Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2000
V Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre 2000
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Risultati

La Commissione esaminatrice del Concorso Letterario Città di Melegnano 2000, presieduta da Benedetto Di Pietro per la sezione poesia dopo l’analisi dei testi ha stabilito la seguente graduatoria:


  • 1° classificata, Annunziata Romeo di Reggio Calabria con l’opera 11 settembre 2000


Questa la motivazione della Giuria: “Facendo uso puntuale di simboli e figure stilistiche, Annunziata Romeo affida alla sua poesia messaggi di dolore e di speranza. La poetessa trasfigura una situazione dolorosa individuale in un dolore universale, cui partecipa la natura nei suoi molteplici aspetti spazio-temporali, e all’interno del quale la stessa intende collocarsi, avvalendosi di un “tu” nel quale l’autrice si sdoppia, diventando nel contempo mittente e destinataria del suo messaggio. L’affermazione del valore della comunicazione è veicolata da una voce che diventa lampo di memoria che colpisce le “vetrate del cuore” illuminando ciò che resta all’uomo del Terzo Millennio: il cuore come sede dei sentimenti e la luce della speranza. Questi sono gli unici elementi che potranno salvarlo dalla solitudine interiore”.


Benedetto Di Pietro


  • 2° classificata, Roberto Lucia di Genova con l’opera Bisagno
  • 3° classificata, Simonetta Cariolato di San Giovanni Lupatoto (Vr) con l’opera Settembre.
  • 4° classificata Tomaso Pieragnolo di Abano Terme (Pd) con l’opera Tu non lo sai.
  • 5° classificata Mauro Pedrazzoli di Brescia con l’opera Soltanto 8 ore.
  • 6° classificata Roberto Falcetta di Osimo (An), con l’opera La veste malata
  • 7° classificata Eleonora Negri di Milano con l’opera Voi due
  • 8° classificata Chiara Riva di Cesena (Fo) con l’opera Alla mia Itaca voglio approdare
  • 9° classificata Patrizio Pitto Neri di Orzinuovi (Bs) con l’opera Per giustificare il giorno
  • 10° classificata Anna Maria Monchiero di Sorbara (Mo) con l’opera Quando la notte


La Commissione esaminatrice del Concorso Letterario Città di Melegnano 2000, presieduta da Olivia Trioschi per la sezione narrativa dopo l’analisi dei testi ha stabilitoa la seguente graduatoria:


  • 1° classificata Paolo Durando di Treviglio (Bg), con l’opera La meteca
  • 2° classificata Gabriele Moschin di Arese (Mi) con l’opera Animalesco.
  • 3° classificata Diego Bizzotto di Rossano (Vi) con l’opera Il vecchio.
  • 4° classificata Claudio Calvi di Varedo (Mi) con l’opera In qualsiasi altro posto.
  • 5° classificata Dario Fani di Roma con l’opera Particolari.
  • 6° classificata Carlotta Rizzi di Torino con l’opera La coperta rossa
  • 7° classificata Paolo Scamuzzi di Torino con l’opera L’annegata
  • 8° classificata Davide Rubini di Borgaro T.se (To) con l’opera Il tuffo
  • 9° classificata Rolando Maria Cimicchi di Lagosanto (Fe) con l’opera Luci di confine
  • Opera 10° classificata Andrea Della Bella di Olgiate (Va) con l’opera Il gioco.


Segnalati dalla giuria con Attestato di merito:


  • Le urla dei muti di Manuela Bonfanti, Dongio (Ch);
  • Signora Adelina di Oreste Bonvicini, Casal Cermelli (Al);
  • Un’amica principessa di Marenza Galullo, Apricena (Fg);
  • Il bambino più vecchio del mondo di Giorgio Marconi, Roma.


Opere vincitrici

Annunziata Romeo

1° classificata

2 Settembre 2000


Senza riposo


quasi tremante
e scalza
il tuo silenzio ascolto
col suo vuoto
privo di polvere di stelle
m’inquieto
e col sentir materno
quasi profondo
sento il tuo soffrire
Uguale spasimo
raccolgo
nel tuo vecchio giardino
improvviso
da un vento polare
abbattuto
sotto gli occhi del cielo
cui sole non brilla
nel tuo dire
il tuo fare
che mi rammenta ricordi
una voce lontana
mi sembra d’ascoltare felice
che a me s’avvicina
come un lampo di luce
nelle vetrate del cuore
l’unica
a suscitare speranze
specie
quando la vita
come adesso
si ferma nel lungo pianto della sera
col dolore del cuore
sì tanto stremato
che il fulgido colore
d’una stella che cade
gli sfugge.


Roberto Lucia

2° classificato

Bisagno (1)


Alla svolta di Ligorna si avverte un brusio
sul muro freddo della sera:
tornano i vinti dallo stadio
la luna allungata sul tetto
di auto affaticate.
Intorno un’aria antica di campagna
e voci gravi di campane
e luci di lampioni
che muovon un’acqua allentata di ramarro.
Il silenzio si ascolta infilati nella sera,
nel sonno delle case
mentre cadono i rasoi del vento
giù dalle gobbe dei monti.
Bisagno, ora sei un lurido serpente
cui il vento tramontano
lustra la pelle ruvida;
ora scendi tra lontane brezze di campane
e memorie d’altri tempi:
sotto i muri crepati della riva
sta con l’anima nell’erba
il tuo basilico antico
e cantan le bisagnine.
Poi, tra un groviglio di odori
e di tetti e di antenne,
vai lento alla Foce verso il largo
dove passano rare navi dondolanti
e nel vento splende l’antico odore del mare


(1) torrente che attraversa Genova


Simonetta Cariolato

3° classificata

Settembre


Sei giunto
dall’arsura dei campi
sul crepitio delle cicale
moto che squami il sole
in vibrazioni sopportabili.
Luce fumosa se il bianco avanza
in larghe maglie.
Arruffa il cielo di pastello
nell’ora che serbiamo come dono
quando il viso,
attonito e ingiallito,
riempie le narici di quell’aspro
che spezza il timore,
il giudizio e la ragione.
Traccia linee tenui
rughe fertili alla speranza
che germoglia
nel frutto giovane del melograno.
Settembre,
margine dove sostare,
ombre alle spalle
piedi grandi per volare.


Tomaso Pieragnolo

4° classificato

Tu non lo sai


Tu non lo sai, amore,
ma ci sono
paesi interi
nei tuoi occhi:
ci sono fiumi
che girano lenti
per giungere al mare,
acqua fredda
di montagna
che salta
di roccia in roccia
come risa
di bimbi felici
che tu sola, amore,
ed io, udiamo.
Tu non lo sai,
ma ci sono
terre intere
nei tuoi occhi:
ci sono storie
che lasciano segni
mai più accarezzati,
aghi di pino
e silenzio e funghi
odorosi di umida terra;
ci sono vite
passate e future,
le nostre, presenti,
che lasciano l’odore
dell’alba mattutina,
dove io mi chino, amore,
sui tuoi occhi
per baciare il cielo.


Mauro Pedrazzoli

5° classificato

Soltanto 8 ore


Se tu maturando
non avessi lasciato inaridire
quelle frali sofferenti
intenzioni adolescenziali
pregne di autenticità,
avresti potuto attecchire
nella blaterante
incomprensibilità degli altri
l’insolente alterezza
di esserti mantenuto puro.
Invece ora,
appieno impantanato
nella rassegnazione,
una stanca fierezza
depressa da scelte riguardanti
il modo più opportuno
per quagliare
sarà la migliore aspettativa,
con la quale infine riceverai
quel tacito:
“La ringraziamo per
averci dato la vita
e di essersi sempre
professionalmente astenuto
dal capirne la motivazione”.
E poi rimarrai solo
con un latrante rimorso
che porterai a spasso tutti i giorni,
cercando invano di accendere
un po’ d’entusiasmo
in un’esistenza
ormai intrisa di frustrazione.


Roberto Falcetta

6° classificato


Cade
greve
la pioggia
Copre
col rumore
quel che non so dire
La tristezza
di una foglia bagnata
La veste malata
della spoglia giovinezza
I passi sull’erba umida
sordida esistenza
Dietro pini pesanti
scorgo le rughe del mondo
la fuga dei giganti di un tempo
soggiogati anch’essi
da questo infinito sogno


Eleonora Negri

7° classificata

Voi due


Insieme,
Siete come tuorlo e albume,
l’acqua e la bottiglia,
la casa e il tetto,
il tavolo e la sedia.


Soli,
Siete come un prato senza erba,
un bosco senza alberi,
una cima senza neve,
un mare senza sale.


Vi guardavo l’altra sera,
dall’alto dei miei trent’anni:
una tenerezza infinita vedere
il fluido della saggezza
danzare con i gesti tremolanti
di due vecchi attori
curvi sul palcoscenico della vita.


Come una stella,
quasi alla fine del suo lungo cammino,
perde splendore;
così voi, chiusi nel vostro focolare alla deriva
bevete ricordi,
mangiate noia,
digerite dispiaceri.


Un giorno a caso, il cordone ombelicale
da cui ora voi prendete ossigeno
arriverà alla fine e ci dovremo lasciare.
voi con il rimpianto di non aver avuto di più
e io con il rimorso di non aver dato di più.


A mamma e papà


Chiara Riva

8° classificata

Alla mia itaca voglio approdare


Alla mia itaca voglio approdare dopo
Aver udito la dolce malinconia
Di un volto che rispecchia,
Assente, nel finestrino di un
Pulmino azzurro cielo dell’anffas


Alla mia isola mediterranea voglio giungere
Dopo aver assaporato il ruvido inebriante sapore della
Terra che si insinua sotto le unghie inspessite dal
lavoro per far nascere un fiore


Sulla saggia consapevolezza dell’insensata vita
Voglio planare dopo aver succhiato l’umido odore
Di scogli salati
Alla pace delle pupille dilatate voglio arrivare
Dopo aver sentito le lignee mani


Unte sulla pelle sudata per la palpitante
Nottata di lampi
Il ruggito del tempo che scorre come un fiume in piena
Ricorda che la mia Itaca non è poi così lontana


Patrizio Pitto Neri

9° classificato

Per giustificare il giorno


Basterebbe il ricordo della bellezza
dei tuoi seni tra le rocce
a giustificare questo giorno
che irreale si conduce
in un ghiaccio che non si scioglie
e dal cuore degli uomini si estende
al confine della notte.
Scintilla su esso il dolore:
ma è di cristallo la tua immagine
anche se forse è solo un miraggio,
un sogno impossibile,
uno strenuante passaggio.


Anna Maria Monchiero

10° classificata

Quando la notte


A ragnatela le stelle
su notte di favole
e lucciole imprendibili
ad una mano tesa
raccontano di falò
a mezzanotte, di vento
furtivo d’amanti
tra sabbia scura
che inghiotte le onde
e non basta riavvolgere
il gomitolo del tempo
per frenare la corsa,
non bastano falene d’agosto
attorno a falsa luce
di tanti re Mida dal corpo
freddo e destare
l’anima delle bambole.
Si spengono silenzi
umidi di rugiada,
improvvisato un madrigale
d’amore e intanto domani
continua la mattanza.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2017 XXII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2016 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2015 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2014 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2013 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2012 XVII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2011 XVI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2010 XV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2009 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2008 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2007 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2006 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2005 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2004 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2003 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2002 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2001 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 2000 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1999 IV Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1998 III Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1997 II Edizione
Premio Letterario Internazionale Città di Melegnano 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153