Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004
V edizione

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2004
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – La spedizione dell’antologia è finita il 21-12-2004.

Premiazione – Si è tenuta a Campodolcino sabato 7 agosto 2004 alle ore 21 presso il palazzetto dello Sport.
Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.
A chi non è potuto presenziare alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2004.

Risultati

La montagna Valle Spluga, indetto e organizzato dalla Pro Loco di Campodolcino con il Patrocinio del Comune di Madesimo, della Regione Lombardia, della Provincia di Sondrio, della Comunità Montana Valchiavenna, del Consorzio Promozione Turistica della Valchiavenna, dell’Accademia Bertacchiana, della Banca Popolare di Sondrio, di Hyundai-Mitsubishi Italia, dell’UNPLI Nazionale (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) e con la collaborazione de Il Club degli autori.
La giuria composta da: Prof. Franco Melotti (Presidente), Dott. Marco Sartori, Prof. Guglielmo Scaramellini, Prof. Guido Scaramellini, Dott.ssa Irene Pivetti, Avv. Bruno Gozzelino, Prof. Maria Teresa Piccoli, Dott. Giulio Dotto, Dott. Silvano Santambrogio, dopo aver esaminato i testi pervenuti ha così decretato:

Sezione Poesia a Tema La montagna Valle spluga:

1a classificata Ambrogina Sirtori di Carate Brianza (MI) con Notte in Valle Spluga.
Vince Euro 500,00 – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
2a classificata Sonia Guanziroli di Como con Montagna madre mia.
Vince Euro 300,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
3° classificato Floriano Mangiantini di Firenze con Valle Spluga fra sogno e realtà.
Vince Euro 150,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
4a classificata Dorina Tiso di Valdagno (VI) con Camminando in montagna.
5° classificato Giuseppe Voarino di Cuneo con Comignoli spenti.
6° classificata Maria Teresa Zanafredi di Casalbellotto (CR) con La mia piccolezza nella grandezza.
7a classificata Rina Eugenia Bonanomi di Erba con Spluga: valle incantata.
8a classificata Marisa Landini Sardella di Marzocca (AN) con Val Poschiavino.
9a classificata Pieralda Albonico di Gravedona (CO) con In via e Quando i monti.
10° classificato Andrea Comalini di Gravedona (CO) con Respira.

Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera premiata sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


Sezione Narrativa a Tema La montagna Valle Spluga: cuore delle Alpi, frontiera di vita europea:

1a classificata Silvia Tenderini di Ballabio (LC) con Ti prendo per mano
Vince Euro 300,00 – Attestato di merito -Pubblicazione di un libro di 32 pagine, del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione del racconto premiato sul sito Internet Club.it
2° classificato Thomas Ruberto di Livigno (SO) con Il quarto piano
Vince Prodotti tipici locali – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sul sito Internet Club.it
3a classificata Rita Cerletti di Mariano Comense (CO) con La signora Lupi
Vince bottiglie di vino e grappa locali d.o.c. – Attestato di merito – Pubblicazione del racconto premiato sul sito Internet Club.it



La Cerimonia di Premiazione si è tenuta a Campodolcino sabato 7 agosto 2004 alle ore 21 presso il palazzetto dello Sport.
Per i primi tre classificati è stato fatto obbligo del ritiro del premio durante la serata di Premiazione.
A chi non è potuto presenziare alla premiazione per seri motivi, sono stati spediti i premi previo rimborso delle spese postali entro il 31 Dicembre 2004.

Per informazioni: Pro Loco Campodolcino – piazza Ministrali, 6 – Campodolcino (SO) – tel. 338.31.31.910 – Email: info@prolococampodolcino.com

Opere vincitrici

Ambrogina Sirtori

Opera 1° classificata

Notte in Valle Spluga


Come bastionata
dal profilo irregolare
la massa scura dei monti
si staglia contro il cielo.
Dorme la valle.
Nel silenzio
canta sommessa la voce
del torrente.
Il lago Azzurro
come zaffiro lucente
specchia l’ardita cima
del Groppéra.
La luna cavalca le vette
in groppa a celesti
invisibili destrieri
e tu, cuore inquieto
immerso nell’incanto
di questa incomparabile
natura
godi soavi zefiri
di serenità.


Sonia Guanziroli

Opera 2° classificata

Montagna, madre mia


All’alba
pigramente muovo
i miei passi
su quel bianco infinito
Il gelo sferza
il mio viso teso,
mentre il cuore
batte a ritmo serrato.
Ascolto il mio respiro
unico suono in quel silenzio ovattato.
I pensieri si sovrappongono
ad immagini
ed io corro lontana da essi.
La vita che non voglio
mi ha preso l’anima
e il tempo mio prezioso.
Il bimbo che cresceva in me – ossigeno per i miei sogni – è fuggito nel blu di questo cielo,
forse impaurito dal mondo
che gli ho raccontato.
Gli ultimi metri
e poi la vetta
come un urlo liberatorio.
Dall’affilata cornice
del Monte Suretta,
assaporo l’ultima conquista.
O Valle Spluga amica,
tu che piangi i tuoi figli caduti
stringendoli fra le tue braccia amorose,
ascolta il mio dolore:
solo una madre può comprendere
la pena del mio cuore,
solo tu montagna, madre mia,
puoi placare la mia inquietudine
e darmi la voglia di crederci ancora.


Floriano Mangiantini

Opera 3° classificata

Valle Spluga fra sogno e realtà


È il silenzio che parla fra i germogli
mentre avanza l’odor di primavera
in Valle Spluga arresa ai bei colori.
Vola la capinera
in cerca delle strame per il nido
canta festoso il nobile usignolo,
scarno di roccia in roccia agile salta
ardito il capriolo.
Rotea il falco in attesa della preda
da ghermire coi vigorosi artigli
nell’azzurro del cielo alto e rapace
ma il bosco fra i bisbigli
d’erba e rami nel refolo serale
sembra offrir protezione a ogni piccino.
Intorno a te vertigini di cime,
briosa Campodolcino,
un girotondo ornato a cirri e nubi
che cingono le vette sotto il cielo
fra specchi di laghetti inargentati
dalle acque fredde a gelo.
Trasportati dal vento i sentimenti
che nel silenzio scoppiano improvvisi
si posano sulle ali di farfalle
sublimi paradisi
quasi senza respiro, per sentire
gli aneliti dell’anima estasiata:
fruscii di foglie, pigolii di uccelli…
È sera, profumata
diventa l’aria di fragranti essenze;
un tintinnio di mandrie lontane…
si chiude il dì che lentamente muore
nell’eco di campane.


Dorina Tiso

Opera 4° classificata

Camminando in montagna


Signoreggia la mia anima
senza nome e senza volto
nell’aria profumata

fra muschi, ciclamini
profumi di funghi
improvvise folate di sole
e sprazzi abbaglianti di luce

Ovunque c‘è silenzio
e pace
Nel lento incedere
s’ode il lamento di rami secchi
che richiamano piccole ferite mai sopite

Qualche sasso rotola via
e libera i pensieri
fuori dai sentieri segnati

in salti irregolari

mentre riecheggia il dolore

in un risveglio improvviso
di percorsi tortuosi

Altri sassi impulsivi
s’acquietano infine
nel cuore della valle

mentre mi ristoro
di rocce protese verso il cielo
sgretolanti d’amore


Giuseppe Voarino

Opera 5° classificata

Comignoli spenti


Sono spenti i forni a legna
che emanavano profumo di pane fragrante
nei villaggi alpestri e silenziosi
animati a sera
dal rientro del montanaro
dalle balze pietrose.
Sono chiuse e abbandonate
vecchie case povere case
destinate a tornare pietra
in mezzo alla pietra
abbracciate da una coperta di rovi.

Nella fitta scacchiera
di tetti di ardesia
dei borghi montani
ormai sgretolati,
si aprono vuoti
che non saranno mai più riempiti.

Non suonano più le campane
che parlavano di storie antiche,
di sudore e di solitudine,
ma anche d’amore e di pace.
Restano soltanto i colori del silenzio,
l’armonia dei venti tra le cime,
la memoria che diventa racconto.

La meravigliosa montagna
è rimasta sola col vento
che trasporta nei suoi rododendri
il profumo resinoso dei pini
e odore di mistero:

Lassù
resteranno sempre bellezze senza tempo
nell’orizzonte silenzioso
del tramonto del sole oltre le cime.


Maria Teresa Zanafredi

Opera 6° classificata

La mia piccolezza nella grandezza


Si perde lo sguardo
in quel magico gigante
dove il vento gioca
tra le aspre vette rocciose.

L’immenso silenzio
custode di secolari segreti
È più eloquente delle parole
quando si fa musica di luci e colori.

Tra i ripidi sentieri
di boschi severi
la dimensione di vita
si fa quasi preghiera
e l’eco rimbalza fra cascate assordanti.

Sola… col mio bagaglio di sogni
seguendo un raggio di sole
m’avvio a salire lentamente
a squarciare quel profondo silenzio.

Lassù,... ho sentito la mia nullità
ho osservato, respirato quella pace che sa d’eterno
mi sono cullata di emozioni mai provate.


Rina Eugenia Bonanomi

Opera 7° classificata

Spluga: valle incantata


Valle silenziosa
che ne racchiudi
dei monti la lor
bellezza
e come una regina
ne fai corona
incastonate di diamanti!
È della tua gente,
il merito d’averti rispettata,
se oggi, ai nostri occhi
ti mostri nei valori
del passato!
Monti!...
Che come Templi Sacri
v’innalzate al cielo,
nel vostro ventre io m’addentro
che ho perso, e giunger sino
alla vetta per sentirmi
più vicino a te, mio Dio.
per ritrovar me stesso!


Marisa Landini Sardella

Opera 8° classificata

Val Poschiavino


In mezzo ai massi
quando il passo
diventa pesante
e guardi verso il cielo
cercando la fine,
quando ti sembra
di essere alle soglie dell’inferno,
allora improvvisa
si apre una piccola valle.
Quattro baite in pietra,
le mucche al pascolo,
il profumo d’erba,
di latte appena munto,
l’odore
intenso delle forme
di formaggio che si asciuga;
allora respiri,
l’affanno ti passa
una serenità immensa ti invade
e vorresti diventare quell’erba
quel cielo,
trasformarti in montagna
per non tornare indietro,
per non tornare alla realtà.
Tutta la vita ti scorre davanti,
l’eterno è ad un passo,
ma tu prendi pietra su pietra
e costruisci
perché un poco del tuo umano
non si perda.
E quella pietra è
il tuo cuore,
e in quella pietra c‘è
la tua anima,
là in quella pietra
io ti ritrovo.


Pieralda Albonico

Opera 9° classificata

In Via
(Vernissage al Passo dello Spluga, luglio 2003)


Hanno spruzzato d’oro i sassi
dipinti gli utili escrementi delle mucche
e nella galleria appena sotto il Passo
soffiato voli d’angeli
evocato i santi protettori di queste valli
in tempo di peste terrea, in tempo di pace chiara

hanno disegnato sul verde una croce
che abbraccia le direzioni dell’aria
perché ogni passo unisce mondi
se lo augura il rappresentante del Cantone
la cinepresa gira col suo grande occhio di vento
hanno voci le nuvole nell’azzurro
i bambini hanno sete
e guardano i bicchieri sulla tovaglia del prato

il mazzo augurale è una girandola rossa

hanno spruzzato d’oro i sassi
per simulare la pirite nascosta
e adagiato le stelle sulla parete più esposta

perché questo è possibile agli artisti
in via e ai bambini,
tra terra e cielo svelano sogni;


Quando i monti

Quando i monti respirano appena
e sulla parete notturna del cielo
appare la luna

ma il dolore più cupo
strazia l’altalena della notte

permani in te stesso
rinnova la speranza
come fosse la tua casa

sui cardini del buio arresta le precipiti stelle.


Andrea Comalini

Opera 10° classificata

Respira


Respira.
Ascolta l’acqua che sgorga,
respira
l’umidità che sa di foglia
e legna
e guarda
dove l’orizzonte è limite
all’orizzonte stesso
e la cima
bianca
che nasce
respira
il muschio e la neve
che crepita
e soffia e sferza
congela
ascolta i passi
la traccia
la foglia e l’ala
che nera sbatte e
vola
lontana,
leggera,
respira…


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2013" XIII Edizione – Dedicato a San Luigi Guanella nato a Fraciscio di Campodolcino il 19/12/1842 e canonizzato a Roma da Papa Benedetto XVI il 23/10/2011
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2012" XII Edizione – Dedicato a don Primo Lucchinetti parroco di Mese dal 1887 al 1932
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2010-2011" XI Edizione - Tema dell'Anno 2010: «Dal piano alla montagna: tracce di vita»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2009" X Edizione - Tema dell'Anno 2009: «La Montagna: tema libero»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2008" IX Edizione - Tema dell'Anno 2008: «La Montagna: dove il silenzio è musica»
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2007 VIII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006 VII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005 VI Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004 V edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003 IV Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002 III Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2001 II Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153