Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1997
V Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 1997
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Risultati

Ricordiamo le modalità di votazione di questo concorso: la giuria del premio ha selezionato dodici opere per ogni sezione designandole finaliste. Le opere sono state inviate in forma anonima ai finalisti stessi, i quali hanno stilato la classifica in ordine di preferenza escludendo ovviamente la propria opera dalla votazione.


Classifica finale della sezione poesia:


  • 1° class. (N) Adriana Scarpa, Gardolo (TN), con Questa è l’ora dei pensieri


Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagg. targa e attestato.


  • 2° class. (I) Antonio Monte, Bergamo, con Veglia


Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagg. con copertina.


  • 3° class. (E) Angelo Di Mario, Poggio Mirteto (RI), con Chiusa meraviglia


Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagg. autocopertinato.


  • 4° class. (D) Simona Cocca, Manfredonia (FG), con Arma dolcissima


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


  • 5° class. (C) Lucio Boglione, Torino, con Sospinti dalla Musa


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


  • 6° class. (H) Angelo Lamberti, Porto (MN), con Silenzioso sul treno viaggiando


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


  • 8° class. ex aequo (B) Maria Antonietta Bertaccini, Forlimpopoli (FO), con Lettera dal cuore


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato.


  • 8° class. ex aequo (G) Riccardo Fiore, Alessandria, con Silenzioso sul treno viaggiando


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato.


  • 10° class. ex aequo (F) Elena Fedeli, Noicattaro (BA), con La casa dell’anima


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato.


  • 10° class. ex aequo (L) David Pedrani, Gerenzano (VA), con I colori del vento


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato.


  • 12° class. (M) Alfonso Pizzano, Cercola (NA), La donna e il Sole


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


Ogni vincitore riceverà gratuitamente 100 copie dell’opera di cui ha vintio la pubblicazione.


Sezione narrativa:




Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagg., targa e attestato.


  • 2° class. Mulas Giovanna


Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagg. con copertina




Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagg. autocopertinato


  • 4° class. Caietti Andrea con The end


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


  • 5° class. Di Fatta Domenico con Sognando sognando


Vince la pubblicazione di un quaderno di 16 pagg. autocopertinato


Ogni vincitore riceverà gratuitamente 100 copie dell’opera di cui ha vintio la pubblicazione


I seguenti finalisti riceveranno attestato di merito e la pubblicazione del racconto sulla rivista e su questo sito.



Opere vincitrici

Adriana Scarpa

1° classificata

Questa è l’ora dei pensieri


È questa l’ora
in cui si fanno rami i pensieri
e piano bussano ai vetri.
Passano qui le parole
mai dette e risplendono
come perle adagiate sopra plateaux
di velluto.
La vita si frantuma in immagini
slegate, scomposte
come una donna cremisi
con mani blu di Picasso.
Nasce dal cristallo
una pioggia fina, velo di mandorlo,
si sparpaglia in luce.
La musica di una statua,
l’erba bianca del pensiero,
ci tintinnano nella mente
e noi ci apriamo
come ostrica
improvvisamente splendenti, radiosi.
Lo sguardo-argento della luna
ci fa alti
con le braccia levate
verso la sommità della notte:
è così
che le gemme del sangue restano trafitte,
è così che un brivido
ci strappa la tenera carne.
Scava profondo
la luce; si sta col viso aperto
nel delirio


di un suggello di stelle.


Pasquale Antonio Monte

2° classificato

Veglia


Son tornato alle veglie notturne,
come quando da giovane spiavo la notte raccogliendo i pensieri.
Mi trastullo in antichi timori, con respiro affannoso,
e ti guardo dormire.
Il tuo corpo è un porto lontano
che talvolta conquisto per un breve riposo
e riparto a fatica.
Il silenzio, in un contatto discreto,
è uno sguardo eloquente che seduce e confonde.
Quanto danno fa la voglia di averti,
quando rompo il silenzio e mi guida l’istinto!
Se dovessi svegliarti proprio in questo momento
mi faresti arrossire e bocciare i pensieri.
Ogni notte è un brandello di vita che butto alle ortiche
ma stanotte ho il tuo volto disteso
che vive nel segno del mio smarrimento.
Quante volte ho vegliato il tuo sonno e ti ho stretto la mano
per frenare il respiro.
Questa volta sei troppo lontana perché possa ancora toccarti
e rimango a tremare.
C’era un tempo che solo a guardarti il tuo corpo fremeva,
trattenendo un sospiro.
Se quel tempo c‘è stato davvero
appartiene ad un sogno che ho vissuto da solo.
Ora devo pensare al futuro
perché voglio vivere anche dopo stanotte
e il tempo che resta non è più paziente
come quando ero giovane e non lo sapevo.


Angelo Di Mario

3° classificato


Chiusa meraviglia
è il tempo duro
delle somme e delle distanze
la pietà si curva su noi
come madre oscura
l’uomo tace ha sete beve lunghi
dolori
non può più misurarsi
né alzare la vita
né specchiarsi nel cielo
né battersi il petto
e chiamare il fratello
a trovare parole
che si dicevano
è il tempo carico
dei rimorsi
delle lunghe strade senza rumore
dei boschi che hanno alberi rigidi
delle case d’aria grandi d’aria
con le gocce che s’allungano fino all’alba
e gli uomini fermi sopra le soglie di pietra
davanti ai tempi così estesi di misura ed anni
che il cielo accade appena e l’uomo va via
e la parola si cheta nella chiusa meraviglia.


Simona Cocca

4° classificata

Arma dolcissima


Vetro è l’anima.
Il mio gatto lamenta una solitudine
che lo affligge già da tempo:
graffierà i suoi nemici
con le sue unghie appuntite,
con la sua aggressività.
Concedimi una tua anima,
un tuo respiro;
spegni questa fiamma,
sciogli il ghiaccio che hai
negli occhi, pallidi laghi,
umidi pianti, germogli di sole
nelle sere d’estate.
Cadi pioggia,
in eterna caduta,
spegni anche il sole,
pietra d’ambra
e i suoi piccoli fratelli,
compagni di gioco,
compagni di eterna luce;
ma vetro è l’anima:
finirò per distruggerlo
o per consumarlo
prima che la pioggia componga melodie
sul suo fragile dorso,
prima che il sole asciughi la sua fatica,
ti curerò io con dolci premure
e amorevoli attenzioni.
Sorgenti sanguigne
accenderanno il tuo pallore:
i miei occhi vedranno
arma dolcissima.


Lucio Boglione

5° classificato

Sospinti dalla Musa


Oh, non maravigliarti della mia tristezza!


(S. Corazzini)


Annegata nel fiume di ricordi,
questa nostra carta scritta
di fragilità effimera
colora con strie d’inchiostri
i riflessi delle acque morte.


Berranno i pesci solo veleni
serpeggianti e insidiosi,
e le alghe brune laminate
in queste tinte smorte
vedranno ombre amiche e nuove.


Nell’acqua o nel fuoco, nel vento,
nelle infinite braccia del tempo,
le deboli frasi pennellate appena
non hanno difese sicure.


L’onore di questa nostra armonia
non si legge nella materia caduca.
Essa vive nel respiro dell’essere,
e nel sole che di virtù illumina
la terra.


Angelo Lamberti

6° classificato


Maria Antonietta Bertaccini

8° classificata ex aequo

Lettera dal cuore


La forza di camminare, oggi,
tra la rugiada del mattino
dove sul pendio continuano a fiorire
pervinche e more selvatiche,
bisogna avere!


E rincorrere farfalle tra sassi spugnosi,
dove ancora, vive, sono le piante grasse!


Ma gli ulivi,
i tuoi argentati ulivi!
Hanno perso molte foglie:
è stato un inverno algente.
Quest’anno forse ci saranno
poche palme benedette per la chiesa.


Il mandorlo sotto casa
sta invecchiando;
saranno gli ultimi fiori
che regalerà alle api.


Verso il lago
dove la rane già s’accoppiano
e le anatre dal piumaggio colorato
sentono la primavera,
io m’incammino.
E qui, dove la natura esplode i suoi colori,
bevo nettare di giorni e giorni
vissuti con te.
Qui, dove le rose continuano a fiorire
e il sole abbaglia le foglie del gelso,
qui vengo a cercare quiete.


Riccardo Fiore

8° classificato ex aequo

Silenzioso sul treno viaggiando


Silenzioso sul treno viaggiando
domandando
a se stessi
come sia possibile
vivere un solo giorno
senza dire
– ti amo – Lo sferragliare
delle carrozze
riempie il silenzio
– dentro e fuori
Il treno
porta verso
sconosciute
mete lontane,
e nebbiose.
il mondo scivola davanti
agli occhi,
confuso nella foschia di alba
che stenta a nascere;
palpebra pesante
ad ogni sussulto
si risveglia. Ad occhi socchiusi
distingui l’immagine
d’un fuoco sporco che
riscalda
catapecchia di lamiere ondulate


Elena Fedeli

10° classificato ex aequo

La casa dell’anima


Nella casa dell’anima
le pareti sono rosse
e ricoperte di vedute,
il pavimento di marmo
a quadroni bianchi e neri,
perché noi donne
ci si possa esercitare
alla mossa del cavallo.


David Pedrani

10° classificato ex aequo

I colori del vento


Sarei stato perso per sempre,
se non ti avessi trovata.
Avrei perso la mia voce,
gettato al vento le mie lacrime
e sarei sparito.
Ti immagini?
Una nuvola che fugge,
che non ha più cielo,
che non sa più vivere.
Sarei stato perso per sempre,
se non ti avessi trovata –

– e non avrei mai più amato,
mai più sperato –


Ora, posso dipingere, –

– dipingere con tutti i colori del vento,
lasciarmi trascinare
verso di te –


Alfonso Pizzano

12° classificato

La donna e il Sole


Ovunque poggia il piede dell’Uomo,
cade nell’ombra
e nel fruscio del grano


E lungo le pareti
di profumata roccia erbosa
trascorre candido
l’ennesimo soffio di vento


Accarezzando lieve
la vecchia mano,
e il manto del cervo,
e la piuma del falco –


– E i capelli della mia donna –


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2017 XXV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 XXIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2015 XXIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2014 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2013 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2012 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2011 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2010 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2009 XVII edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2008 XVI edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2007 XV edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2006 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2005 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2004 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2003 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2002 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2001 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2000 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1999 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1998 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1997 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 1996 IV Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153