Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2002
II Edizione

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Premiazione – Si è tenuta sabato 22 giugno 2002 alle ore 18 in occasione del II Meeting dei Poeti Europei. Lo stesso giorno si è svolta, sempre nei locali dell’Hotel Terme Olympia, una delle tappe finali del concorso Il Giro d’Italia delle Poesie in Cornice. I primi due classificati e un loro accompagnatore sono stati ospiti gratuiti dell’Hotel Terme Olympia per un pernottamento e un pasto (pranzo o cena del sabato).
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Il Cenacolo dei Poeti Euganei rende note le valutazioni effettuate dalla Giuria della seconda edizione del Premio internazionale di Poesia Olympia città di Montegrotto Terme 2002 che era composta da: Paolo Carniello (presidente), Enzo Moretto, Lucia Palmarini (giornalista), Leonardo Ruzzante, Sandro Bianda (giornalista), Gianfranco Marca della la quale dopo attenta valutazione delle opere pervenute è giunta alla conclusione di premiare i seguenti autori:


  • Opera 1a classificata: Il sole era tornato giovane di Sergio Barbieri, Voghera (PV). Vince Coppa Hotel Terme Olympia – Euro 516,46 (L. 1.000.000) offerti dalla Banca Sant’Elena Banca di credito cooperativo – Agenzia di Montegrotto Terme – buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine rilegato in brossura di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 2a class.: La grande illusione di Fausto Pelli, Lodi. Vince Coppa Hotel Terme Olympia – buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine cucito con punto metallico di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 3a class.: Affonda il viso nelle mani… di Simonetta Cariolato, Pozzo di San Giovanni Lupatoto (VR). Vince Coppa Hotel Terme Olympia – buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine cucito con punto metallico di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 4a class.: Sera di corallo di Giuliana Gilli, Roncegno (TN). Vince Targa Hotel Terme Olympia – buono valido per la pubblicazione di un libro di 16 pagine cucito con punto metallico di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 5a class.: Un volo di rondine di Marco Galvagni, Milano. Vince Targa Hotel Terme Olympia – buono valido per la pubblicazione di un libro di 16 pagine cucito con punto metallico di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • 6a class.: Mio padre di Alessandra Crabbia di Caerano San Marco (TV). Vince Targa Hotel Terme Olympia – buono valido per la pubblicazione di un libro di 16 pagine cucito con punto metallico di cui riceverà 50 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


Vincono attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet per un anno:


  • 7a class.: Gli inquilini del mio corpo di Adriana Scarpa, Treviso;
  • 8a class.: Occhi di Egidio Belotti, Fossano (CN);
  • 9a class.: Per mano di Loriana Capecchi, Quarrata (PT);
  • 10a class.: Pessimismo della ragione di Andrea Violi, Rivalta (RE).


Sono risultati segnalati dalla giuria con Attestato di merito:


  • Mattini di brume di Giorgio Bolla, Padova;
  • La spada di Giada di Giuseppe Marotta, Milano;
  • Ritorno di Giorgio Lazzarin, di Monselice (PD);
  • Si stava eterni anche noi di Giovanni Caso, Mercato San Severino (SA);
  • Anima dannata di Cecilia Aparecida, Galliate (NO);
  • Ode agli alberi di Donatella Lanza, Tollegno (BI);
  • Salve dolce nonnina di Gabriele Serpe, Genova;
  • La colpa… di Pierpaolo Mancini, Pescara;
  • Senza titolo di Andrea Veronese, Este (PD);
  • L’ultima spiaggia di Cristina Unterberger, Milano;
  • Sono le mie avarie… di Benedetto Moro, Lugo (RA);


La cerimonia di premiazione si è svolta all’Hotel Terme Olympia di Montegrotto Terme sabato 22 giugno 2002 alle ore 18 in occasione del II Meeting dei Poeti Europei. Lo stesso giorno si è svolta, sempre nei locali dell’Hotel Terme Olympia, una delle tappe finali del concorso Il Giro d’Italia delle Poesie in Cornice. I primi due classificati e un loro accompagnatore sono stati ospiti gratuiti dell’Hotel Terme Olympia per un pernottamento e un pasto (pranzo o cena del sabato).


Opere vincitrici

Sergio Barbieri

1° classificato

Il sole era tornato giovane

e tutti noi – quelli con le camicie di vento – spingevamo oltre lo spazio
le nostre biciclette di gioventù

e le ragazze
erano in un campo di grano maturo
nel gran sole del desiderio.

Noi ancora noi
parlavamo con le nostre anime
per attendere – ancora assieme – la notte ed il suo
inizio di stelle.

E tutto era nostro – solo nostro –
di quelli
che possiedono
il Tempo.


Fausto Pelli

2° classificato

La grande illusione


Non sapevo di aprile.

Siamo usciti dall’inverno
per abitare una chiesa
ancora incompiuta, malgrado
il fruscio, qua e là,
delle rondini.

Ascolta, la tua nudità
di allora, quel modo di passare,
sono il mare contro lo scoglio,
perché tutto muore e si compie,
e tu non sai, a forza di onde,
di cosa è padrone il mare.

A noi in cammino
talvolta non basta il mare,
la pupilla si dilata – mi hanno detto che voli – e restano le orme.


Simonetta Cariolato

3a classificata

senza titolo

Affonda il viso nelle mani
in queste mani intrise di coerenza e di dolore.
È questa la misura irragionevole?
Queste dita che defluiscono lungo le anche
a trattenere il corpo tremante
con queste nocche che stridono
contro il silenzio assordante
di queste quattro mura che circondano
il pianto consolatorio
pianto che danza intorno al fuoco
come falena fino ad impazzire
e a divenire fiamma.
Lingua di fuoco che asciuga le lacrime
inaridite dalla vacuità dell’anima,
che insegue leggi, comportamenti da vestire
alla luce del sole.
Ma dentro le pareti, quando il dovere inciampa,
danza la signora del tramonto
e canta la canzone che misura il vento,
lo spirito senza corpo, intriso ancora di normalità e di apparenza.
Danza la marionetta nel teatrino del padrone,
il soldatino al cambio della guardia.
Suona ancora la dolce melodia della vita apatica e serena
perché non vale niente essere fuoco nell’onda che avanza.


Giuliana Gilli

2° classificato

Sera di corallo

Da orizzonti indefiniti
mi giunge questa sera di corallo
a tingere d’impeto e d’ibisco
sbiaditi fondali di silenzio.

Risveglia la tua voce
nostalgia di stele impallidite,
trucioli di sogni sfatti,
nell’incedere lento
di passi appannati di brina.

Freme la luna prigioniera
nei recinti di un cielo assonnato
e affonda lame di velluto
nella fragile corteccia
del mio corpo pulsante di gelo!

Mi lascio andare al tepore
che schiude il bucaneve
e stupisce l’erba,
cullando lo sfarzo di un vento
che sospinge attimi
ammainati come vele.


Marco Galvagni

5° classificato

Un volo di rondine

Il meriggio
consolerà il mattino
per aver trascorso
frammenti del nuovo giorno.
Se qualcuno ricorderà l’alba
sarà tempo di quiete sfumato,
ricordo lambito da echi sfiniti,
candido pallore che quasi
richiama il colore del crepuscolo.
Dimenticato è ormai il mattino
in una fitta pioggia di speranza
ch’ha permeato il meriggio
d’un’apparenza vespertina.
Il giorno regalerà
alla notte rose di seta
e verrà il tempo dei vizi,
il tempo dei rimorsi
e sarà la foglia
d’una pianta appassita
ad ondeggiare ed insegnare
che anche nel vuoto
di piombo del silenzio
l’inchiostro sinuoso si agita
e traccia graffiti d’amore.
Udendo gli schiamazzi
di quattro ubriachi che cantano,
dolcemente m’assopirò sotto
un’arcata di cielo lattiginoso.
Porrò a tacere le membra assonnate
in una notte dove la luce delle stelle
illumina un uragano di passioni.
All’alba sarà un volo di rondine
ad illanguidire d’amore gli alberi,
aprire il cuore a vagiti di speranza
e concedermi l’attesa della nuova stagione.


Alessandra Crabbia

6a classificata

Mio padre

Il mio vecchio beveva liquore di prugna,
disegnava cavalli e maiali impazziti
nelle sere ventose d’inverno.
E mi parlava di Cyrano e Don Chisciotte,
e mangiava a petto nudo bestemmiando
tra cani e gatti adoranti.
Era un bambino matto
che girava intorno alla vita
con le tasche piene di cambiali scadute,
e un amore morto fermo fermo all’altezza del cuore.
Il mio vecchio era l’unico
a farmi piangere e ridere insieme.
Portava giacche lise e rovesciate
e scarpe sinuose da ballerino di tango.
Giocava a far l’adulto,
ma era la vita ad averlo giocato
e scordato come un inutile guanto spaiato.
Volevo bene al mio vecchio,
anche se a volte lo odiavo.
Eppure,
la sua pazzia solare e maledetta
è sulla punta delle mie dita,
e il suo cuore storto
splende nel mio petto
come una stella nella notte.


Adriana Scarpa

7a classificata

Gli inquilini del mio corpo

Sono abitata da sobbalzi:
una stagione di piogge mi turbina dentro
così le dita e le punte dei capelli
mi gocciolano rugiade. Sono abitata
da legni con solchi ad anello,
con tenerissimi nidi e i rami
si muovono in me con fiati musicali.
Mi faccio curva di vento (io
terra di smeraldi) e lentamente oscillo
sul ventaglio dei glicini.
È collina di betulle bianche
la mia mano, sospira tremando.
In me, dentro la mia carne,
sigilli ed impronte pulsano.
Questo mio universo di radici
è una terra incendiaria,
una corolla di piogge e di albe.


Egidio Belotti

8° classificato

Occhi

Le dita affusolate a sfiorare appena
i tuoi occhi sospesi sul pianoforte
muto, occhi quasi senza pause
sul delta dei pensieri che risorge
come pianura smossa lungo il granito
spento dei muri screpolati,
occhi rovesciati in un fiore,
inumiditi da bisbigli di paura,
costretti a tracciare immagini
sfocate – a volte in incognito felici – semi sotto la terra incolta,
occhi che non ti somigliano
così smarriti nel verde opaco
delle acque ferme, sommessi
per il dubbio ostinato che ritorna
e soffia senza rimedio,
silenziosi sul ritmo incalzante
della sofferenza inaspettata, offesi
per l’improvviso avvento del buio:
ricordi quella sera baciati
dalla penombra attonita
sul bisbigliare misurato
del mio dolore quasi inquieto?
Grazie.


Loriana Capecchi

9a classificata

Per mano


Ti avrei portato un giorno per la mano

alla terra che amasti quale donna.

Nell’altra avrei posato fieni e grano.


Non donava
un padre schivo baci
né parole
ma lunghi sguardi teneri
avvolgenti
intorno alla sua figlia piccolina
selvaggia
lei lucertola di sole
schiava di solitudini stregate
da cieli chiari curvi sui trifogli.

Tu padre
un ritorno odoroso dai prati
in groppa alle tue spalle ero padrona
di tramonti di fuoco e la distesa
di fiumi d’erba spinta fino ai colli.

Tu fosti padre il solo ad inseguire
il cammino dei sogni nei miei occhi
quando l’infanzia chiede giochi al vento
e il tempo appare fermo ad una conta.

Allora il sasso
l’albero
ed il grano
insieme a noi divennero fanciulli.

Seppure adesso vivi cieli chiari
sotto la pelle porti una bambina
che sulla bicicletta insieme al padre
disciolto il fiocco rosa dai capelli
volava un corpo solo offerto al vento.


Andrea Violi

10° classificato

Pessimismo della ragione

Sarmenti
siamo,
a volte
consapevoli.
Cadiamo
nelle cascate
e verso il centro
della terra viva
gagliarda
e soffocata.
Intenti
come tuoni
a rombare
superiamo
le fessure
tra gli archi
a sesto acuto.
Rosicchiamo
larghe mattonelle
e con ampi gesti
recitiamo,
tutt’altro
che invano.


L'Albo d'Oro:
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2017 XVII Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2016 XVI Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2015 XV Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2014 XIV Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2013 XIII edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2012 XII Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2011 XI Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2010 X Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2009 IX Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2008 VIII Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2007 VII Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2006 VI Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2005 V edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2004 IV Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2003 III Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2002 II Edizione
Concorso Internazionale di poesia Olympia Città di Montegrotto Terme 2001 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153