Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002
III Edizione

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – La spedizione dell’antologia è stata fatta dal 25-08-2003 al 27-08-2003.

Premiazione – Si è tenuta sabato 28 dicembre 2002 alle ore 21 A MADESIMO (SO) presso la palazzina Servizi (piano superiore APT Valtellina) Via Alle Scuole, alla presenza del Sindaco di Madesimo, dell’Assessore alla Cultura della Provincia di Sondrio, dell’Assessore alla Cultura e Turismo della Comunità Montana Valchiavenna, del Presidente dell’Associazione Studi Storici Valchiavennaschi, del Presidente del consorzio Turistico Valchiavenna, del Presidente Regionale del CAI, del Presidente Regionale delle Pro Loco della Lombardia, di giornalisti delle testate locali e di due giornalisti del Corriere della Sera e del Giorno, dei villeggianti e dei residenti. Dopo la lettura delle Poesie e la consegna dei Premi, il Gruppo Teatrale Poesia di Rovereto (TN), ha interpretato una scenetta futurista ed è intervenuto il Coro Nivalis con l’esecuzione di brani a tema.
Info Pro Loco Campodolcino – piazza Ministrali, 4 – 23021 – Campodolcino (SO) – Telefono: 0343 50137 – Fax 0343 58542 Email info@prolococampodolcino.com
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Questi i risultati della terza edizione del concorso La Montagna Valle Spluga – Giochi di luce e colori, indetto dalla Pro Loco di Campodolcino con il Patrocinio del Comune di Madesimo, della Regione Lombardia, della Provincia di Sondrio, della Comunità Montana Valchiavenna, del Consorzio Promozione Turistica della Valchiavenna, dell’Accademia Bertacchiana, del Club Alpino Italiano, della Banca Popolare di Sondrio, del Comitato Regionale Pro Loco Lombardia, di Hyundai e Mitsubishi Italia, e con la collaborazione tecnica e letteraria de Il Club degli autori.

La Giuria era così composta: prof. Franco Melotti (presidente), dott. Marco Sartori, Prof. Guglielmo Scaramellini, Prof. Guido Scaramellini, prof.ssa Maria Teresa Piccoli, dott. Giulio Dotto, dott. Silvano Santambrogio ed ha così votato:

SEZIONE POESIA

1° classificato Massimo Galli di Castellina in Chianti (SI) con “Quiete montana”. Vince Euro 600,00 – «Trofeo C.A.I. 2002 Anno Internazionale della Montagna» – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine formato 12×17 con la casa editrice Montedit, del quale verranno assegnate 10 copie all’autore – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it

2° classificata Pieralda Comalini di Gravedona (CO) con “Tramonto in Valle Spluga”. Vince Euro 400,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it

3° classificata Ambrogina Sirtori di Carate Brianza (MI) con “Luci e colori in Valle Spluga”. Euro 250,00 – Attestato di merito – Pubblicazione dell’opera sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it

Premiati con Attestato di merito – Pubblicazione della lirica sulla rivista Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it i seguenti autori:

4° classificata Tina Pellizzoni Citterio di Brenna (CO) con “Sono stelle”.
5° classificata Katia Pozzetti di Campodolcino (SO) con “Stamani…”
6° classificata Federica Frigerio Boniolo di Solzago di Tavernerio (CO) con “Valle Spluga”
7° classificata Ines Gastaldi Carretto di Bardineto (SV) “Valle Spluga”
8° classificato Rosario Mangano di Brescia con “Il lago di Montespluga”
9° classificato Marco Buzzetti di Besozzo (VA) con “Arrampicando in Valle Spluga”
10° classificata Clelia Ambrosino di Procida (NA) con “Alpeggiando…”


La Cerimonia di Premiazione si è tenuta sabato 28 dicembre 2002 alle ore 21 A MADESIMO (SO) presso la palazzina Servizi (piano superiore APT Valtellina) Via Alle Scuole, alla presenza del Sindaco di Madesimo, dell’Assessore alla Cultura della Provincia di Sondrio, dell’Assessore alla Cultura e Turismo della Comunità Montana Valchiavenna, del Presidente dell’Associazione Studi Storici Valchiavennaschi, del Presidente del consorzio Turistico Valchiavenna, del Presidente Regionale del CAI, del Presidente Regionale delle Pro Loco della Lombardia, di giornalisti delle testate locali e di due giornalisti del Corriere della Sera e del Giorno, dei villeggianti e dei residenti. Dopo la lettura delle Poesie e la consegna dei Premi, il Gruppo Teatrale Poesia di Rovereto (TN), ha interpretato una scenetta futurista ed è intervenuto il Coro Nivalis con l’esecuzione di brani a tema.
Pro Loco Campodolcino – piazza Ministrali, 4 – 23021 – Campodolcino (SO) – Telefono: 0343 50137 – Fax 0343 58542 Email info@prolococampodolcino.com


Opere vincitrici

Massimo Galli

Opera 1° classificata

Quiete montana


Silenzio.
Ai piedi del monte non sento rumori di vita mondana
ma lievi sussurri di vento, lusinghe di brezza montana
Guarda.
Farfalle col velo di sposa si posano lievi sui rami
il timido sole riposa, non brucia il candore. Rimani.
Osserva in silenzio il prodigio, la cipria che copre i rossori
il manto che invalida il grigio e rende vivaci i colori
Ascolta.
Lo scroscio dell’acqua che cade le note che frangono a valle
quel manto che veste la roccia formando di vetro uno scialle.
Il vento che scuote le gole, il passo che infrange le foglie
l’intreccio sonoro dei trilli che all’ombra dei nidi si scioglie.
Ammira
Il bianco pallore del cielo, il volo plasmato del nibbio
quell’unica goccia di nero sul mare pacato di giglio.
Il lento tracollo del sole, il rosso che accende le cime
le pallide luci lontane, la luna che acquieta le spine.
Silenzio.
Non dire parole consuete di vecchio artefatto sapore
il bello non vuole rumore. L’incanto di questa montagna
baciata da bianchi cristalli apprezza una sola compagna
la quiete di vergini valli.


Pieralda Comalini

Opera 2° classificata

Tramonto in Valle Spluga


Sopra il Pian dei Cavalli
galoppano nuvole,
si apre il cielo ostensorio
tra raggi di sole a migliaia.

Sul lago sospinge il vento
centurie in corsa serrata
di bianche capriole.
Su, dunque, rispondi
alle onde,
rispondi.


Ambrogina Sirtori

Opera 3° classificata

Luci e colori in Valle Spluga


Sui monti incantati
di Valle Spluga
l’alba s’affaccia improvvisa
e veste le cime di luce gioiosa.
L’aurora incorona di nuvole rosa
picchi audaci che sfiorano il cielo
e annuncia il sorgere del sole:
magico momento di luce e colori.
Il mattino siede su tappeti
di luminosa polvere solare,
il tramonto colora di rubino
la ghiaia di mille sentieri.

Nei giorni di neve si spalanca
un sipario di meraviglie:
nell’infinito biancore che abbaglia
i fiocchi con pepite di diamante
posate su aghi di pino,
diademi di brillanti
sulla fronte di pallide vette.
E nell’immensa sinfonia
di luci e colori scintillanti
l’Io estasiato
dimentica un istante
l’incertezza della vita.


Tina Pellizzoni Citterio

Opera 4° classificata

Sono stelle


Avvolti in un manto
di colori superbi
s’intrufolano a valle
belati nel bosco.
S’inerpicano fin sulla cima
i ricami
di un largo filare.
Che arrossisce appena
dentro grappoli
di more e lamponi.
C‘è un profumo di muschio
nell’aria che gorgoglia
fin dentro il torrente.
Sopra l’arco del ponte romano
corre solo
il mugolare del vento
mentre s’apre al pianoro
San Sisto.
Ora sale a fatica il sentiero
e il silenzio si colora nell’eco:
s’ode chiaro un nitrire
al Pian dei Cavalli.
Sarà forse un sapore di neve
la magia di un bianco d’agosto?
Sono stelle distese sul prato
come bruma di velluto nel verde.


Katia Pozzetti

Opera 5° classificata


Stamani
nel cielo c‘è un incanto,
uno squarcio netto tra rosa e azzurro
sopra i profili delle case.
Quella luminosa linea sottile all’orizzonte
dà il senso dell’universo.
Cosa c‘è oltre?
Forse solo spazi azzurri
poi blu infine neri che si perdono
nell’immensità
senza limiti né tempo.
Pensare di entrare in quel chiarore
è come perdersi in esso
inseguire un filo di luce
osservare i suoi giochi
respirare l’infinito.


Federica Frigerio Boniolo

Opera 6° classificata

Valle Spluga


Da antiche albe conosci le mie orme
hai visto stringhe sempre più lunghe
inciampare con me.
Le tue montagne hanno nell’eco la mia voce
in questo cielo è nata la parola azzurro
Anche nei grigi temporali c‘è tristezza magica
su pentagrammi di vento si appoggiano le dita del freddo.
Sulle tue rive pini ed abeti si parlano in gesti lenti
hanno scialli di neve o profumo di resine sulle braccia
I fiori di campo sorridono tra mirtilli vergognosi
e rododendri sfacciati
Il sole, re della valle, si mostra e si cela con capricci da bimbo
Io cammino con uno zaino di ricordi sfaccettati,
nati qui nella valle Spluga
al profumo di erbe aromatiche


Ines Gastaldi Carretto

Opera 7° classificata

Valle Spluga


S’alza la nebbia
su per i colli,
spunta dal nulla
lungo le valli.
Ciuffi bianchi e ciuffi gialli,
macchie di verde tenero
tra i boschi ancora brulli.
Rotolano sassi grigi
lungo aridi costoni,
improvvisi rivoli
e allegre cascatelle
tra le rocce levigate
dal vento.
Bianche chiesette,
vecchi manieri maestosi,
grigi e misteriosi
s’affacciano
sui cucuzzoli dei monti.
Candidi cespugli
di biancospino
occhieggiano sereni
lungo le strade.


Rosario Mangano

Opera 8° classificata

Il lago di Montespluga


Seduto su una panchina,
ammiro il volo radente e preciso
di rari gabbiani,
giunti sin lì da chissà quale remoto luogo.
Lame di vita,
che fendono il cielo
per abbassarsi poi di colpo
sfiorando la superficie dell’acqua,
sfiorando la superficie dei miei pensieri.

Alzo il viso al cielo
vedendoli danzare
in giostre complicate,
motivi astratti,
disegni che non conosco,
non comprendo.

I miei occhi spaziano
nel cielo infinito
che bacia e si tuffa,
in lontananza,
nel profondo blu del lago,
amanti da sempre
amanti per sempre.

Osservo con sguardo ammiccante,
il gioco delle onde
che sollecitano il cielo,
invitandolo ad accarezzare
la sua superficie increspata e capricciosa,
con la civettuola voce delle sue onde.

Mi alzo e volto le mie spalle ai due attori,
sorridendo tra me
di questo idillio,
di questa intesa tra amanti,
che mi fa battere il cuore,
che mi fa scuotere il capo…
... come non succedeva più da tempo…


Marco Buzzetti

Opera 9° classificata

Arrampicando in Valle Spluga


Quando sulle cime
una spirale di nebbia
mi s’avvolge intorno,
guardo negli occhi
il mutare del tempo
in vapori di spazio

Lontano senza orizzonti,
vento gelido
scorre nelle stimmate
della roccia a lenti mulinelli,
mentre s’afferra
e piano frana
una pace astrale

Dietro ondeggia il vuoto,
... abbandonato
su ripide muraglie
con la frenesia nel cuore
in bilico sull’aria limpida
riconosco il profumo
della rugiada sfusa

Poi quel timore
che si culla d’ansia
m’assale planando
come il tuffo di un grido
sperso nell’etere…
ma qui mi sento
ancorato nel sereno
e senza voltarmi
avrei tra i denti
il sorriso d’aliante
e sarei la morte
che non muore
sopra il cielo
che brulica d’azzurro


Clelia Ambrosino

Opera 10° classificata

Alpeggiando


Rintocchi di campana inondano le valli
e ogni anfratto calcareo
di vecchie atmosfere e palpiti attuali…
Si mescolano in un girotondo
gradevoli tonalità di verde
che allietano l’occhio attento
di chi amante di silenziosi pensieri
rincorre la montagna nei suoi ricambi di spirito…

Bianco freddo di neve immacolata
spinge gli animi a comunione di corpi…
Ombre dorate di faggi secolari
assorbono i tiepidi raggi di sole
permettendo all’umido muschio
di ricoprire incalpestati percorsi…

Profumi magici di antichi sapori
invadono i crotti di storie passate…
Tra le vette degli alti ghiacciai
il sole risplende e accoglie il fiero Barbarossa
in su la sella attraversando il Liro…
Chiome fluttuanti al fresco vento d’ottobre
schizzi di un ennesimo incantesimo
dall’oro al marrone bruciato
sulla tavolozza dell’invisibile artista
perfino il nero gracchiare dei corvi…

La vita pullula nei boschi
e si innamorano gli occhi del cuore
anche del lento volteggiare di un falco…
Il mio commosso sguardo
coglie un timido scoiattolo
che dall’alto mi scruta…


L'Albo d'Oro:
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2013" XIII Edizione – Dedicato a San Luigi Guanella nato a Fraciscio di Campodolcino il 19/12/1842 e canonizzato a Roma da Papa Benedetto XVI il 23/10/2011
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2012" XII Edizione – Dedicato a don Primo Lucchinetti parroco di Mese dal 1887 al 1932
Premio Letterario "La Montagna Valle Spluga 2010-2011" XI Edizione - Tema dell'Anno 2010: «Dal piano alla montagna: tracce di vita»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2009" X Edizione - Tema dell'Anno 2009: «La Montagna: tema libero»
Premio di Poesia e Narrativa "La Montagna Valle Spluga 2008" IX Edizione - Tema dell'Anno 2008: «La Montagna: dove il silenzio è musica»
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2007 VIII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2006 VII Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2005 VI Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2004 V edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2003 IV Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2002 III Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2001 II Edizione
Premio di Poesia e Narrativa La Montagna Valle Spluga 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153