Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006
VII Edizione

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2006
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Premiazione – Si è tenuta Sabato 12 Agosto 2006 alle ore 21.00 a Campodolcino (SO), presso il Palazzetto dello Sport.
Alla serata sono intervenuti Autorità e Giornalisti. La serata è continuata con un intrattenimento musicale della Compagnia di Lucio Falco con un’esibizione di Tango argentino.
Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.
A chi non è potuto presentarsi alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2006.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Questi i risultati della settima edizione del Premio La montagna Valle Spluga, indetto e organizzato dal Comune di Campodolcino, con il patrocinio della Pro Loco di Campodolcino, della Regione Lombardia, della Provincia di Sondrio, della Comunità Montana Valchiavenna, del Consorzio Promozione Turistica Valchiavenna, di Hyundai-Mitsubishi-Koelliker Italia, di Francoli Grappe, di Del Zoppo Bresaole, di Spluga Petroli, dell’UNPLI Nazionale (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) e con la collaborazione tecnica e letteraria de Il Club degli autori.


La giuria composta da: Prof. Franco Melotti (Presidente), Prof. Guglielmo Scaramellini, Prof. Guido Scaramellini, Dott.ssa Irene Pivetti, Dott.ssa Veronica Pivetti, Avv. Bruno Gozzelino, Dott. Marco Sartori, Prof. Maria Teresa Piccoli, Dott.ssa Daniela Castelli, dopo aver esaminato i testi pervenuti ha così decretato:


Sezione Poesia a Tema «Quell’amore di montagna»:


  • Opera 1a classificata «Il passo sublime» di Domenico Livoti, Prata Camportaccio (SO). Vince Euro 500,00 – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • Opera 2a classificata «Come mi piace la montagna» di Pieralda Albonico Comalini, Gravedona (CO). Vince Euro 300,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • Opera 3a classificata «Senza Te non posso star» di Barbara Gazzi, Montanara (MN). Vince Euro 150,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • Opera 4a classificata + premio speciale «Amor lo sospingeva» di Rosa Maria Corti, Lenno (CO)


  • Opera 5a classificata «Montagna sacra» di Francesco M.T. Tarantino, Mormanno (CS)


  • Opera 6a classificata «Valle Spluga» di Maria Teresa Piccardo, Roma
  • Opera 7a classificata «Madesimo» di Monica Paggi, San Cassiano (SO)
  • Opera 8a classificata «S. Guglielmo in Valle Spluga» di Licia Roveri Galli, Chiavenna (SO)
  • Opera 9a classificata «Lo scalatore» di Franco Callegaro, Adria (RO)
  • Opera 10a classificata «Silenziosa Spluga» di Clelia Ambrosino, Procida (NA)


Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


  • Opera Segnalata dalla Giuria: «L‘è resüssitáda la Cesìna de montagna» (È rinata la chiesetta di montagna) di Luigi Medolago, Boltiere (BG)


  • Opera Segnalata dalla Giuria: «L’eco della montagna» di Nadia Frascheri, Bardineto (SV)


Sezione Narrativa a Tema «Quell’amore di montagna»:


  • Opera 1a classificata «Quell’amore di montagna…» di Rosa Maria Corti, Lenno (CO). Vince Euro 300,00 – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine, del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet www.club.it.



Vince prodotti tipici locali – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet www.club.it.



Vince bottiglie di vino e grappa locali d.o.c. – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet www.club.it.



Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sul sito Internet www.club.it


La Cerimonia di Premiazione si è tenuta Sabato 12 Agosto 2006 alle ore 21.00 a Campodolcino (SO), presso il Palazzetto dello Sport.


Alla serata sono intervenuti Autorità e Giornalisti. La serata è continuata con un intrattenimento musicale della Compagnia di Lucio Falco con un’esibizione di Tango argentino.


Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.


A chi non è potuto presentarsi alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2006.


Opere vincitrici

DOMENICO LIVOTI

Opera 1^ classificata

Il passo sublime

Anche il vento del nord s’infrange
sui bastioni possenti dello Spluga:
strada dei ricordi o via di fuga
per chi l’amara terra lascia e piange?

Oltre, strani dei tuonano nei cieli,
altre storie, altri eroi, altri miti
incrociarono i destini in quei siti
e squarciarono del mistero i neri veli.

Al di qua a sud rotolano i sogni
e i fiumi cercano la via del mare
dove luccicano il sole e le lampare
per altre genti, per altri bisogni.

L’occhio si volge indietro lì sul Passo
per un rimorso o forse un rimpianto.
Poi il cuore intona un nuovo canto
e la mano lancia al cielo un altro sasso.


PIERALDA ALBONICO COMALINI

Opera 2^ classificata

Come mi piace la montagna


Come mi piace la montagna
l’aria il suo respiro
la neve che si scioglie piano
e lassù in alto il deltaplano


mi piace la gente
che si rosola al sole
le moto che si fermano al passo
per un bicchiere di vino e di viole


e le allegre comitive
che vanno cantando al bivacco
la valle che si allarga
e il ruscello che mormora la sua canzone.


Come mi piace la montagna
al tramonto quando la prima stella
appare in un cielo di latte
e la luna è solo uno spicchio


sopra il Suretta in fiamme.
Poi nel buio della notte
si accendono le finestre
e sopra il pizzo Casa


si può vedere il Carro
ma così vicino
che puoi saltarci dentro
e inabissarti nella nera vastità


a braccia aperte
in volo.


BARBARA GAZZI

Opera 3^ classificata

Senza Te non posso star


T’ascolto mea dolce Valle Spluga
forse ti duoli per colei che da te è in fuga?
Il tuo sorel vitale non tarpare
inspira l’aria e tornami a parlare
“Le ho donato Pizzo Stella
perché in cuor mio era la più bella
ma nel freddo dei suoi ghiacci
ha scordato il calor dei mie abbracci”.
Non temer tra le tue mani la tornerò a portare
fino al passo del Tambò dovessi arrivare
Le ricorderò del giorno in cui magia si compì
e del sol tuo il cor suo se ne empì
Il crotto avevi allestito con ogni cura
le migliori erbe alpine selezionate con premura
per presentarle il Violin di Capra delizioso
e donarle infine l’Amor tuo prezioso
Pel Cunus Aureus ivi insiem camminiamo
al suon degli eserciti perdon portiamo
Eccola è qui, senza più nuvole per la testa
attende lo splendor sereno della festa
nuova dimora le mostri per tornar felici
tra prati verdi, abeti e larici
il diorama le hai creato su misura
è valle Lei la miglior cura


ROSA MARIA CORTI

Opera 4^ classificata

Amor lo sospingeva…


Se ne andava per radure di fiori
come smarrito all’incontro.
Amor lo sospingeva a rivedere tutto:
le bianche cime dei monti,
il bel villaggio e i casolari sparsi.
Amor lo sospingeva a riascoltare tutto:
degli uccelli e degli abeti i canti,
e la garrula voce delle alpestri fonti.
Nulla parea mutato vicino al Passo
e repentina s’accendeva la speranza
di rivederla per una volta ancora,
la bella fronte, la bocca dolorosa,
che tanto gli piaceva d’averla disegnata.
Ed era là, nella minuscola cappella,
l’antica effige a lungo contemplata,
tenera e dolce, triste e delicata,
tutto il sole l’avvolgeva, splendeva
seléne tra le pieghe del mantello.
Come Lei (1), naufrago, salvato dalle onde,
come Lei, alfine in pace, alla Ca (2) del monte.
Pianse sotto una cupola di stelle
e nel profondo della sua anima
La ringraziò per tutto quello.


1. La leggenda narra di una statua della Madonna col Bambino, in piedi sopra la falce di luna, (secondo un modello iconografico tedesco), ripescata dalle acque del torrente, dove sarebbe stata gettata dai protestanti più a monte.

2. Montespluga, anticamente chiamato Ca de la montagna, ultima sosta prima di affrontare il Passo.


FRANCESCO M.T. TARANTINO

Opera 5^ classificata

Montagna sacra


Ripercorrerti nei sentieri di alberi e foglie
Smarrirsi in un bosco di nuvole e fiori
Fra le tue nebbie il cielo e le fresche voglie
Di immagini e sogni rincorsi e dolori


La valle inondata di suoni e campane
Quando smessa la pioggia odore di sole
Intrecci di frutti e di fiori in collane
Intarsi ed omaggi come doni senza parole


Montagna di ombre di luci e bisbigli
Di cielo che si fa prato e corre lontano
Di vento che soffia e crea scompigli
Di passi che corrono tenendosi per mano


Montagna che narri di amori di fonte
Di ghiaccio che spegne ogni raggio di verde
Soccorri ogni giglio che vive sul monte
Ridagli il sentiero ogni qualvolta si perde


Montagna che innamori in ogni stagione
Il cervo le farfalle ed ogni artiglio rupestre
Rivesti d’azzurro questa mia canzone
E spalanca i tuoi antri come fossero finestre


Sicuro rifugio di chi braccato sedeva
All’ombra dei tuoi rami chiusi in preghiera
Fra le tue crepe e il fucile si nascondeva
Per cacciare il nemico oltre frontiera


Ti porto nel cuore con la tua maestà
Ovunque io vada mi ricomponi la pace
E quando guardo in alto la tua santità
Anche se lontano non morirò contumace.


MARIA TERESA PICCARDO

Opera 6^ classificata

Valle Spluga


Tra solive malghe e alpestri fonti
in libertà pascolano gli armenti
e il mugliare dei bovi dai ridenti
prati si disperde agli orizzonti.


Verdeggianti boschi vestono i monti,
il capriolo scatta tra le silenti
selve di conifere fiorenti
rosseggianti alla luce dei tramonti.


Erte alpine con cime innevate
sovrastan Valle Spluga. Nelle baite
vige l’esempio saggio e antico


di usanze giammai dimenticate.
Serbo in core le costumanze avite
del paese di Valle Spluga aprico.


MONICA PAGGI

Opera 7^ classificata

Madesimo


Si tessono le nuvole,
sul telaio del cielo
aperto e sereno,
sopra le baite di Madesimo.
Le campane giungon di lontano
Mischiando il suono del sacro campanile
Al rumore di campanacci bovini,
assai profano,
ma tanto cari a tanto dolci,
son questi rintocchi.
Anche sui monti degli Andossi
si affacciano i contadini
e le bimbe, in allegri mazzolini
raccolgono, margherite al canto dei pettirossi.


LICIA ROVERI GALLI

Opera 8^ classificata

S. Guglielmo in Valle Spluga


Ho messo il mio cuore al riparo
nella grotta di San Guglielmo.
Gli alberi di fuori fan la guardia
e il sole lo scalda
giù dalla fessura.


Di notte dorme silenzioso
batte piano per non far rumore
per non svegliare il bruco lì vicino
e le formiche che lavoran presto.


Il bosco respira in sintonia
in compagnia di San Guglielmo
che torna lì a pregare.


E una pace soprannaturale
mi accarezza la gola
che è seccata.


Attorno è tutto d’ombra e luci
l’aria fina di montagna
i sentieri perduti.
Il posto dove sono
è un po’ dimenticato.


Scorre di fianco il Liro
con le creste bianche
dal troppo impeto che lo arruffa.
Voleva stare quieto addormentato
svegliarsi piano al primo caldo
che adagio adagio arriva.
Ma in cima han comandato
di gorgogliare lieto
per accompagnare soavi
laudi del Santo.


FRANCO CALLEGARO

Opera 9^ classificata

Lo scalatore


Montagne stagliate nel cielo,
che avete, di roccia, la pelle,
che udite il respiro del vento,
che quasi toccate le stelle…


m’han detto che sopra le vette
si vede il profondo del mare,
che i vostri incantati silenzi,
han voci che sanno parlare…


m’han detto che siete crudeli,
con chi vi ha voluto sfidare,
che molti, che eran venuti,
non sono potuti tornare…


Un giorno verrò sulle cime,
verrò... per piantare una croce,
il vento lo farà sibilare
e udrete, così, la sua voce…


Saprete che quei coraggiosi,
cercavano nuovi sentieri,
che erano solo affamati,
di altri valori, più veri…

Saprete che furon stregati
vedendo le guglie dorate
e che, nella dura scalata,
avevan le mani piegate.


Se un giorno, salendo la cima,
vedrò, sulla roccia, un bel fiore,
saprò che avrete capito…
che ingiusto fu il loro dolore!


CLELIA AMBROSINO

Opera 10^ classificata

Silenziosa Spluga


Pinnacoli di rocce,
gole profonde e vasti pianori,
la valle si distende su terrazze e pendii
come un manto increspato di verde.
Il volo planare di un gheppio,
pennellata sulla tavolozza di un pittore.


Il silenzio regna nel cuore.


Tra le rupi si celano
cappelle e romitori
e, in anfiteatri naturali,
villaggi di pastori e cave di marmo.
Profumo di ciambelle e di miele
tra i prati montani dove giocano farfalle.


Il silenzio regna nella mente.


Sullo sfondo del lago
cime sfrangiate di bianco,
una barca distesa sulla riva
coperta da sottile velo di ghiaccio
riporta alla mente ricordi lontani di un passato,
la speranza di un domani che non c‘è.


Sussurri di un amore silente…


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2013" XIII Edizione – Dedicato a San Luigi Guanella nato a Fraciscio di Campodolcino il 19/12/1842 e canonizzato a Roma da Papa Benedetto XVI il 23/10/2011
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2012" XII Edizione – Dedicato a don Primo Lucchinetti parroco di Mese dal 1887 al 1932
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2010-2011" XI Edizione - Tema dell'Anno 2010: «Dal piano alla montagna: tracce di vita»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2009" X Edizione - Tema dell'Anno 2009: «La Montagna: tema libero»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2008" IX Edizione - Tema dell'Anno 2008: «La Montagna: dove il silenzio è musica»
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2007 VIII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006 VII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005 VI Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004 V edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003 IV Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002 III Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2001 II Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153