Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2004
IX Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre 2004
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Premiazione – Si è tenuta sabato 18 dicembre 2004 alle ore 15,30 a Melegnano (Milano) presso il Salone Predabissi in via Frassi, 2 angolo via Predabissi.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della nona edizione del Premio Letterario Città di Melegnano presieduta da Benedetto Di Pietro per la Sezione Poesia e da Alessandra Crabbia per la Sezione Narrativa, ha stabilito la seguente classifica finale:


SEZIONE POESIA


  • 1° classificato: “Diario d’una strada”, di Franco Gollini, Modena.


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 2° classificato: “Canto di guerra”, Leonardo Zanin, di Firenze.


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 50 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 3° classificato: “Precarietà” di Maria Gabriella Meloni, Morena (RM)


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 50 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


  • 4° classificato: “L’ennesima dose…” di Cristiano Comelli, Legnano (MI)


Vince Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it – Buono valido per 50 copie omaggio in caso di pubblicazione in volume con la casa editrice Montedit.


  • 5° classificata: “Questa vita che tanto pare bella” di Massimiliano Floriani, Bolognano di Arco (TN)


Vince Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it – Buono valido per 50 copie omaggio in caso di pubblicazione in volume con la casa editrice Montedit.


Vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it – Buono valido per 50 copie omaggio in caso di pubblicazione in volume con la casa editrice Montedit i seguenti autori:


  • 6° class.: “Solitudine di noi soli” di Maddalena Colucci, Castenaso (BO)
  • 7° class.: “Si alzano…” di Pasquale Corsaro, Torre del Greco (NA)
  • 8° class.: “Cinque Terre” di Giuseppe Fumagalli, Milano
  • 9° class.: “Nel mattino cieco” di Egidio Belotti, Fossano (CN)
  • 10° class.: “La giusta direzione” di Sergio Baldeschi, Montecerboli (PI)


Risultano segnalati dalla Giuria con Attestato di merito i seguenti Autori:


  • “Mia vita” di Elena Lipari, Arona (NO)
  • “Frammenti” di Orazio Tognozzi, Valdibrana (PT)
  • “La bicicletta” di Bruno Piccinini, Varano Marchesi (PR)


SEZIONE NARRATIVA


  • 1° classificata: “Il volo” di Claudio Lagomarsini, Carrara (MS)


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it


  • 2° classificata: “Visita a domicilio” di Stefano Tavernelli, Bologna.


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui le verranno assegnate 50 copie gratuite – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it


  • 3° classificato: “Il miniaturista che s’innamorò della musica” di Nicoletta Retico, Colonna (RM).


Vince la Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 50 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


Vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it – Buono valido per 50 copie omaggio in caso di pubblicazione in volume con la casa editrice Montedit i seguenti autori:


  • 4° classificato: “Vita” di Ivan Saladino, Segrate (MI)
  • 5° classificato: “Nino che non conosceva il mare” di Umberto Li Gioi, Marsala (TP)
  • 6° classificata: “Solitudine in coppia” di Pamela Serafino, Lecce
  • 7° classificata: “Dentro il cassetto” di Francesco Caruso, Castel di Tusa (ME)
  • 8° classificato: “Tubecco” di Vincenzo Soddu, Cagliari
  • 9° classificato: “Mi vengono a cercare…” di Daniele Teli, Melzo (MI)
  • 10° classificata: “Il dentro di Michele” di Francesca De Angelis, Città di Castello (PG)


Risultano segnalati dalla Giuria con Attestato di merito i seguenti Autori:


  • “Australia” di Enrico Beretta, Tirano (SO)
  • “Grace” di Debora De Angelis, Roma
  • “L’anfora di Agheteron” di Francesco Donato, Reggio Calabria
  • “Il principe e la luna” di Anna Maria Gioia Giorio, Selvazzano Dentro (PD)
  • “A mani nude” di Stefano Martufi, Veroli (FR)
  • “Mi muovo lento nel traffico…” di Luca Nasi, Cernusco sul Naviglio (MI)
  • “Figlio mio scusa per averti fatto nascere” di Valeria Palmieri, Rieti
  • “Non ucciderò mio fratello” di Aura Piccioni, Morena (RM)
  • “Un lavoro come un altro” di Giovanni Picozza, Roma
  • “L’Addolorata” di Roberta Tadini, Bellano (LC)


La cerimonia di premiazione si è tenuta sabato 18 dicembre 2004 alle ore 15,30 a Melegnano (Milano) presso il Salone Predabissi in via Frassi, 2 angolo via Predabissi.


Opere vincitrici

Franco Gollini

Opera 1^ classificata

Diario d’una strada


Ingenua prigioniera della nebbia
m’incolpo della resa al silenzio
fiacca pigrizia d’attimi mancati.
Porto il nome d’un ragazzo di ieri
bucato dal piombo accanto alla siepe
in un giorno d’ottobre senza sole.
Lingue di fuoco danzanti di follia,
e ragnatele di fumo sul paese,
stivali di cuoio a passi ritmati,
e urla di donne e bimbi in fuga
tra pecore belanti di spavento
nel mezzo di cavalli impauriti
scheletri di case e vie in ombra.
Quando cenere sollevò il vento
nell’ora greve d’un tramonto muto
tacque la vita, derisa già a morte!
Oggi, indifferenza mi calpesta
e rimango nastro di periferia
spettro di bianco nel verde dei monti.
Uomo ascolta questa voce di strada.
Fai sosta al cippo intatto dei ricordi,
eretto alto in cima alla montagna
come faro di luce ai tuoi naufragi.
Ferma la mano armata contro i figli,
le cui voci verranno dal domani
per dare alle nuove vie il mite nome
d’un fiore, d’una pianta o d’una stella.


Leonardo Zanin

Opera 2^ classificata

Canto di guerra


Ho tirato un calcio a un sasso
sbriciolavano i segni dei popoli
sotto il fuoco animale
una razza in via d’estinzione.
Calpestando una foto
un vecchio volto di lacrime
una madre, una casa, un abbraccio caldo.
Ma quanto vale davvero la pena?
Ti sembra d’imparare a vedere le cose
con la luce sempre più opaca
con il filtro delle parole.
Abbi pietà di me!
Ti insegnano a implorare
a non esistere per te stesso
ma di riflesso a un nome
a una luce che non t’appartiene.
Camminando a mezza gamba
sotto il peso della morale
coi fucili in spalla
la potremo ben sopportare;
panorami infangati di vecchie coltivazioni
le memorie lasciate a marcire nelle prigioni.
Ma cosa vale davvero la pena?
Affideremo al vento la speranza di non affondare
di vedere un altro cielo
sopra il capo dei nostri figli;
oltre questi vetri spaccati
getteremo quel che ci resta
un rametto d’olivo a un colombo viaggiatore.
Un biglietto di viaggio
è un seme che può germogliare
ma la pace sprofonda
Mediterraneo non sai ascoltare.


Maria Gabriella Meloni

Opera 3^ classificata

Precarietà


Non essere altro
che il sogno di un’ombra,
avere la consistenza impalpabile
della nebbia lattiginosa
che in un mattino d’autunno
avvolge ogni cosa,
che la luce del sole disperde.
Rimanere in balia
di una folata di vento.
Voler esorcizzare la fragilità,
tentare di sottrarsi
alla condanna della precarietà,
protendersi verso l’alto
in uno slancio disperato,
inseguendo qualcosa
che sottragga alla condanna
cui l’uomo è ancorato.
Coagulare l’attimo,
travestirlo col sembiante dell’eterno.
Illudersi di arrestare
questo flusso all’uomo destinato,
annientare la vertigine
dell’essere stato.


Cristiano Comelli

Opera 4^ classificata


L’ennesima dose
sorrideva sullo zampillare del mio sangue
da vene ormai logore e impotenti
la mia mano ormai non più mia
strinse l’immagine di fumo
di un fantasma senza forma.
Era il Dio che mi vide bambino
o ero io bambino travestito da Dio
che correvo alla stazione
di un domani che mi accarezzava
per comprare quell’esile biglietto
per salire sul treno di chi spera.
Mai mi perdonerò
di essere stato gettato da quel treno
mentre a diciott’anni
ne afferravo la maniglia
fu allora
che la mia vita cadde
su una siringa ingannevole compagna
che odorando di sarcasmo
mi rese suo abulico schiavo
annientandomi i respiri
con la più lacerante delle nenie
“il tuo mondo sono io
e non cercare nessun Dio”.


Massimiliano Floriani

Opera 5^ classificata

Questa vita che tanto pare bella


Questa vita che tanto pare bella
è l’assoluto divenire di un’opera lirica,
essa si contorce fra le frasi orecchiabili
scritte in chissà quale momento spirituale
da un dimenticato compositore,
mi accarezza lo spirito e piano
mi scivola fra i capelli.


Questa vita che pure a te appartiene,
non abbonda in comunicazioni vere
ma tutt’altro si nutre dei nostri stenti,
ci lascia liberi di imbrogliare
e di essere imbrogliati
con le aspettative di un amante non amato.


Questa vita che tanto ci fa soffrire
non è altro che un gioco di vite
spinte all’eterna finzione:
perché tanta incomprensione
sulle nostre pelli consumate?
I tuoi ed i miei giorni
dedicati al dionisiaco amore
rimarranno nel buio un continuo
spronare all’impiccagione del sentimento:


per ogni vento forestiero allora
imbandiremo tavolate di primizie.


Maddalena Colucci

Opera 6^ classificata

Solitudine di noi soli


In questa infinità di anime sole,
siamo deserti irraggiungibili.
È questo il lago fumoso, specchio di noi stessi
dove evaporano come nebbia, i segreti più nascosti e
risalgono la china degli occhi
velati
di gioiose gocce oppure gravi.
Qui è il rifugio di ognuno,
liberi si vaga in un mondo tutto nostro.
È una solitudine di noi soli!
A volte è una prigione,
a volte ancora è una musa.
Se appena entri in questo eremo sommerso,
si accende un angolo di sogno.
Tu Amore mio
nel tuo mistero
sei per me come perla preziosa e rara.
Lo scrigno s’apre e tutto riempie, tutto colora,
tutto odora:
vieni a vedere i miei occhi ora!


Pasquale Corsaro

Opera 7^ classificata


Si alzano, sul mare agitato,
pensieri aggrovigliati.
È già abbastanza
sopravvivere alle avversità,
all’intricato cespuglio di rose,
ma tu vuoi guardare più dentro
e trovi ciò naturale.
C‘è gente, come te, che pensa
e non so bene cosa cerchi,
per me il mare è solo mare,
la sabbia è sabbia,
il pensiero si ferma
dove più non si coniuga spazio e tempo,
tutto ciò mentre il sole
illumina e riscalda le cose
che nemmeno lo sanno
e il tempo scorre
perché siamo noi a misurarlo.


Giuseppe Fumagalli

Opera 8^ classificata

Cinque Terre


Il sentiero tagliato nella roccia
a precipizio sul mare
profuma di timo e maggiorana
e sembra snodarsi all’infinito,
seguendo le anse della riva.
Vecchi ulivi, contorti dagli anni
spruzzano fazzoletti di terra
strappati alla montagna con sudore,
e i limoni sono occhi
sgranati sulle onde spumeggianti.
Un frinire di cicale
dà il tempo al cammino,
greve nella salita,
verso uno sgranarsi di case
appollaiate sulla roccia a sostenersi l’un l’altra:
Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore.
Un rosario di paesini,
ripetuto dagli uomini nei secoli
su mulattiere battute dal vento
e tormentate dalla pioggia.
Una biscia ha perso la pelle sul sentiero,
io ho rinnovato i pensieri sulle sue orme
lasciandomi dietro quelli vecchi e stanchi.


Egidio Belotti

Opera 9^ classificata

Nel mattino cieco


Pause lente – silenzi – in questa città
che dorme, e improvvisi i canti
sgretolati del cuore precipitano
pazienti – quasi essenziali – sulle persiane
accostate ferme al primo respiro,
specchio di sguardi che rimandano
alle metafore con la polvere che agita
il vento tenera e afflitta nel mattino cieco
di cuoi e ardori, solo filari di passeri precoci
a tingere i confini delle tenebre dove l’alba
scivola lenta sulla pioggia che colora i sogni
residui, e noi ignari tentiamo ancora il volo
sull’orizzonte incerto a respirare nuvole
e tu erodi ombre rare mentre il battito discreto
di quei sogni ci intrattiene ancora sulla cresta
screpolata delle cicatrici stagionali
in questo deserto che ignora anche le stagioni
sospeso su echi di memorie, e intanto – colloquiale – sale disteso questo vocìo insistente di onde
a catturare scogli e voli tranquilli di gabbiani.


Sergio Baldeschi

Opera 10^ classificata

La giusta direzione


Caro babbo… quando il tuo ricordo riaffiora negli spazi del mio pensiero,
colgo la tua immagine dentro una cornice di luce, una figura dolce e sorridente
dalle mani d’oro, ingegnoso artista dalle varie sfaccettature,
un’indissolubile figura fissata su quel quadro… ormai appeso al muro dell’eterno.
Ora che non ci sei più... sento il peso delle tue fatiche,
sovrastare l’inquieto volume della mia vita,
osservo il tuo meticoloso lavoro costruito col silenzio delle braccia,
un lavoro umile e onesto come il tuo sguardo.
Vedi babbo, io so di non essere stato il figlio perfetto che tu volevi,
nel tuo cielo c’erano per me grandi progetti, enormi attese,
fatte con la speranza di chi insegue un sogno,
di chi insegue quella direzione dove l’umano penetra nella perfezione.
Tutto ciò non è accaduto… il destino è stato più crudele,
ha tarpato le mie ali, imprigionandole dentro la gabbia della balbuzie,
una gabbia ipocrita, che non ha lasciato volare la mia parola,
non ha lasciato che il mio pensiero componesse ragionamenti…
perché forse inutili… freddati sempre sulle sillabe che s’inceppavano
nel vano tentativo di pronunciarle.
Ha liberato solamente i miei sorrisi di circostanza, fatti a denti stretti,
con le labbra che tramavano e il cuore che chiedeva pietà,
e una sofferenza intensa, subita anche oltre le apparenze.
Ti chiedo perdono se non sono riuscito a percepire il senso di questa vita,
dove tutto scivola nella clessidra della nostra esistenza
come una sabbia torrida che scricchiola gelo,
una sabbia che si sgretola nel nostro umano pensiero,
e ci rende carnefici e vittime di un destino che solo Dio conosce.
Ma adesso che il vascello della tua anima ha oltrepassato la dimensione della materia
ed è ancorato sulle derive del tempo…
adesso avrai capito che per me… è stato meglio sbocciare su un prato fatto di silenzi
piuttosto che sul pulpito di una stella, dove il clamore si squarcia nel nulla…
dove il tutto svanisce nel rauco bisbiglio della meschinità.
Caro babbo… io probabilmente non volteggerò mai
su quel cielo limpido che tu sognavi… ma il piccolo usignolo uscito dal mio sangue
fornito di nuove ali e di un canto melodioso,
ha già l’animo proteso verso l’alto, ed è pronto per spiccare il volo,
un volo d’amore, dove ogni sua direzione, sarà sempre quella giusta.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2017 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2016 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2015 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2014 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2013 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2012 XVII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2011 XVI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2010 XV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2009 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2008 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2007 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2006 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2005 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2004 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2003 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2002 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2001 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2000 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1999 IV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1998 III Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1997 II Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153