Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2002
X Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Risultati

La Giuria della decima edizione del Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Marguerite Youcenar 2002 indetto da Il Club degli autori, presieduta per la sezione Poesia da Maria Organtini (Presidente del Cenacolo poeti e artisti di Monza e Brianza), e per la sezione Narrativa da Massimo Barile, dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha designato i dodici finalisti di ciascuna sezione che sono diventati automaticamente i designatori dei vincitori. Ciascun finalista (contraddistinto da una lettera dell’alfabeto) ha ricevuto una copia delle opere degli altri undici finalisti e, dopo averle lette, ha espresso il suo giudizio sulle opere degli altri concorrenti elencandole in ordine di merito, escludendo se stesso dalla classifica.


Ecco quindi la classifica finale:


SEZIONE POESIA


  • 1° class.: Finalista I – Marilena Rimpatriato di Torino con Scrigno di silenzio.


Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui le verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 2° class.: Finalista A – Pietro Bellomo di Bari con Passato.


Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 3° class.: Finalista C – Alba Filomena Bove di Trinitapoli (Foggia) con Arida Terra.


Vince la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 32 pagine di cui le verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


Vincono la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 16 pagine di cui verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it i seguenti autori:


  • 4° class.: Finalista G – Marimilia Gastone di La Spezia con Sorgenti del Vara.
  • 5° class.: Finalista B – Fiorella Borin di Venezia con Non so cosa resta di te.
  • 6° class.: Finalista D – Enrico Calenda di Venezia Lido con Dove il fratino appiana.
  • 7° class.: Finalista M – Federico Topa di Brescia con Lontano una casa.
  • 8° class.: Finalista H – Paolo Gherardi di Gualdo Tadino (PG) con Lo specchio.
  • 9° class.: Finalista F – Samuele Frasi di San Giovanni Valdarno (AR) con Per Elena.
  • 10° class.: Finalista E – Giovanna De Capitani di Cusano Milanino (MI) con Venezia.
  • 11° class.: Finalista L – Viviana Rocca di Genova con Il nido.
  • 12° class.: Finalista N – Cosima Zanni di Vienna (Austria) con Le torri gemelle.


SEZIONE NARRATIVA


  • 1° class.: Finalista L – Rossella Milone di San Giorgio a Cremano (NA) con Grembi


Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui le verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it




Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 3° class.: Finalista H – Valentina Fonte di Pordenone con Quasi l’alba


Vince la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 32 pagine di cui le verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


Vincono la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 16 pagine di cui verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it i seguenti autori:


  • 4° class.: Finalista A – Valentina Bardi di Galeata (FC) con Tesi di laurea
  • 5° class.: Finalista I – Biancamaria Massaro di Roma con La penna stilografica
  • 6° class.: Finalista C – Bruno Calò di Napoli con Il ladro
  • 7° class.: Finalista G – Maria Luisa Fiorentini di Parma con Ucciderò l’arte
  • 8° class.: Finalista D – Antonio Cau di Sassari con Il volo
  • 9° class.: Finalista B – Umberto Bortolaso di Mestre (VE) con La strega
  • 10° class.: Finalista E – Adriana Festoso di Cascina con Il teatrino di legno
  • 11° class.: Finalista M – Veronica Papa di Chiavari (GE) con Acquerelli notturni
  • 12° class.: Finalista N – Speranza Porcheddu di Sassari con Bianca creatura


Opere vincitrici

1a classificata

Marilena Rimpatriato

Scrigno di silenzio

Dita di carta
Lambiscono discrete
Parole pensate e mai dette.
Vorrebbero sottrarle alla mente
Imprimerle nel tempo
Con inchiostro nero
Ma lo scudo dei miei silenzi
Custodisce i segreti
Come possente forziere.
Sparse sul tavolo
Pagine bianche
D’un diario mai scritto
Ch’eppur m‘è vivo dentro,
Un diario dai mille frammenti di tempo
Dove presente e passato
Si fondono,
Si confrontano,
S’affrontano.
Oggi è venerdì,
E mi disseto di calde lacrime
D’un desiderio
Confidato alla stella cadente d’una sera
Mai avverato.
Oh sera, dolce sera
Trapuntata di malinconia
Copri con il tuo scuro velo
L’illusione di ieri
Che ha il sapore della rosa appassita
Schiacciata dal peso d’un libro.
Pagine bianche.
Dita di carta
Vorrebbero penetrare
Lo scrigno del silenzio.
Parole senza voce
Vi muoiono dentro.


2° classificato

Pietro Bellomo


Passato
In un rovescio di vita
l’eterno rintoccare del silenzio
mostra feroci profili di impostori
le muse di un sapiente arrovellarsi.
Rotolano in un crescendo inconsistente
come foglie trascinate a mulinello
battiti solo apparentemente tutti uguali,
in ognuno un inconfondibile vibrato.
E sai soltanto che la vita è burla,
che è cosa appresa da ben altri saggi,
delle parole rigetti il senso senza esitare,
nulla comprendi appieno, nulla rifiuti,
tutto risulta atteso solo in sé,
un meccanismo che inceppa i suoi ingranaggi.
Dov‘è la strada, dove la sua fine.
La lingua da parlare è sconosciuta,
è una serie di suoni gutturali
cui ci ostiniamo a regalare un senso.
Protozoi, legami trivalenti,
nient’altro che chimiche reazioni.
Più facile sparire in un momento
e diventare la sabbia già caduta
nella metà inferiore della tua clessidra.


3a classificata

Alba Filomena Bove

Arida terra


Le ruvide mani parlano
segnate da zolle cullate da pietre
nascoste alla luce del sole.


È un dialogo eterno
tra forza e tenacia
che rende aride distese di campi.


Resiste però saldo il legame
e sconfigge di tristi stagioni
mancati raccolti.


E l’uomo continua a sperare
spaccando con le mani ogni pietra
scavando in fondo al suo cuore
cercando nel rosso il suo sangue
che scorre come linfa
a dar vita alla terra.


E accarezza con gli occhi il suo mondo
spargendone intorno l’affetto
così la natura di vivi germogli
inonda le immense campagne
con perle di vita
e il verde di giovani foglie
tenere come fanciulli
vince il rosso delle pietraie.


4a classificata

Marimilia Gastone

Sorgenti del Vara

Gioia leggera, danza.
Veste questi giorni
illuminati e tersi.
Scherza tra i raggi
del sole
questo filo di vita.
Distesa osservo
ragnatele di cielo:
rami superbi ed esili
giocano con l’azzurro.
Lontani i rumori del mondo.
Infinita gioia cattura
lampi di luce.
Gioia leggera, danza.


5a classificata

Fiorella Borin

Non so cosa resta di te


Non so cosa resta di te,
dei tuoi sedici anni.
La terra conosce il segreto
ma è in cielo, la chiave.
Io serbo il ricordo del tuo primo rossetto – l’incerto segno sulle labbra d’albicocca – e il fermaglio come una farfalla
sui capelli lunghi, bruni,
che ti rendevano speciale.
Chi ti ha potuta amare, si commuove
nel sentire la mia voce – sono le stesse note, in fondo,
su una bocca che un poco ti somiglia.
Ti somigliava, forse; ora di meno.
Tu non hai fatto in tempo
a diventare grande.
Sei ancora lì, al primo rossetto
che subito togliesti, perché ti vergognavi.
Rigiro il tuo fermaglio tra le dita
in questo giorno di stupefatta primavera
e parlo con te senza parole.
Mi vola via la sciarpa
di seta troppo lieve e brilla
come una pioggia d’oro.
È solo vento, dico,
non sei tu che ritorni.


6° classificato

Enrico Calenda

Dove il fratino appiana


S’incurva schiumando l’onda
sulla sabbiosa riva, fra le ricurve dune
che rimodella il vento, dove il fratino appiana,
muto cercando il nido, con l’uovo che l’aspetta,
dove la vita inverda e al sole poi si secca
(psicotrivello affonda nella sconfitta vita,
nel tuo vincente esistere; il senso della vita
è forse in sé, nel tuo turbato attimo,
nel mentre che t’assale,
nel fiore che sboccia e che muore.
La vita è soffrire tuo padre perduto,
è stretta la mano che ami,
voluto esistere aperto al tuo mondo,
è chiusa in se stessi angoscia,
spanto, selvaggio ardore,
struggente fervore, paziente
costruire cercando se stessi nel sé
e negli altri, nel protratto soffrire.
La vita è forse un fiore arrampicato
sul sasso, un ramarro al sole in un prato,
è attesa nel mentre che esisti e che muori
sole che esplode, macchia lunare,
cellula, sperduto errore,
sperdersi in un lungo sentiero, errare).
Piccole piante spremono
minuscoli brevi fiori, rosati e cilestrini
là sulla sabbia che al vento ripete,
sulla deserta duna,
piccole onde del mare.


7° classificato

Federico Topa

Lontano una casap=.


Cerco
nell’intimità
della luce d’una lontana finestra,
il profumo di uno sguardo di pane
ed il sorriso di una carezza di legno;
rubo qualche attimo di confidenza
da una tremolante candela di parole;
accarezzo
il precoce vagito
di un bimbo.


8° classificato

Paolo Gherardi

Lo Specchio


Guardarsi allo specchio e vedersi cambiati,
fuori diversi,
e in fondo sempre gli stessi,
bimbi in un ridente mattino di gioco,
uomini al tramonto suadente di una sera matura;
forse la storia del tempo che vola,
sentimento indeciso che tarda a sfociare,
sogno fantastico misto a realtà,
calda speranza d’una notte d’estate,
fresca rugiada che desta la foglia,
lieve sussurro,
resta in disparte,
gaio e tiepido t’abbraccia,
con amore ti consola,
ma protetto da niente in un mondo precario
sai che non c‘è inizio né fine alle lacrime di una gioia senza ragione,
e continui a cercare per non perderti mai.


9° classificato

Samuele Frasi

Per Elena


Tu, ricordo. Esile stelo
dal tempo reciso.
Vestivi di golf, jeans
e scarpette di tela.
Forse ti vergognavi a
mettere in mostra ciò
che per altre la Natura
non ha destinato.
Ma piacevi così:
libera da opinioni e dogmi.
Tu mi prendesti, e senza
accorgertene ero già caduto.
L’innocenza ci toccava
e solo la fantasia ci
mandava chissà dove!
Fanciulli in passaggio
per un’età infame.


Poi mi son perso.
Per ritrovarmi appoggiato
a una vecchia quercia
attorniato da lupi.


All’improvviso sei riapparsa
ai miei occhi. Pieni di
allegria s’abbatterono
al suolo sommersi di te.
Soave la faccia si contorse,
all’istante l’Io era col Tuo.
Il mio genio la bocca faceva
tacere e il silenzio è canto
di perdono. Ciao, fu quello
che uscì dalle tue labbra: non
destinato a me. Gli occhi
ritornarono al cielo e
il frantumo del cuore sperso là
dove la realtà è sogno. Elena


10a classificata

Giovanna De Capitani

Venezia


Merletti sorgenti dall’acqua, Regina del mare,
realtà di un sogno, musica e passione;
un tango risuona nell’ampia piazza,
volute di pizzo svettano al sole.


Il leone alato e glorioso, impera dall’alto,
tra voli di colombi, stendardi e campanili;
tra calli tortuose, come vene al cuore,
campielli solitari e case antiche
dai portoni austeri.


Palazzi superbi, dove dame e cavalieri
sfilano regali in velluti e morbide sete.
Sotto ponti e canali stupiti,
gondole nere, eleganti, trastullano il cuore.


Maschere d’oro e d’argento, sole e luna riflettono,
canti e follie, in mostra messaggi d’autore.
Bifore e trifore occhieggiano sulla laguna,
cristalli sinuosi, perle e rubini, smeraldi di luce.


Le sfingi, dal Lido, scrutano all’orizzonte
il mistero del giorno che muore,
poi rinasce col sole una nuova Venezia,
più calda e preziosa, ma ahimè, più antica.


Non affondare mia bella Signora
sotto il peso degli anni, ti prego,
il mondo ti cerca, il mondo ti vuole.


11a classificata

Viviana Rocca

Il Nido


Pagine di memoria
sotto un lampione
sfiorai


e polvere di sogno
vi trovai
che mi fece starnutire
un pensiero

di lacrime al miele di acerbe risate
tra i banchi di scuola
di fantastici sentieri
inondati di luce


e sogni di gloria
e sospiri d’amore
e specchi nei quali
crescevo insieme all’incertezza


del futuro
ma lì era un nido caldo
la mia protezione
un sorriso adulto


la mia sicurezza
il premio di tante fatiche
la lode
la punizione
tra chiacchiere e nubi di fumo
nei bagni dai muri scritti di giovinezza…


E adesso le molteplici strade lo smarrimento
e il premio un pezzo di carta sterile muto
la punizione un angolo accogliente fuori dalla porta
non più quel pezzo di carta…
E polvere di sogno tra sentieri spinosi adesso trasale.


12a classificata

Cosima Zanni

Le Torri Gemelle


Si leva in cielo una gran fumata
Sulla città che s‘è svegliata
E si ode, disperato, un pianto
È dei vicini della porta accanto.


Nessuno sa più che cosa succede
Piovono uomini sul marciapiede
Che volan leggeri come farfalle
Ma sono sassi che cadono a valle.


Una nube cala su strade e palazzi
Avvolgendo i tetti ed i terrazzi
Ricoprendo uomini, donne, ragazzi
Ed ogni cosa… è roba da pazzi!


Su ogni creatura animata piove
Neve leggera e sull’asfalto ricade
Cadono vetri, una pioggia di spade
Trafiggono chi corre nelle strade.


Come una gran colata di lava
La gente in strada si riversava
E mentre il fuoco le torri divora
Noi ci chiediamo se vivremo ancora.


Piove la polvere da quasi un’ora
La porta il vento su ogni dimora
È diventato bianco l’asfalto
Detriti lo coprono come un manto.


Erano così alte e così snelle
Di notte scintillavan come stelle
Ora c‘è rimasta solo una gran via
Dove recitare: ‘... e così sia.’


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2017 XXV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 XXIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2015 XXIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2014 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2013 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2011 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2010 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2009 XVII edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2008 XVI edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2007 XV edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2006 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2005 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2004 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2003 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2002 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2001 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2000 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1999 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1998 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1997 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1996 IV Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153