Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Il Club degli autori 2012-2013 - Trofeo Umberto Montefameglio
XIX Edizione

Ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2014
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:
  • Resi noti i risultati in data 21-10-2013
  • La premiazione si è tenuta sabato 25 gennaio 2014 alle ore 15:00 presso l’Auditorium «Recagni» della Scuola Sociale Accademia delle Arti in via Marconi 21 a Melegnano con il patrocinio della Città di Melegnano Assessorato alla Cultura. Direzione artistica a cura di Fabrizio Ferrari.
  • Online le fotografie: Prima parte slide showPrima parte scaricabileSeconda parte slide showSeconda parte scaricabile
  • Gli Autori finalisti hanno ricevuto copia dell’Antologia mediante la quale voteranno le opere migliori decretando così la graduatoria finale del concorso.
  • L’Antologia è stata spedita dal 27-06-2013 al 03-09-2013 – Spedita in data 22-05-2013 la bozza dell’antologia agli autori inseriti – Spedito in data 04-01-2013 la comunicazione a mezzo lettera agli autori ammessi all’antologia del premio su cui saranno inserite le opere di poesia selezionate.
  • Saranno i lettori stessi a votare le opere preferite determinando così la graduatoria finale del concorso.
Risultati

È stato ultimato lo spoglio delle schede di votazione della XIX Edizione del Premio di Poesia Il Club degli autori 2012-2013 – Trofeo Umberto Montefameglio. Il concorso prevedeva infatti che le opere selezionate dalla Giuria tecnica del Premio, composta da Massimo Barile ed Adriana Montefameglio, venissero pubblicate in un volume antologico all’interno del quale si trovava una scheda di votazione sulla quale apporre dieci preferenze considerate a pari merito. La rosa dei vincitori è quindi il risultato della somma delle preferenze conseguite da ciascun poeta da parte dei lettori. Questa dunque la classifica finale decretata dai lettori del volume:


  • Opera 1^ classificata: con 43 voti: «Nonno» di Stefano Biasuzzi, Villorba (Tv). Vince: Trofeo Umberto Montefameglio – Pubblicazione di un libro di 48 pagine edito dalla Casa Editrice Montedit con assegnazione di 100 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Opera 4^ classificata ex aequo con 37 voti: «Il viaggio» di Daniela Anita Gaibotti, Segrate (Mi).
  • Opera 10^ classificata ex aequo con 30 voti: «Amore malato» di Giulia Guarnaccia, Catania.


Dal quarto al decimo vincono: 30 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la Casa Editrice Montedit – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito internet del Club degli autori – Attestato di merito



La premiazione si è tenuta sabato 25 gennaio 2014 alle ore 15:00 presso l’Auditorium «Recagni» della Scuola Sociale Accademia delle Arti in via Marconi 21 a Melegnano con il patrocinio della Città di Melegnano Assessorato alla Cultura. Direzione artistica a cura di Fabrizio Ferrari. Online le fotografie: Prima parte slide showPrima parte scaricabileSeconda parte slide showSeconda parte scaricabile


Opere vincitrici



Stefano Biasuzzi


Opera 1^ classificata


Nonno


Di nuovo attore
nei miei ricordi,
minuto ma imponente
nel tuo andar per campi
brandendo la malacca,
ed io a ruota,
cavalletta curiosa,
seguivo la nostalgia dei tuoi racconti
mentre dita stanche
indicavano l’eroico Piave.
Locomotiva ansimante
su binari incerti
con sottofondo di fiabe incolori,
nel guardare l’orizzonte
velato di solitudine
trovasti il capolinea.
Grazie
per avermi tenuto per mano
mentre godevo
del profumo della vite.




Clara Bianchi


Opera 2^ classificata ex aequo


Piccola rondine


Scivolasti via nel passo silenzioso della notte,
nel tempo di una foglia che lascia il suo ramo,
volteggia un incanto rossastro
guizzo d’autunno nell’aria turpe
di un vile mattino di corone fiorite,
la beffa nell’azzurro sfacciato del cielo
nella luce grondante oro fra le colonne di marmo.
Scivolasti via silenziosa e discreta
eterea creatura di sogni danzanti in punta di piede,
ballerina della vita in prima linea,
i tuoi sogni sull’ali leggere di libellula.
Non ci saranno più aurore né tramonti
ad accogliere i tuoi voli migratori,
piccola rondine che lasciasti il tuo nido
sulle acerbe ali della primavera,
che stringesti a te il coraggio di lottare,
di sperare al di là del domani,
al di là dell’impossibile,
sogno inevaso fra le barriere del dolore,
il tempo sfumato in un battito di vita.




Giancarla Melecci


Opera 2^ classificata ex aequo


La figlia che non fu…


Mi nutrii nel tuo corpo, madre,
mi dissetai nel tuo grembo, madre,
mi amasti madre?
Forse…
Quel forse sottile e lontano che taglia come una lamina il mio cuore,
nel cuore di una figlia, tua figlia che non fu.
Neppure una cornice a ricordare quel tuo volto col mio, amorevole,
Forse …
Vivo nella speranza che quel forse … diventi una certezza,
ma il ricordo vago di quel volto scarno e pieno di torture che non parlano,
mi sussurrano che il tuo debole corpo mi ha sì dato la vita,
ma forse … forse … non voleva la figlia che non fu.
Eppur mi aggrappo a te, ancora, a quell’emozione che mi esalta e mi appaga pensandoti,
forse …
quel filo evanescente che tira le corda del nostro destino mi unisce a te, madre.
Mi amasti madre?
Forse…




Daniela Anita Gaibotti


Opera 4^ classificata ex aequo


Il viaggio


Per le terre
sconosciute
del mio essere
ho viaggiato.
Alla fonte
della mia irragionevolezza
ho attinto.
Sul giaciglio
morbido
della disperazione
ho riposato.
Nel cielo
immenso
della mia inadeguatezza
ho spaziato.
Nella casa
del tuo amore
ho abitato,
mio adorato,
alla fine del mio viaggio.




Giovanna Salucci


Opera 4^ classificata ex aequo


Dove volano gli angeli


Un vortice di luce mi attrae
oltre il confine,
è musica il silenzio
che penetra nell’anima,
è pace il mio sentire
e pago è il cuore.
Sospesa, dentro un limbo
di incertezze,
percorro la strada e non so
se fermarmi o andare,
la luce mi indica
il cammino…
Tenue è il cielo
come di un’alba chiara,
il profumo è di aria buona
del mattino,
e lieve è il sonno,
dove volano gli angeli.
Gli orologi battono le ore
testimoni di un tempo immobile,
la quiete pervade ogni spazio
e la quiete è Dio.
Non ci sono più lacrime
né dolore,
dove volano gli angeli
tace il Mondo.




Leila Gambaruto


Opera 6^ classificata ex aequo


La pipa di radica


Le strisce di sole che sfiorano
il mobile antico in disordine,
ancor accarezzano, placide,
la pipa di radica immobile,
coperta da un velo di polvere,
tra mucchi di libri, un po’ instabile.
Dolore e ricordi che tornano,
mio padre, le sue consuetudini,
le dita abbronzate che sfiorano
il lucido legno brunito,
il fumo, l’odore piacevole
del vecchio tabacco pressato.
Le lacrime cadono tiepide
sul legno consunto e gelato,
c’è odore di morte, di cenere,
progetti e speranze traditi,
mio padre, la gioia di vivere,
un gusto di giorni bruciati.
L’odore del tempo passato
aleggia nell’aria, impalpabile,
se io chiudo gli occhi e inguaribile
ricalco i ricordi perduti,
rivedo mio padre che, immobile,
sorridi tra i libri ammucchiati.




Giulio Rocco Castello


Opera 6^ classificata ex aequo


Il volto della sera


Scalzo senza vesti mi sposto
sull’orizzonte dietro il sole,
penso ai frantumi al silenzio delle pagine
ruotate nella stanza addormentata.


Ti sfioro con il tocco delle dita
piume di canto dolce su ferite
avvolte da bende oziose
e fili di bottiglie tese.


La morte preferisce il volto della sera
tra il buio delle strade ed i negozi chiusi,
al suono di quel silenzio addormentato
quasi non volesse dar fastidio.


Ti parlo del tempo che non abbiam vissuto
delle promesse logore
in questo spazio scarno
di bianco freddo, coperte da lenzuola afflitte.


Non posso esimermi di accarezzare le mani
con lacrime nascoste dentro il cuore
che danno senso alla rabbia e all’impotenza.


Ora che il tuo silenzio guarda la finestra accesa
mi chiedo se senti il suono del mio cuore
e il lento scomparire dei colori.


Lì sulla battigia il mare, scivolano le attese
come relitti di una nave offesa
naufrago di tempeste, ascolto il vento
e prendo tempo di quel tempo che più mio non è.




Paola Ferrari


Opera 8^ classificata ex aequo


Dipingo questo attimo


C’è nel sereno tepore di questa sera
una sera a caso fra tante
un tenero profumo di poesia.


È come se questo posto
rimasse ad aspettarmi
da un’estate all’altra
quassù c’è qualcosa di mio
anche quando non ci sono.


Passa il tempo sopra il tempo
sui racconti incantati
nel giardino fiorito d’estate
c’è una luce che non si spegne mai.


Il vento dei monti scende leggero
a increspare la sera del cuore
dipingo questo attimo
là dove il giorno si perde
oltre il confine stabilito
ai bordi dell’infinito.


C’è nel sereno tepore di questa sera
una sera a caso fra tante
un profondo silenzio carico d’emozione
nel ricordo dei giorni perduti.


Chiudo gli occhi
e m’immergo nel più bello dei sogni
dietro l’angolo del giardino fiorito d’estate
dove i sogni non muoiono mai.




Giuseppe Voarino


8^ classificata ex aequo


Oltre il tramonto


Le mani arse dal sole,
il viso rugoso solcato dal vento,
cercava conchiglie sospinte dell’onda
sulla sabbia uniforme.


Solo, nell’ampia spiaggia deserta,
osservava il tramonto
e conversava col sole,
compagno di ore quiete.


Amava quel luogo
lontano da ingorghi.


una sera come tante altre sere
accompagnato dal lento ondeggiare
dell’acqua,
camminò lentamente senza chinarsi
a raccogliere conchiglie.
Guardò a lungo il sole sopra le vette
dei monti lontani.
Sentiva che era l’ultimo incontro,
l’addio al compagno
di momenti sereni.


Sul manto opaco di sabbia
sono rimaste tracce d’impronte
risparmiate dell’acqua e dal vento.
Il sole pare fermarsi un istante
ogni sera
sopra la spiaggia deserta e silenziosa.




Giulia Guarnaccia


Opera 10^ classificata ex aequo


Amore malato


Era un giglio sbocciato da poco,
non chiedeva nient’altro che amore,
ma fu tradita e strappata alla vita
senza un briciolo di pena nel cuore.
Or che giace nel suo eterno giaciglio
come farfalla caduta da un fiore,
le sue lacrime ne bagnano il prato
e nessun ode le sue tristi parole.
Ma nulla mai guarirà il suo cuore ferito
poiché chi tanto amò, ahimè,
era stato,
chi le tolse la vita
col suo amore malato.




Gino Zanette


Opera 10^ classificata


Per tutto il tempo che vorrai


Per tutto il tempo che vorrai
Sarà piegata l’anima mia
Sulle poesie che scriverò per te
E che solo al vento affiderò
In qualche sera che scioglierò la vela
Dalle ombre del crepuscolo arabescata
E il volto imbronciato della mia casa
Schiuderà i suoi balconi nell’attesa
Di un tuo improbabile ritorno.
Qui solo mi sento da quel triste giorno
D’inverno, immerso nel silenzio,
Gli occhi fissi nell’opaca luce,
Vicino a scoprire i tuoi complicati
Pensieri che il mio verso scabro
Non ha saputo mai cantare.


Non è stato ieri, né sarà domani
Che il mio cuore chiuderà gli occhi
Per non vederti come fosti allora,
Ingenua e nella tua dolcezza china
Per incontrarmi in posti sconosciuti;
Ore rubate per una stretta di mano,
Sullo spiazzo disanimato, in piedi,
Due parole e un futile abbraccio
O all’ombra fredda di un bar, seduti
Come due colombi sconosciuti,
Muti e frettolosi, ma felici
Di sfiorarsi appena con le dita,
Una carezza oziosa per saluto.


Per tutto il tempo che vorrai,
Saranno i miei passi pigri
A scalare i gradini per cercarti
E sarai sempre l’ultimo pensiero
Della sera anche quando, esausto,
Non s’alzerà più il mio canto.



L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Il Club degli autori 2017-2018 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2016-2017 - Trofeo Umberto Montefameglio XXIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2015-2016 - Trofeo Umberto Montefameglio XXII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2014-2015 - Trofeo Umberto Montefameglio XXI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2013-2014 - Trofeo Umberto Montefameglio XX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2012-2013 - Trofeo Umberto Montefameglio XIX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2011-2012 - Trofeo Umberto Montefameglio XVIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2010-2011 - Trofeo Umberto Montefameglio XVII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2009-2010 - Trofeo Umberto Montefameglio XVI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2008-2009 - Trofeo Umberto Montefameglio XV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2007-2008 Trofeo Umberto Montefameglio XIV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2006-2007 Trofeo Umberto Montefameglio XIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2005-2006 XII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2004-2005 XI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2003-2004 X Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2002-2003 IX Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2001-2002 VIII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 2000-2001 VII Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1999-2000 VI Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1998-1999 V Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1997-1998 IV Edizione
Premio di Poesia Il Club degli autori 1996-1997 III Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153