Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005
VI Edizione

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2005
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – La spedizione dell’antologia è finita il 22 febbraio 2006.

Premiazione – Si è tenuta a Campodolcino presso il Palazzetto dello sport il giorno 13 agosto 2005 alle ore 21,00.
Alla serata sono intervenuti Autorità e giornalisti ed è stata allietata da un intrattenimento musicale dal vivo.
Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.
A chi non è potuto presentarsi alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2005.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Questi i risultati della sesta edizione del Premio La montagna Valle Spluga, indetto e organizzato dalla Pro Loco di Campodolcino con il Patrocinio dei Comuni di Campodolcino e Madesimo, della Regione Lombardia, della Provincia di Sondrio, della Comunità Montana Valchiavenna, del Consorzio Promozione Turistica della Valchiavenna, dell’Accademia Bertacchiana, della Banca Popolare di Sondrio, di Hyundai-Mitsubishi Italia, dell’UNPLI Nazionale (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia), Francoli Grappe, Del Zoppo bresaole, Spluga Petroli e con la collaborazione de Il Club degli autori.
La giuria composta da: Prof. Franco Melotti (Presidente), Dott. Marco Sartori, Prof. Guglielmo Scaramellini, Prof. Guido Scaramellini, Dott.ssa Irene Pivetti, Avv. Bruno Gozzelino, Prof. Maria Teresa Piccoli, Dott. Giulio Dotto, Dott. Silvano Santambrogio, dopo aver esaminato i testi pervenuti ha così decretato:

Sezione Poesia a Tema «La montagna»:

  • 1^ classificata Maria Grazia Girola di Milano con Nelle nari….

Vince Euro 500,00 – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet www.club.it
  • 2^ classificata Rosa Maria Corti di Lenno (CO) con Il magico mondo della montagna e Sorel.

Vince Euro 300,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet www.club.it

  • 3^ classificata Licia Roveri Galli di Chiavenna (SO) con Il Cardinello.

Vince Euro 150,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet www.club.it

  • 4° classificato Carlo Albertario di Milano con Sognando il violino e Il vecchio bardo.
  • 5^ classificata Emanuela Ballotta di Bologna con Sulle mie montagne.
  • 6° classificato Carlo Redaelli di Albiate (MI) con Nel vespro del silenzio.
  • 7^ classificata Rosalba Leveratto di Rossiglione (GE) con Ebbrezza di montagna.
  • 8^ classificata Pieralda Albonico di Gravedona (CO) con Qui hai eletto la tua dimora (in riva al lago di Montespluga).
  • 9^ classificata Milena Ghelfi di Chiavenna (SO) con Campodolcino e La montagna.
  • 10^ classificata Piera Maria Chessa di Oristano (OR) con Insieme.



Dal 4° al 10° classificati hanno vinto Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it

PREMIO SPECIALE per l’opera avente come tema «La montagna Valle Spluga» a Carlo Albertario di Milano con Sognando il violino e Il vecchio bardo.
Segnalato con assegnazione di attestato di merito:
Amleto Del Giorgio di Samolaco (SO) con Tempesta sull’alpe.


Sezione Narrativa a Tema «La montagna»:

  • 1^ classificata Silvana Ferrario di Merate (CO) con Albergo Vittoria.

  • Vince Euro 300,00 – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine, del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet Club.it
  • 2^ classificata Patrizia Letizio di Domodossola (VB) con Il codice segreto.

  • Vince prodotti tipici locali – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet Club.it
  • 3^ classificata Rosa Maria Corti di Lenno (CO) con La montagna Valle Spluga e i “Salvadeghi”.

Vince bottiglie di vino e grappa locali d.o.c. – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sulla rivista «Il club degli autori» e sul sito Internet Club.it

  • 4° classificato Ezio Abate di Morbegno (SO) con Estate a Pianazzo.
  • 5^ classificata Emilia Fragomeni di Genova con Viaggio… nei ricordi.
  • 6° classificato Maurizio Paganelli di Mercato (FC) con La notte dei mandarini.
  • 7° classificato Vincenzo Ercole di Corbanese di Tarzo (TV) con La montagna virtuale.
  • 8^ classificata Dorina Tiso di Valdagno (VI) con Simbiosi.
  • 9° classificato Bruno Longanesi di S. Giuliano M.se (MI) con Qualcuno l’aveva previsto – Dio, per un giorno solo, mi ha prestato le Sue gambe.
  • 10° classificato Dionigi Mainini di Fagnano Olona (VA) con Un’altra giornata ventosa.


Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sul sito Internet Club.it


SEGNALATI con assegnazione di attestato di merito:

  • Maria Cristina Flumiani di Milano Il drago.
  • Isabella Luconi di Assemini (CA) Le note dell’anima.


SEGNALAZIONE SPECIALE:

Agli Alunni della Classe 2^ A A.S. 2004-05 della Scuola secondaria I° Campodolcino IC Garibaldi Chiavenna:
Mattia – Andrea – Tea – Chiara – Miriam – Greta – Nico – Adele – Ilaria – Marcello – Mino – Aldo – Elena – Gianmaria – Francesca – Patrizia – Nicola – Pilar – Marta – Riccardo – Davide – Marianna – Raffaele – Alice di Campodolcino (SO) per l’eleaborato “Faccende e favole di animali della Valle Spluga”.


La Cerimonia di Premiazione si è tenuta a CAMPODOLCINO presso il Palazzetto dello sport il giorno 13 agosto 2005 alle ore 21,00.
Alla serata sono intrevenuti Autorità e giornalisti ed è stata allietata da un intrattenimento musicale dal vivo.
Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.
A chi non è potuto presentarsi alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2005.

Opere vincitrici

MARIA GRAZIA GIROLA
Opera 1a classificata
Nelle nari…


Nelle nari il profumo di rubinie di una Chiavenna passata,
affacciata ad un corso d’acqua irruente,
con le sue case appassite di antico borgo lombardo.
Riaffiora il ricordo di me ragazzina, che si lavava al catino
in una camera ove lo scricchiolare era del tutto usuale
e così mi riappare lo specchio delle due Valli, abbracciate e
sorelle
che sembrano ora, agli occhi del cuore, ancora più belle.
Valle, ove affacciarsi al mattino
era pensare all’altrui destino,
di chi viveva sempre col lusso alle spalle
di chi doveva accudire le stalle
per guadagnare col sudore e l’affanno,
il rispetto per tutto l’anno.
Transito dovuto per i mille passanti
che d’inverno per lo “Spluga” andavano avanti,
per una strada stretta e tortuosa
che s’inerpicava come stelo di rosa,
con mille spine di case e chiesette
da abbracciare e tenere strette,
fino ad aprirsi in un estremo slancio
in Valle Spluga, ammantata di bianco.
Fatta di neve a perdita d’occhio,
fatta di luce che sembrava un incanto,
fatta di sole che lasciava storditi,
per noi che arrivavamo lì, intirizziti.
Era tutto e troppo, non si chiedeva più niente
perché l’anima era sorridente,
si era finalmente giunti al palco d’onore
di quelle Valli, entrate nel cuore,
per amore od affezione alla sua gente,
una popolazione da sempre coerente
con tradizioni ormai secolari sia culinarie che amatoriali.
Terra al confine ove la Lombardia si riposa
dopo una “medaglia d’onor” doverosa
per chi ha saputo tracciar nella Storia ed il cammino,
il limite tra l’Italia e lo Stato vicino.


ROSA MARIA CORTI
Opera 2a classificata
Il magico popolo della montagna Valle Spluga


Preistorica pace, bianche acque filanti.
Condotti alla briglia i dispettosi folletti
escono dalle loro dorate spelonche,
scendono dai crinali, si riposano in verdi
anfiteatri naturali, ascoltano attenti
la cantilena dei ruscelli, il fresco
e dolce gorgheggiare di uccelli.
Anche Eco, irrequieto e scherzoso,
sembra muto, osserva delle acque
sulle rocciose balze il morbido tessuto.
Si specchiano nelle pozze gli animali del bosco,
intessono fili d’erba le vanitose gazze.
Le fate attendono che sorga la luna
per intrecciare danze al ritmo del vento.
Ed è musica di cembali lo stormire di pini ed abeti,
fra mughi e rododendri si perde l’eterna ballata.
Sotto precipiti massi, nella piccola casa
dalla finestra in croce, qualcuno ascolta
dei Giganti il canto. Risuonano di bambù
le canne strappate agli stagni del Liro nel fondovalle
ed il concerto terreno sale verso Pian dei Cavalli,
riecheggia nella Val di Febbraro
s’eleva oltre la cresta dei monti,
raggiunge del Suretta i ghiacci,
si placa nel magico mondo del lago.


Sorél


Rombo cupo, come di valanga,
sarabanda chiassosa di spettri.
Goffi demoni danzano nella notte
con bizzarre streghe i loro minuetti.
Costretti ad un viaggio senza tempo
con gli occhi cercano qualcosa,
forse quella pace a loro preclusa.
Solo il sorgere del sole mette fine
a tanta pena e crudo tormento.
Ma se t’accosti all’erratico granito
un soffio sentirai come di lamento.


LICIA ROVERI GALLI
Opera 3a classificata
Il Cardinello


Io ho camminato il Cardinello.
Io proprio io, un’avventura un regalo
un mondo di sorpresa scoperchiato
bambina curiosa che ha voglia di andare.
In una giornata perfetta volavano in alto
l’azzurro cobalto schilento
le rocce striate
i gradini scavati consumati dal tempo
levigati dai passi che fanno scultura.
Sul sentiero il dirupo vicino
creazione il burrone come opera immensa
(e il Liro scavato pomposo
cantante sfrenato esaltante
continua l’impresa…)
Ce l’ho fatta io che credevo dopo un momento
di dire torniamo
con le ginocchia stanche
la paura del vuoto
la paura della paura che non ti fa fare
la paura di provare.
No, io ho camminato il Cardinello
come proprio se fossi stata nel passato
di quelli con la gerla che portavano sale
le scarpe grosse ai piedi per farmi sicura
il bastone come nelle stampe stampate.
Ho camminato io il Cardinello
con vicino per mano lei per farmi un regalo
per farmi scoprire un mondo di sorpresa
bambina curiosa che ha voglia di andare.


CARLO ALBERTARIO
Opera 4a classificata
Il vecchio bardo


È qui Madesimo sito importante
per le sue montagne e l’aria fina
che dona l’ampio respir sin da mattina
al pastor e a ogni villeggiante.
Cerco dove Carducci professore,
grande tra i poeti del passato,
veniva a riposar ed estasiato
creava canti per la cima e il fiore.
Poco rimane qui del suo passaggio
e il ricordo è oggi sbiadito
dei giorni di quel tempo ormai finito.
Guardo lassù la vetta e il paesaggio.
Ho il privilegio di posar lo sguardo
dove lo posò lui. Il vecchio bardo.


Sognando il violino


Passando dalla casa del Bertacchi,
illustre poeta di Chiavenna,
mi sovvien l’omaggio che lui fece
a un pari poeta di Milano (*):
un cosciotto di monton che s’accompagna
al pan di segale e al bicchier di vino,
in questa terra chiamato violino.
Lo cerco anch’io da poter gustare
come allora fece quel poeta,
ma non lo trovo. Non lo posso fare
e la bresaola è nel mio destino.
A fette me la gusto, piano piano,
ma resta il sogno di quel violino.


(*) Il poeta Luigi Medici (Milano, 1884 – 1956) che per
ringraziare Giovanni Bertacchi scrisse il sonetto in dialetto
milanese “On viorin de Ciavenna” (Un violino di Chiavenna)


EMANUELA BALLOTTA
Opera 5a classificata
Sulle mie montagne


Quando giungerà la mia ora,
amore mio,
fammi morire sulle mie montagne,
con il vento profumato
che mi accarezza il viso,
le mani che abbracciano la roccia,
lo spirito che vola con le aquile
e tutti i miei verdi boschi intorno.
Fa’ che possa percorrere,
ancora una volta,
i luminosi sentieri della foresta,
correre con fratello lupo,
gioire con lo stambecco,
riposare con la marmotta,
gustare il miele delle sorelle api.
Fa’ che possa volare sul lago azzurro,
bere la neve di mezza estate,
contemplare l’infinito nei fiori della valle.
Quando giungerà la mia ora,
amore mio,
fa’ che sia al tramonto o all’aurora,
in uno dei tempi fra i tempi.
Fa’ che possa stringere fra le mani
la mia spada di luce
e che i miei piedi siano sull’erba alta.
Quando sarà il mio momento, amore mio, dolce signore,
fa’ che il mio cuore sia pieno d’amore perfetto
verso di Te e tutte le tue creature.
Fa’ che possa abbracciare nella pace e nella luce
tutte le galassie e tutto l’universo,
e portare l’esplosione di gioia del tuo amore
fino agli estremi confini del cosmo.
Quando giungerà la mia ora,
amore mio,
fammi morire sulle mie montagne,
con il bacio del sole sul mio viso…


GIULIO REDAELLI
Opera 6a classificata
Nel vespro del silenzio


Come insolito pittore
l’ultimo sbadiglio di sole
disegna gli ampi contorni del Groppera
e in caldo effluvio di silenzio
annega nelle acque del Lago Azzurro
con rapide lame di luce
simili al guizzare di trote iridescenti
Sui rami l’allodola si accompagna all’usignolo
tra rovi di more e mirtilli una cicala
s’attarda col suo canto febbrile
Si fa mio lo smarrimento della sera
in quei lenti rintocchi di campane
che riempiono la valle
di una sommessa preghiera all’Eterno
nell’antico immenso respiro del vespro
e mi assale il ricordo
delle limpide vene dei tuoi torrenti
dell’intenso profumo dell’erba appena falciata
di quei verdi pascoli ondeggianti
come mani protese all’azzurro saluto dell’orizzonte
mentre un soffio di favonio, dagli Andossi
scende ad accarezzare l’ardesia dei tetti
Ecco, come incanto di sogno, improvvisa
nel buio fiorisce la luna:
sono scaglie di luce dorata
giù, per gole e canaloni
a vestire di seta lucente la pietra dei tuoi fianchi
una collana di nuvole dai riflessi perlacei
adorna le tue cime e mille stelle
ti trapuntano i neri capelli di cielo
quasi a farti mia sola principessa della notte
Ormai lontano è il rumore del giorno
e in me, inaspettata, come vertigine d’altezza
come sasso che rotola e nel cuore s’infrange
una nuova gioia si diffonde, leggera.


ROSALBA LEVERATTO
Opera 7a classificata
Ebbrezza di montagna


Da lassù, ti sembra
di poter sfiorare il cielo
e cogliere le stelle;
di poter spiccare il volo
e seguire la scia di un
aeroplano.
Dentro di te,
sensazione di libertà
che ti fa gridare a squarciagola
e senti echeggiare la tua voce;
sensazioni di pace
che ti fa ringraziare Dio
e senti battere il tuo cuore.
Bere a sorsi l’acqua gelida
che zampilla dalla roccia
e ti inebria la mente;
vedere riflessa la tua anima
nello specchio limpido di un lago.
Ebbrezza di montagna
che risveglia i sensi e
accende in te la voglia
di vivere.


PIERALDA ALBONICO
Opera 8a classificata
Qui hai eletto la tua dimora


(In riva al lago di Montespluga)


Verde spruzzato di rosa pastello
e di giallo, l’azzurro del lago campito
fra i prati e la diga
e prima del cielo il profilo puro
dei monti
due nuvole bianche due ali
un solo tremore nell’acque
dopo ritrovo tre nuvole in cielo
e una rondine in volo, altro canto
anche il lago ha mutato la veste
campisce più tenue
tra il prato baciato e la diga
vola radendo un’ala più bianca
lascio che il quadro si aggiusti
a ogni minuto nel suo perenne rifiuto
di essere per sempre immobile
ma solo un farsi e disfarsi
mutevole come le nuvole nuove
nate all’azzurro, i profumi del prato
il sole rotante, le piume
come pennelli imbevuti di vento
ora il bianco nell’acqua attraversa da sponda
a sponda, è mutata anche l’onda
il calore è più forte
qui dove la vita risponde
hai eletto la tua dimora o poesia
della pittura sorella mutevole
qui al centro dell’universo
dove il filo d’erba trema
ed è subito bufera.


MILENA GHELFI
Opera 9a classificata
Campodolcino


Dopo il tortuoso salire,
eccomi sono arrivata!!
Il dolce piano lineare ora percorro
Campodolcino è al suo nascere.
Discreto, un po’ desolato,
con case intrise di ricordi
e ante ormai chiuse da tempo,
che il sole sbiadisce: rispettosamente, teneramente.
Villaggio come tanti, di emigranti,
partiti per sfidare la disoccupazione,
Paese con suoni delicatissimi, educati
Musica di giocose fontanelle
Con acqua limpida trasparente
Pura al pari del saggio che
Disseta la mia curiosità.
La montagna
Alla maestosa e silente
Ma colma di vita la tua terra!
Montagna, hai doni per tutti
Ossigeno, colori e pace,
finanche profumi balsamici, rigeneranti.
Guardandoti mi sento tanto piccola,
ma molto Protetta!
Spettacolo per tutti gratuito, invitante,
intriso di forti colori stagionali,
che ciclicamente si presentano all’uomo
mutando in toni, un teatro perfetto
per l’uomo spesso distratto.
Ogni tua Valle ha una storia,
il vissuto di genti impresso nella memoria.
Paesaggi dipinti da madre natura
Che dalla vetta ammiri, quasi con paura,
ogni tuo luogo è diverso, albergo di uccelletti
scoiattoli e ingenui cerbiatti.
Così ti sento Montagna, disegno perfetto
Pensato da DIO!! PER me e per tutti!!


PIERA MARIA CHESSA
Opera 10a classificata
Insieme


Vorrei correre con te,
come un tempo,
nelle verdi valli alpine.
Tagliare il velluto dei prati,
rubare i profumi
ai larici e agli abeti
e ammirare insieme
le cime bianche e i cieli tersi
delle montagne.
Vorrei ridere con te
delle piccole cose,
apprezzare e godere
di quella semplicità presente
nell’arduo impegno dei montanari.
Sedere con te
sulle sponde di un torrente,
lavare le nostre mani
e i nostri visi
e rinnovare insieme
la mente e il cuore.
E infine entrare,
in punta di piedi,
in una piccola chiesa,
e sostare un istante
ad ascoltare in noi
una voce tenue che dice:
ritrovati.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2013" XIII Edizione – Dedicato a San Luigi Guanella nato a Fraciscio di Campodolcino il 19/12/1842 e canonizzato a Roma da Papa Benedetto XVI il 23/10/2011
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2012" XII Edizione – Dedicato a don Primo Lucchinetti parroco di Mese dal 1887 al 1932
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2010-2011" XI Edizione - Tema dell'Anno 2010: «Dal piano alla montagna: tracce di vita»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2009" X Edizione - Tema dell'Anno 2009: «La Montagna: tema libero»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2008" IX Edizione - Tema dell'Anno 2008: «La Montagna: dove il silenzio è musica»
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2007 VIII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006 VII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005 VI Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004 V edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003 IV Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002 III Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2001 II Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153