali a terra.
Il dopo, una corsa ad ostacoli,
rimossa la sedia vuota,
imparammo a convivere
col silenzio dell’assenza,
di una parola fraintesa,
di un pensiero lontano che non muore,
soffio leggero che non sa svanire.
Ancora ti cerco
fra domande abbandonate,
ormeggi vuoti di un tempo ormai concluso,
sussurro fra le mie parole,
in preghiera la sera.
Potessi
regalarti colori intensi come desideri,
brillanti al sole,
ti stringerei, figlio mio,
fino al mattino.
Ti racconterei
che ho rincontrato lo sguardo ferito,
un freddo dicembre,
disperazione e follia,
una ragazzina in fuga, fragile.
Tremava,
con te l’ho raccolta e riscaldata
rosa profumata,
sbocciata fra le mie dita.

(suicida a 18 anni)


Antonietta Ursitti

Opera 4^ classificata ex aequo

Antico amore

Coste montane
assolate, carezzate
dal vento mattutino…
Mosso il drappo
celato nell’ombra
gioca col lembo…
Gode la vista
l’occhio alla finestra…
Istantanee volute
dal tempo fermato
da voglie cercate
tra gli alberi…
La corteccia parla
sillabe riecheggiate
tra le vallate…
Verde scuro si alterna
al giallo della radura
saltella il grillo
tra i cardi viola…
Muschio bruno di terra
indica il passaggio
degli orsi marsicani
tra le vette padroni di sentieri
incontaminati
mossi da antico amore i pensieri…


Liliana Paparini

Opera 6^ classificata

Sempre…

Sempre mi muove,
sciolte le ombre,
nell’ora più intima e cara,
la voglia di averti accanto.

Sorprenderti sempre,
ogni giorno qualcosa inventare.
Sedurti festosa,
con tenerezza di sguardi
e ironia da Grandi.

Succosa albicocca, ti dico,
senza nocciolo, su cui contare.
Vellutata colomba, dalla sottile caviglia
e capelli annodati alla nuca,
con tatuato, di fresco,
il tuo nome sul cuore.

È un divertente gioco a due
il nostro,
a carte scoperte,
senza tavolo verde,
scaltri di cuore e di mente
ma onesti e felici.

Né vinti né vincitori…
sempre alla pari coi punti.


Pietro Ciampa

Opera 7^ classificata

Ricamo

Accendi ancora
La luce del tempo,
non siamo legno tarlato
d’antiche persiane,
prendi la vita
per ricamarla ancora
col filo dei sogni
nell’ago dei giorni,
ed io il telaio
d’antico legno
del tuo ricamo.


Elena Malta

Opera 8^ classificata

Al focolare

C’è una sedia impagliata in cucina
e la fiamma, tranquilla al camino,
balla vivace dai ciocchi di quercia.
C’è il chiarore di un cielo d’inverno
che dai vetri annuncia la sera.

Traballa la fiamma nel buio
mossa non so da che volo,
danzano ombre d’intorno
e un gioco di luce, dal fuoco,
dipinge un profilo sul muro
di giovane donna seduta.
Il capo è coperto di ricci,
le mani, intente al filato,
sferruzzano sciarpe di caldo,
intrecciano trine di sogni
e ricami di giorni
nei vuoti e nei pieni dei mille trafori
e passano poi dolcemente
tenere dita d’amore
nei riccioli sulla mia fronte;
mi accoglie raccolta nel grembo
mi canta sommessa l’incanto
di quelle antiche canzoni
ora sepolte nel cuore e dondola piano
la sedia, cullando materna la vita.

Scoppiettano mille faville,
sprizzando, dai tronchi di brace,
una folla festosa di punti di luce.
Mi chiamano belle, vivaci
e affamate le voci chiassose dei figli.


Antonietta Manzo

Opera 9^ classificata

Dei bimbi non sento più il riso

Dei bimbi non sento più il riso,
il suono argentino
che inonda nell’anima stanca,
curando gli insulti del tempo.
Dei bimbi lo sguardo è vestito
d’immagini d’orchi incombenti,
subiti e vissuti ogni giorno
senza le adulte difese,
nutrendo un sentire malsano,
molesto e foriero
d’inevitabili pene.
Dell’amore orfani nascono
i bimbi già al primo vagito,
sottratti al diritto
di essere fragili,
riflessi supini di aneliti altrui,
germogli di alberi sterili,
strumenti di carne in un rissoso mercato.
Catturano l’interesse
quando, rabbiosi di futili ansie,
impugnano una pistola.


Clara Bianchi

Opera 10^ classificata

Incerta parola

Cade sospesa l’incerta parola
e diventa preghiera di verità
portata alle labbra in libero canto,
dell’audace il fiero cimento ridesto,
ma tuona il silenzio dell’assenza
sull’arduo cammino del mondo.

Il cuneo della storia incide parole a narrare
di vite immolate nel fuoco che incendia
sulfurei fumi di campi flegrei
esplode la terra in lapilli di guerra
a mutilare i giorni in pianto
di ciglia tremanti,
crudele accanirsi sui cuori dei deboli.

Serpeggia onda anomala del nulla
nell’egoismo puerile della vanità
disilluse forme di gravidi giorni
nel perverso gioco della finzione.

Ripetersi di vittorie e sconfitte
assalti e ritirate sul fronte
sterile dell’imbarbarimento
dove s’immolano ideali e sogni
sull’altare dell’ipocrisia,
la parola ancora unica via di umana salvezza.


Serafino Randazzo

Opera 11^ classificata

Fine settembre

Non c’è aria di festa qui, né di buoni raccolti…

Lascio la campagna
alle foschie di questo fine settembre…
inforco la bici e mi rotolo
sul più vicino sentiero
ricamato d’erbacce e pietre spuntate…
un contadino si sbraccia,
vorrebbe che lavorassi
nei campi… ma io lo ignoro.

Non c’è aria di festa qui, né di buoni raccolti…

Quando il sentiero finisce
vedo il saggio di campagna.
La sua voce mi sfiora appena:
«hai tutta l’aria di un galantuomo, stamani!»
Non penso sia possibile,
mi avrà scambiato per un altro…
Rinforco la bici e me ne vado in città.

Non c’è aria di festa qui, né di buoni raccolti…

Mi fermo sul ciglio della strada,
guardo l’asfalto e guardo
le mie mani callose… di campagna.
Allora torno indietro
e rivedo il contadino che ancora si sbraccia.

Non c’è aria di festa qui, né di buoni raccolti
in questo fine settembre…

…ma quest’aria è ancora così buona!…


Silvia De Angelis

Opera 12^ classificata

Senso d’infinito

la mano si è posata con forza
su parabole vitali ferendomi a dismisura
eppur da quella sofferenza ho tratto un vanto
e senza retrocedere ho varcato il limite del cerchio
scrutando oltre
Ho assimilato colori d’ocra e nuova luce
nel gemito di foglie aleatorie nel vento
Nell’odore d’aliti di primavera
ho tratto semi germoglianti natura
Migro ora coi polsi liberi da legature
ampliando ascolti aperti a inedite impronte
in una piazza ove si racchiude il senso d’infinito


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2017 XXV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 XXIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2015 XXIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2014 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2013 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2011 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2010 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2009 XVII edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2008 XVI edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2007 XV edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2006 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2005 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2004 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2003 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2002 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2001 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2000 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1999 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1998 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1997 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1996 IV Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153