Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003
IV Edizione

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2003
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – La spedizione dell’antologia è finita il 21-11-2003

Premiazione – Si è tenuta a Madesimo sabato 9 agosto 2003 alle ore 21 presso la Palazzina Servizi (piano superiore APT) Via alle Scuole. Alla serata sono intervenuti oltre ad Autorità e Giornalisti, il Gruppo Teatrale Poesia di Rovereto che ha interpretato una scenetta sulla Poesia e il Coro Nivalis che ha interpretato brani a tema. I premiati sono stati tempestivamente avvisati. A chi non è potuto essere presente i premi verranno spediti previo rimborso delle spese postali.
INFORMAZIONI – Pro Loco Campodolcino – piazza Ministrali, 6 – Campodolcino (SO) – tel. 0343.50.137 – fax 0343.58.542 – Email: info@prolococampodolcino.com
APT Madesimo – Via alle Scuole – tel. 0343.53.015 – fax 0343.53.782. – Email: aptmadesimo@provincia.so.it.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della IV edizione del Premio di Poesia Internazionale La montagna Valle Spluga: Il silenzio della montagna e la voce degli animali, indetto e organizzato dalla Pro Loco di Campodolcino con il Patrocinio del Comune di Madesimo, della Regione Lombardia, della Provincia di Sondrio, della Comunità Montana Valchiavenna, del Consorzio Promozione Turistica della Valchiavenna, dell’Accademia Bertacchiana, del Credito Valtellinese, di Hyundai-Mitsubishi Italia, e con la collaborazione de Il Club degli autori, è composta da: Prof. Franco Melotti (presidente), Dott.ssa Irene Pivetti, Dott. Marco Sartori, Prof. Guglielmo Scaramellini, Prof. Guido Scaramellini, Prof.ssa Maria Teresa Piccoli, Prof. Giulio Dotto, Dott. Silvano Santambrogio, Avv. Bruno Gozzelino dopo aver esaminato i testi pervenuti ha così decretato:

1° classificata Federica Francoli di Mira (Ve) con A sera il silenzio si fa alto. Vince Euro 600,00 offerti dal Credito Valtellinese – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine formato 12×17 con la casa editrice Montedit, del quale verranno assegnate 50 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
2° classificato Stefano Marcolongo di Abano Terme (PD) con La montagna parla. Vince Euro 400,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
3° classificata Concetta Massaro di Messina con Primavera. Vince Euro 250,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it
4° classificato Marco Galvagni di Milano con Infinite ghirlande di stelle
5° classificato Massimo Galli di Siena con Corrispondenza dalla Valle Spluga
6° classificato Paolo Guido di S. M. Mole – Marino (RM) con Un lento salire
7° classificata Luciana Bianchi Cavalleri di Como con Prima del temporale
8° classificata Francesca Bazzuoli di Acquapendente (VT) con Il silenzio della montagna e la voce degli animali
9° classificata Dorina Tiso di Valdagno (VI) con Nella montagna
10° classificata Silvana Ferrario di Merate (LC) con Estati a Campodolcino


Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet per un anno.


PREMIAZIONE – Si è tenuta a Madesimo sabato 9 agosto 2003 alle ore 21 presso la Palazzina Servizi (piano superiore APT) Via alle Scuole. Alla serata sono intervenuti oltre ad Autorità e Giornalisti, il Gruppo Teatrale Poesia di Rovereto che ha interpretato una scenetta sulla Poesia e il Coro Nivalis che ha interpretato brani a tema. I premiati sono stati tempestivamente avvisati. A chi non è potuto essere presente i premi verranno spediti previo rimborso delle spese postali.
INFORMAZIONI – Pro Loco Campodolcino – piazza Ministrali, 6 – Campodolcino (SO) – tel. 0343.50.137 – fax 0343.58.542 – Email: info@prolococampodolcino.com
APT Madesimo – Via alle Scuole – tel. 0343.53.015 – fax 0343.53.782. – Email: aptmadesimo@provincia.so.it.


Opere vincitrici

Federica Francoli

Opera 1° classificata

A sera il silenzio si fa alto


A sera il silenzio si fa alto, padre mio,
mbre brune scendono dai monti
rada s’accende la trama pietosa dei lumi
nel solitario camposanto
dietro il tremulo sipario delle siepi
là dove dormi in una nicchia d’erbe
dissanguate dal gelo,
nel correre roco del Liro
che freddi fiati esala
da muschi e da pietre rugginose,
serpentine disegna di verdissime acque
dentro il duro sigillo dei ghiacci.

A sera il silenzio si fa alto, padre mio,
ma presto verrà a consolarti
la verde resurrezione della primavera
e l’ape col suo dolce fardello di polline
ronzerà sul rosso rododendro
la marmotta, sentinella alle sue grotte,
modulerà il suo fischio di ragazzo solitario,
l’anemone, figlio leggero del vento,
intreccerà fragili ghirlande alla tua pace.


Stefano Marcolongo

Opera 2° classificata

La montagna parla


Spluga d’aurore maestose
Di vette antiche ai giovani cuori
evera risuoni il coraggio e l’ardore.
Tuoi, l’immenso silenzio di pace, l’eco struggente
Del vento, l’ugulato sapiente tra le aspre creste rocciose.
Dischiudici, Spluga, il senso profondo delle altezze,
delle notti deste, degli alpeggi in fiore, l’azzurro volo del rapace astore!
E sono i sacri cammini, fatica dell’uomo, che c’inviti
a percorrere nuovi al vigile sguardo nel tempo lontano del gufo.
E siano i tassi, il pino mugo, il rododendro,
il verde ontano e della marmotta sui sassi
delle morene l’acuto richiamo agli albori,
La nostra cerimonia dei successori
Avanguardie d’umanità, speranze d’esistenze supreme.


Concetta Massaro

Opera 3° classificata

Primavera

È primavera nella valle Spluga
e l’inverno mette in fuga
si spoglia il monte del vestito suo bianco,
freddo e magico gigante che silenzioso giaci
nelle limpide acque rinasci,
riprendi il tuo posto nel cuore del bosco,
la fresca rugiada del nuovo mattino
da il buon giorno al meraviglioso giardino,
fra le grigie e rifiorite vette, i raggi del sole,
che inebriano i nuovi germogli,
ornamenti per bellezza e rarità,
fiori in grandi quantità.
Fra rifugi e bivacchi, il silenzio dell’alpi,
fra cascate assordanti e meandri rocciosi,
rimbalza l’eco di una montagna gioiosa,
nidificano gli uccelli
e cantano festosi i fringuelli.
La natura fanno parlare
Picchi, Sordoni e l’Aquila reale.
Il sole ormai stanco
Cede il passo alla sera
Ma resta l’odore della primavera.


Marco Galvagni

Opera 4° classificata

Infinite ghirlande di stelle


Infinite ghirlande di stelle,
intrecciandosi
col sorriso screziato della Luna,
avevano accompagnato
tutti i miei pensieri.
A risvegliarmi,
questo dolce mattino,
è stato quel refolo di brezza
che, leggero,
ha accarezzato la Valle Spluga
accompagnato dai rintocchi
della campana della vecchia Chiesa.
Prima il gelo mi aveva lambito
le membra stanche,
mentre le mie fantasie oniriche
mi facevan tornare bambino,
quando cercavo
col nonno le orme degli amici cerbiatti,
sentivo i tonfi della neve
e poi osservavo lo zampillìo
delle prime gocce d’acqua nei crepacci
al principio della bella stagione.
Ma ora è proprio fiorita
alta ed argentea l’alba
dove il Sole,
in ghirigori cremisi
scolpiti nelle rocce della vallata,
accarezza il cuore mio colmo di speranza
e mi concede,
in una scheggia di tempo e di luce,
l’attesa d’una nuova stagione
in cui io mi possa riposare
sentendo vibrare, sulle colline in fiore,
l’accento degli usignoli.


Massimo Galli

Opera 5° classificata

Corrispondenza dalla Valle Spluga


Ricordi? Eravamo in Valle Spluga.
Il bianco manto dove il passo incerto
vacillava, l’ombra delle parole
che dalle labbra, in lembi di vapore
saliva a decorare il cielo,

lo sfumato pallore delle stelle
abbagliate dal tappeto di neve,
la cipria che dai rami sfarfallava
attraversando in fluttuante danza
il penetrante luccichio dei fari.

Era dicembre, amore, e Madesimo,
adagiata nel suo guscio d’ovatta,
come perla ci apparve.

Ora che la primavera è all’opera,
il passo fermo, su cuscini d’erba
si posa, e dalle labbra le parole – diafani, azzurri petali – emanano
il profumo di questa valle.

Luccicano le stelle in trasparenza
rispecchiate nella quiete del lago
e dalle fronde sgombre e rinverdite,
come suono dell’anima s’effonde
lieve, la melodia del vento.

Siamo a maggio, mia cara, e Madesimo,
accoccolata nel suo verde grembo,
come un’oasi appare..

Immerso nell’armonia dei boschi
ascolto il silenzio, (questo silenzio
intriso di emozioni) il gorgheggio
soave degli uccelli, il canto d’acqua
che scivola nel greto d’ombre.

Questo silenzio, amore, è voce d’archi,
è musica d’eterno, è seduzione
che dal muschio sale, questo silenzio,
amore, è nostalgia di te, di noi…
un tacito invito ad essere.


Paolo Guido

Opera 6° classificata

Un lento salire


Un lento salire
tra taciti boschi e sentieri loquaci
da morbidi colli a rocce veloci.
Come alba sul mare
improvvisa e attesa
poi sorge la vetta,
verso azzurre frontiere protesa.

Magiche frecce tutt’intorno scagliate
profumo di spazi lontani,
immagini vaghe di tracce passate,
oblio del domani.
Sono lampi fugaci,
memorie? Illusioni?
Inebria pensarli mattoni
di un mondo migliore
dove l’aria di marmo del pigro vedere
non si neghi l’accesso alle strade del cuore.

Amici,
scendendo per Pian dei Cavalli
gli imbiancati panni
teniamo ben stretti,
lontana dai soliti inganni
s’adagi la mente su placide valli.


Luciana Bianchi Cavalleri

Opera 7° classificata

Prima del temporale


Nella radura, cori di grilli cantano il giorno che si spegne.
Fringuelli, cince, rampichini, intrecciano garruli arpeggi in melodici suoni.

Solitaria, un’aquila reale sibila a tratti, discosta,
inseguendo, alta, vertiginose cime.

Rannuvola. Nubi a frotte, repentine e inattese.
Lo scampanìo di mandrie lontane, scandisce lento il tramonto.

La natura ora tace, pare protendersi in silente attesa.
Il fischio acuto d’una marmotta, è solitaria sentinella in allarme.

Nel sottobosco, i corti steli fremono
e s’incrinano, vibrando scomposti.

Dondolandosi, le chiome dei larici
stormiscono, sbattono: fremono, grevi d’attesa.

S‘è fatto silente, il bosco: non s’ode più canto,
soltanto il fischiare, remoto, del vento.

Affretto il passo: in baita, ci attende un focolare caldo.
Già s’insinua, ritmato e sonoro, il primo lento gocciare.


Francesca Bazzuoli

Opera 8° classificata

Il silenzio della montagna e la voce degli animali.


Quassù è il silenzio a parlare,
così forte da squarciare il cielo
ed entrarti nell’anima,
in un impeto devastante
di suoni e rumori,
nell’incessante gioco di luci e colori,
illusioni ad incastro di un trasformista di impareggiabile bravura.
Tutto un sussurro
un cinguettìo,
uno scorrere d’acqua,
ribollire di cascate ed emozioni,
romantica come un dipinto di Monet,
intensa come una sinfonia di Schubert,
leggera come una danza senza fine di ballerini senza volto.
Si può avvertire il lento procedere dei loro passi,
per librarsi infine in uno struggente minuetto tra gli alberi,
zigzagando tra spiragli di luce,
senza alcun confine,
alcuna barriera,
ebbri di libertà e follia.
A squarciare il silenzio
la maestosa severità della montagna,
discreta sovrana di cotanta bellezza,
vigile e gelosa dei suoi pargoli.
Qui tutto si fonde e si ritrova: magia, libertà, memoria, eternità,
paradiso senza confini di catartica semplicità,
impotenti nell’assistere ad un’incantevole commedia dell’arte
ove l’anima inizia a raccontare e l’uomo si siede ad ascoltare.


Dorina Tiso

Opera 8° classificata

Nella montagna


Silenziosa ed imprevedibile
avvolta da fitta nebbia

grande cuore
palpitante di vita

ti ascolto e ti osservo

così immersa
nel grigio, nel nero, nel verde
del tuo respiro

In un unico abbraccio
ti stringi silenziosa

nascondendo gelosa
la vivacità del cuore

Ed ecco d’improvviso

dal tuo silenzio

un fruscio
un ululato
un cinguettio
un guaito sottile

e lo scrosciar dell’acqua

e lo stormire delle fronde

ed il vento leggero
che culla
chiome trafitte
da raggi di luce

e l’eco lontano

cuore vibrante
fra sentieri abbandonati

che portano
a nidi d’amore
d’animali

sperduti

in ferite nascoste
pulsanti di vita

abbraccio premuroso

di soffici muschi
d’amore


Silvana Ferrario

Opera 10° classificata

Estati a Campodolcino


Ho ripercorso i sentieri della mia infanzia,
tra i ricordi arruginiti dal tempo.
Ho rivisto le case di sasso,
grigie come le rocce sovrane.

La memoria si è accesa di colori e fragranze,
tra ampi tappeti verdeggianti
dove il tarassaco ancora primeggia fiero,
calpestato dai ruminanti pascoli insaziabili.

Ho risentito i rumori amici,
dimenticati dall’odierno frastuono.
Cinguettii di ciuffolotti abbarbicati tra le fronde,
e richiami di marmotte mai raggiunte.

Ho rivisto i gracchi alpini dal giallo becco
mendicare tra i ciuffi d’erba,
e atteso il branco di cerbiatti
apparire sulle alture silenziose.

La tua mano ha stretto la mia,
sostenendo il mio incauto correre nella libertà,
e il tuo indice sinistro ha indicato
il pinnacolo nidificato dall’aquila reale.

Il tempo si è fermato sulle immagini
e mi sono cullata di emozioni
mai dimenticate.

Il tuo è riapparso sullo sfondo
di montagne incantate, custodi di secolari segreti.
Mi sono specchiata nei tuoi occhi di ghiaccio,
impenetrabili come le cime
che sovrastavano la mia
infanzia.
Ma la figura riflessa ha allontanato ogni ricordo.


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2013" XIII Edizione – Dedicato a San Luigi Guanella nato a Fraciscio di Campodolcino il 19/12/1842 e canonizzato a Roma da Papa Benedetto XVI il 23/10/2011
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2012" XII Edizione – Dedicato a don Primo Lucchinetti parroco di Mese dal 1887 al 1932
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2010-2011" XI Edizione - Tema dell'Anno 2010: «Dal piano alla montagna: tracce di vita»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2009" X Edizione - Tema dell'Anno 2009: «La Montagna: tema libero»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2008" IX Edizione - Tema dell'Anno 2008: «La Montagna: dove il silenzio è musica»
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2007 VIII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006 VII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005 VI Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004 V edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003 IV Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002 III Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2001 II Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153