Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1999
VII Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 1999
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Risultati

La commissione giudicatrice del Premio letterario Marguerite Yourcenar 1999, dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha scelto i dodici finalisti di ogni sezione i quali, a loro volta sono divenuti automaticamente i giurati che hanno designato i vincitori.
Il sistema è semplicissimo: abbiamo inviato a ciascun finalista una copia delle opere degli altri undici finalisti.
Dopo averle lette, il finalista ha espresso il suo giudizio sulle opere degli altri concorrenti elencandole in ordine di merito. È ovvio che ogni finalista ha escluso se stesso dalla classifica. Ed ecco i risultati finali:


Sezione Poesia


  • 1° classificato Nunzia Latini di San Polo in Chianti (Fi) con Verso la morte
  • 2° classificato Pietro Peligra di Catania con Senza titolo
  • 3° classificato Mara Vitale Santoni di Belvedere Ostrense (An) con L’alito del tempo
  • 4° classificato Clara Cafaro Caimi di Monza (Mi) con Parallele convergenti
  • 5° classificato ex aequo Paola Ceci di Morena (Rm) con La mente nuda
  • 5° classificato ex aequo Giovanni Zappalà di Varese con Questa maledetta estate
  • 7° classificato Gianmario Lazzaroni di Bareggio (Mi) con Attimi di liquefazione volontaria
  • 8° classificato Anna Lucia di Nauta di Apricena (Fg) con I Navigli
  • 9° classificato Idelfonso Rossi Urtoler di Modena con Euforbia
  • 10° classificato Monica d’Alessandro di Cosenza con X
  • 11° classificato Pasquale Manti di Cantù (Co) con Sulla spiaggia
  • 12° classificato Paolo Ripamonti di Milano con Milano è ancora sogno


Sezione Narrativa


  • 1° classificato Paolo Pasi di Milano con La sirena
  • 2° classificato Paolo Di Biagio di Travacò Siccomario (Pv) con Energia
  • 3° classificato Mario Lanzafame di Reggio Emilia con Angelina
  • 4° classificato Tiziana Pannunzio di Artena (Rm) con La soffitta
  • 5° classificato Daniela Raimondi di Londra con Il rivale
  • 6° classificato Elisa Nunziatini Salhi, di Domodossola (Vb) con Amir
  • 7° classificato Renata Rusca Zargar di Savona con Camilla
  • 8° classificato Maria Luisa Brazzabeni di Casalecchio di Reno (Bo) con La tata – Una storia d’altri tempi
  • 9° classificato Oretta Bray di Trieste con Tic Tac
  • 10° classificato Carmine Rubicco di Romentino (No) con Mr. Smith
  • 11° classificato Barbara Serdakowski di Firenze con Volare
  • 12° classificato Elisabetta Antichi di Monteroni d’Arbia (Si) con Il racconto


Opere vincitrici

Nunzia Latini

1° classificato

Verso la morte


Hanno abbassato la luce.
Penombra accompagna la vita


ora.


Non più rumore
nei giorni che la polvere ignora
e ancora non mangia.
Non canta il cuore
non piange
non urla
né si dispera.
Ascolta i grilli
che consumano a morsi
gli ultimi lampi di sera.
Fruscio d’ali
poi niente, nessuna parola.
Il buio avvolge le siepi


ora.


Pietro Peligra

2° classificato

Senza titolo


L’inverno ha riaperto
le voragini
tra la luce
e l’asfalto soffice.
Adesso, forse,
camminiamo
senza inciampare
senza cadere
girando le pagine
del tempo.
Del fare si è
perso il come,
dell’andare si è
perso il senso.
Domani è come ieri.
La linea ci ha lasciati.


Quando partì la mia vita,
non ricordo.
Il perché, non l’ho capito.


Siamo nati dal passato,
figli bendati e vagabondi
nella terra
della nostra memoria,
dove le lacrime
penetrano come spine
nella carne.
Strade vuote ci accompagnano,
vuote e fredde
come il cielo.


Mara Vitale Santoni

3° classificato

L’alito del tempo


Si viveva di favole
tra i giuochi che il tempo
ancora non contava.
Si rideva di un nulla
e si cantava.
Un fiore, una farfalla,
un volo di rondini
e nel cuore la gioia pulsava.
Il domani, lontano.
La fantasia volava,
ma il filo di aquiloni
non fuggiva alla stretta
della mano.
I giorni non conoscevano
il volto della nostalgia
e la vita era nostra:
una dolce bugia.
Poi, la realtà,
e una luce violenta
denuda le cose,
uccide illusioni
mentre il freddo s’affaccia
a finestre di malinconia
tradite dal cielo d’estate
e l’alito del tempo
le appanna di silenzio.


Clara Cafaro Caimi

4° classificato

Parallele convergenti


Questa notte, pensiero per pensiero,
smonterò ogni contrasto tra paure e sogni,
mentre si snoderanno rotaie mai percorse;
e anche se la luna all’alba sembrerà tramontare,
gli ultimi fuochi aspetteranno il giorno,
perché l’ombra possa scambiarsi col sole.


Voglio aprire con te nuove strade
per osservare passaggi di cielo riflessi nei vetri,
momenti di luce tra le gallerie,
e avere un orizzonte da inseguire.
Oltre quest’attimo, progetti paralleli
riuniranno frammenti di sguardi e di parole


in un discorso lungo e silenzioso
che saprà aiutarmi ad affrontare
lo smorzarsi del giorno e l’accendersi della notte
sopra un groviglio inestricabile di passi,
che avranno bisogno di camminarti nell’anima
per riuscire a sciogliersi e avanzare.


E mentre viaggiamo sotto la città, il battito delle emozioni
non chiede altro che di potersi annullare,
per poi riaffiorare tra le luci della sera,
percorrendo in equilibrio, insieme a te,
sagome di abbaini appese alla luna,
che illuminano il cielo di questa notte di aprile.


Paola Ceci

5° classificato ex aequo

La mente nuda


«Abbiamo trascorso così tutta la mattina, senza dire una
parola. Allora ho ripensato al silenzio di una notte presso un
pozzo, dove ho capito di amarlo»
(Paulo Coelho)


Una poesia per te…
Navigatore errante,
tu che t’inabissi – e illumini! – nei meandri ansiosi e bui
della mente mia.


Esigenza
di esternazione emozionale, per te…
Spirito totalizzante e speculare
tu che rifletti e specchi,
tu che t’immergi e affiori
tra le pieghe doloranti
della labirintica
anima mia.


Parole, parole,
pensieri all’infinito, per te.
Proiezione di un cosmo
che miro a definire,
assorbire, capire;
in fondo: amare!


Tu così diverso,
e a me così uguale.
Tu che sai, che già conosci – eppure impazzi e spazi – tra i percorsi liberati
dell’ormai nuda
mente mia


Giovanni Zappalà

5° classificato ex aequo

Questa maledetta estate


Questo continuo consumarmi
in arditi desideri
che credevo svaniti
con il grigio dei capelli,
questi inusitati sogni
di giovanili braccia
e di sorrisi
imboscati di giorno
in libera uscita la notte,
nel sonno riaffiorano,
mi bruciano la mente.
In questo continuo abbaglio
trascino i giorni
di questa maledetta estate
desiderando amore,
temendolo,
frutto proibito
per le mie troppe stagioni.


Gianmario Lazzaroni

7° classificato

Attimi di liquefazione volontaria


Tempo,
passi e vai,
e i riflessi rallentano,
gli occhi perpetuano il loro moto,
la normalità batte incessante,
mi fermo allo stop e l’ennesimo colore
di un pittore impazzito svanisce.


Lo sguardo di un bambino
tormenta le mie notti,
gioca con le onde,
corre nei prati,
piange nel buio,
guarda il sole negli occhi
fino a rimanere cieco,
come sono io ora.


Il risveglio è crudele,
lacrime su carta nuda,
ricordi perplessi che scavano
solchi profondi nel mio viso.


La mia anima contaminata corre
verso la nuova alba,
l’impulso è gettarsi,
bruciare e scomparire nella sua luce,
ma un tamburo umano ritma ancora un battito di vita.


Anna Lucia di Nauta

8° classificato

I Navigli


I Navigli hanno
trasparenze musicali
di cieli che schedano
storie. Silenziosamente.
Di sponde parole
che aspettano di essere
comprese. L’alibi delle partenze
che soffochiamo e dirottiamo
altrove. Mentre ormeggia
la luce del giorno
che muta i tuoi occhi – a piccoli passi, a piccoli passi – ti guardo lontano,
ti sogno, ti tocco
... quasi… ti sfioro
in parallelo di luna.
Ai Navigli onde che vanno,
si perdono,
si spezzano
al limite che non conosci, – ancora non ti conosco – mia nomade onda
o, forse, mio solo respiro
che fa di miracolo anche
l’ultimo dubbio che resta di noi.


Idelfonso Rossi Urtoler

9° classificato

Euforbia


Alte,
le cento braccia
al cielo donate
con pazienza,
mordendo la terra
arida da acqua scarsa.
Profonde radici
esprimono
un fusto confessato
negli anni
e al sole bruciato
con anima pura
che urla di sé
sillabe avare
che il vento disperde
in un cielo che tace.
Euforbia,
profondità d’amore
immagine evidente
al mondo che osserva
una misericordia
che esita
la pietà delle lacrime.


Monica d’Alessandro

10° classificato

X


Calde le tue parole nella sera
come un vociare sommesso
di ruscello sereno.
Tenere le tue parole nella sera
come lo sguardo di un bimbo
appena nato.
Serene come il cielo azzurro
e terso.
Bagnate come le mie lacrime disperate
delicate come il profumo della vita
bugiarde come la ferita del dolore.
Inquietanti come l’attesa
come l’odio sferzante o l’amore come grido.


Pasquale Manti

11° classificato

Sulla spiaggia


Un fascinoso
tremolar di stelle
spande sulla spiaggia
il firmamento.
Alla notturna pesca
muovono le lampare
ed è oblioso
il murmure del mare.
Grande, una nave bianca
di crociera, scivola illuminata,
la ferrea prua volgendo
ai mari perlustrati d’Oriente.
Solletica la brezza della notte
che, lieve, porta un fresco olezzo
di schiuso gelsomino.
Non sogno, sto a guardare,
anche i bagliori
che l’Etna improvvisa.
E non mi sento solo,
come si può pensare.
C‘è un grillo canterino
sul salice vicino
che mi fa compagnia
ed alle lucciole
fa la serenata.


Paolo Ripamonti

12° classificato

Milano è ancora sogno


Milano è ancora sogno.
A volo d’aquila su resti
di mura e porte,
un tuffo nel Naviglio e
camminare tra le case e i vicoli
più antichi sino ai grattacieli
moderni.
Rotaie, percorsi di filobus,
fiere, bar; Milano nel
cuore sussurra e invita
a scoprirla.
E la grigia città si può
tingere di colori infiniti,
fa scudo a chi vuole pensare,
offre calore agli amanti che
si tengono tra le braccia su
una panchina in un parco.
Negozi, uffici, banche…
e ricordi, scritti in ogni
casa, in ogni strada.
Ricordi di milioni di vite
vissute, intrisi ne sono
i viali di Milano.
E splende di chi ne vive
e s’immola ogni giorno
agli occhi di turisti, ma’l
suo cuore resta nascosto
nel cuore dei milanesi e
di chi vuole cantare la città
e sognare,
in questo mondo che
si fa di vetro e ferro,
seduto sulle rive del
Naviglio o sotto i portici
delle vie del centro.
Milano è sempre sogno.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2017 XXV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 XXIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2015 XXIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2014 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2013 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2011 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2010 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2009 XVII edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2008 XVI edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2007 XV edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2006 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2005 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2004 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2003 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2002 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2001 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2000 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1999 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1998 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1997 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1996 IV Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153