Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Angela Starace AEDO - Napoli 2005
VI Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2005
Clicca qui per il bando completo del concorso
Risultati

La Giuria della sesta edizione del Premio Internazionale di Poesia e Narrativa dedicato alla memoria di Angela Starace indetto dall’Associazione Culturale Aedo di Napoli con la collaborazione de Il Club degli autori e presieduta da Antonio Spagnuolo per la Sezione Poesia e per la Sezione Narrativa dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha così decretato:


SEZIONE POESIA


1° class.: “Labirinto” di Anonimo Tuareg – Bergamo. Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “La particolare costruzione del verso lungo, ritmato con rigore, dona a questo componimento la necessaria apertura per le immagini e le figurazioni del dettato. La musicalità viene dialogata in pensieri e voci simili ad una apertura alla speranza. Una sfida alla sopravvivenza.”
Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine – Medaglia d’argento Premio di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica – Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


2° class.: “Se potessi” di Paolina Carli – Roma. Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Un accento che si flette in trasparenze ove la molteplicità narrativa incontra la umbratile tessitura della meditazione.”
Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine – Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


3° class.: “E ricomincia l’ora degli uomini” di Adriana Scarpa – Treviso TV. Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “La risonanza malinconica e favolosa della poesia rincorre intime tematiche nella suggestione della allegoria panica.”
Vince la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 32 pagine – Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


4° class.: “Testamento d’un artista” di Aura Piccioni – Morena (RM). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “La tensione ideologica muove ad un’apertura mirabile, che riavvicina la realtà alla elaborazione psicologica dell’artista.”
Vince Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


5° class.: “Leucade” di Maria Gabriella Meloni – Morena (RM). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Non priva di ingenuità limpida l’illusione muove al classico frammento esistenziale. La materia poetica impasta gli emblemi.”
Vince Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


6° class. ex aequo con la seguente motivazione di Antonio Spagnuolo: “Tutte composizioni che si cimentano ad una predilezione del dettato che costantemente sia inscritto nella rapida creatività, per una materia di impazienza, di furore”.


  • “Luna” di Susanna Galimberti – Desio Mi
  • “Sorsi amari” di Carla Tedde – Quattro Castella (RE)
  • “Frantumi di maggio” di Alessandro Puglia – San Giovanni La Punta (CT)
  • “L’onda” di Maurizio Pivatello – San Pietro di Legnago (VR)
  • “Una giornata delle meraviglie” di Odette Miceli – Palermo


Vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


SEZIONE NARRATIVA


1° class.: “Di sera sul tardi” di Michele Macellari Foligno (PG). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “La scrittura piana e scorrevole ci presenta una brevissima storia di amore, una serata convulsa ed accidentata, che il protagonista vive nella certezza di aver perso banalmente l’affetto della sua compagna. Ma così non è. Il silenzioso e pur loquace rovesciamento dei personaggi insiste in una costruzione precisamente studiata e sensibilmente proposta, attraverso una brillante rappresentazione linguistica”.
Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine – Medaglia d’argento Premio di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


2° class.: “Amore in parentesi” di Alma Chiment Legnano (Mi). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Il tema affiora con rilievo e sagacia, sorretto da un’ansia particolarmente incisiva ai margini della quale attentamente si sfoglia la polivalenza del racconto. Due giovani attori si scontrano sul palcoscenico in un bisticcio erotico fondato sulla voluta indifferenza. Ma l’amore che già li aveva uniti in precedenza alla fine riesce a superare la commedia stessa”.
Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine – Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


3° class.: “Gita a Cremona” di Stefano Corradi Castelleone (Cr). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Anche se l’autore insiste palesemente sulla triste testimonianza di un disabile, costretto a chiedere aiuto per ogni sua necessità di vita quotidiana, con una scrittura incisiva e martellante, il testo si offre al lettore con ottima fattura ed encomiabile partecipazione”.
Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine autocopertinato – Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Club.it


4° class.: “Noi due” di Emanuela Vacca Cusano Milanino (Mi). Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Accettare l’incomprensione in uno spaccato di sofferenza senza rimpianti per un’amicizia impossibile o decidere il silenzio nell’amore che sembra vacillare per la sua “diversità”, è l’impasto eccezionale e ben riuscito di questo racconto.
La ricerca non è definitiva e l’incisione recupera una proporzionata scrittura”.
Vince Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


5° class.: “La maschera” di Vincenzo Ercole Corbanese di Tarzo TV. Questa la motivazione di Antonio Spagnuolo: “Fantasiosa immaginazione: una maschera da applicare al volto a seconda delle circostanze che l’ambiente e la società ci impongono con le loro vicissitudini banali o violente, occulte o palesi.
Delicati o crudeli gli estremi delle personificazioni si legano all’effimero per definire con arguzie le metafore possibili”.
Vince Opera artistica del Maestro Ferrigno – Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


Opere vincitrici

Anonimo Tuareg – 1° classificato
Labirinto


Faccio fatica a fingere e tu pure, mi pare, per motivi opposti.
Non riesco a barare, i liberi rapporti non sono più tali,
le intenzioni mascherate, gli slanci frenati.
Conosci le mie figure, ti ho svelato il mio segreto,
gioco ormai a carte scoperte e con gli occhi bendati.

Ho iniziato a salire una scala minore, timoroso di quella reale,
per cercare di raggiungere la carta vincente, la Donna di Cuori,
ed ora mi trovo perso nel Labirinto dei sentimenti.
Ho sviluppato per l’occasione tutti i miei sensi,
il tuo profumo mi guida, il tuo respiro seguito come sospiro,
seguo il gradiente termico crescente negli angusti spazi
dei corridoi, da poco spettatori del calore della tua anima.
Come a mosca cieca mi sposto con le mani tese sempre avanti,
ti raggiungerò?
Mi sfugge e perdo il filo del discorso e del gioco
nelle stanze buie e sconosciute della ricerca e dell’attesa.
La tua impronta lasciata sui sensi amplificati
è diventata il mio sesto senso, distorto, fuori fase,
continuo a barcollare, Teseo mancante, non riesco a sbrogliare la matassa.

Sono mesi che cammino in questo sentiero di pareti monotono,
spinto dall’eco della tua voce,
a cercare ed essere cercato, attendere ed essere atteso.
Anche se conosco ogni pietra di questa rete che mi imprigiona,
mi sono perso ancora una volta e continuo a perdermi nel tempo.
A volte, corro credendo di averti intravista, e, arrivato vicino,
con le braccia tese avanti desideroso di un abbraccio più che di luce dell’unica porta,
... di nuovo, scompari e di nuovo, ti perdo.

Sono anni che mi muovo in queste vie oscure delle passioni e dei desideri,
già mille volte percorse,
il mio procedere nelle cieche stanze a passo ritmico, incerto, barcollante, a volte sicuro,
ingannato da specchi e scale bugiarde, oasi e fonti inesistenti,
rassomiglia ormai ad una danza con figure ed evoluzioni
che ricordano la tortuosità dei lunghi corridoi del labirinto.
Ancora una volta ti rivedo in fondo, mi avvicino e tendo le braccia
ho trovato la porta e sono fuori, abbraccio un’ombra, assetato.
Era la porta sbagliata,..si, sono fuori, ma in mezzo al deserto.


Paolina Carli – 2° classificato
Se potessi


raccontare senza rincorrere il pensiero sfuggente
l’incanto di una sera passata a mirare il tramonto
e le emozioni che esplodono dentro
quando lo avverto tornare

...descriverei quel qualcosa
che non ha nome e che dimora dentro di me
per mettere in luce il remoto ingabbiato
dalla velocità del pensiero

...griderei la rabbia di un cuore spaccato
costretto a piegarsi alla logica imposta
dal comune sentire che
ha inghiottito il tramonto e fatto traballare la luna


Adriana Scarpa – 3° classificato
E ricomincia l’ora degli uomini


Il salice stamane fluttua come un vessillo
tra manciate di moscerini. C‘è un’aria
che apre dentro i groppi dei pensieri;
e le membra si sforzano di sciogliersi,
di aprirsi chiare a ventaglio
come un guizzo di pesce d’argento.
Il canale ha fiato tiepido
sulla leggerezza dei gerani
srotolati nel sole, e il giorno cresce,
sommerge gli intonaci,
s’abbatte sui cancelli arrugginiti.
Questa mattina è diadema e stagione,
un sapore d’ossigeno alla mente,
e c‘è una parte d’attesa e meraviglia
nel cielo, che si muove e palpita.
Lo sbuffo d’una nuvola
rimane gonfiato a mezz’aria
negli attimi di pausa, gemme si allungano
dentro un chimono trasparente.
E ricomincia l’ora degli uomini
il seme che porta e trattiene
le sfide e i canti,
il ricordo e la speranza.


Aura Piccioni – 4° classificato
Testamento d’un artista


Nel giorno di dissoluzione
di me – uomo – desidero
che mie mani indimenticate
rimangano per loro tentativo
di creare la bellezza
che sentivo dentro.
Del mio corpo
non sarà altro che polvere,
ma i miei gesti, i miei pensieri,
il mio cuore, eccoli,
serrati dalla volta del cielo.
E l’eterno e il sublime
scolpiranno le mie parole
in animi senza nuvole,
e i miei pennelli, le mie matite,
e i miei fogli, i miei marmi,
i miei occhi li terranno
i sogni delicati di qualche ninfa
o silfide nelle acque blu dell’oceano…
Di me, nient’altro che polvere.
Le mie opere, in eterno.
Il mio nome, nei millenni.
E Urano possederà il mio animo,
e la mente durerà
oltre il grigiore dei giorni,
per tornare al momento
in cui l’auriga
dominerà le passioni.
Ma io, che sono passione,
io vivrò nel vento,
il mio canto riecheggerà nelle onde,
i dipinti si sveleranno tra le nubi,
la nebbia avvolgerà i miei scritti
e si dileguerà al baluginio
della prima aurora…


Maria Gabriella Meloni – 5° classificato
Leucade


Dal sommo della rupe
spingere lo sguardo
all’estremo orizzonte,
sfiorare con le nere ciglia
i selvaggi marosi
mentre il vento
sferza il volto
e colpisce le narici
l’alito salmastro
mescolato all’acre odore
di antichi cruenti riti…
Congedarsi dalla vita.
Essere già lambita
dalle ombre dell’Erebo,
già avvertire sul piede
la gelida onda d’Acheronte.
Protendersi sull’abisso…
Ritrarsi…Provocare
gli dei…Illudere le Moire
differendo il taglio del filo
cui è legata la vita…
Solitudine, silenzio,
incomunicabilità, indifferenza…
Dileguate la bellezza,
la giovinezza, l’ispirazione,
la passione…
Desolata e arida
come la rupe su cui
ti eri inerpicata.
E laggiù intorbidarsi
del mare, ceruleo, grigio
e bianco, selvaggio
come i denti
di un animale feroce.


Alessandro Puglia – 6° classificato ex aequo
Frantumi di maggio


La parola amarti
è appesa a questi giorni
come questi panni ammassati
ad orologi.

Mi stacco dal piedistallo
del mondo
fingendo di capire,
fingo anche di conoscerti.

La parola amarti
è appesa tra questa distanza
percorsa da noi.

E mi sento capace per la prima volta.

La parola amarti
è così cosparsa tra noi.


Odette Miceli – 6° classificata ex aequo
Una giornata delle meraviglie


In una giornata delle meraviglie
non mi chiamare, Madre
posso mettere un piede stroto e uno dritto
mi serve un abito su misura
mentre ti torci come un verme
Se il mondo mi rimorchia avrò dei ricordi
Dormi, Madre, riposa
un bacio posato sulle labbra
ci colpisce e divide
mentre vado coi miei piedi di carta
caracollando or sull uno or sull altro
bilanciando la mia vita per il centro.


Carla Tedde – 6° classificato ex aequo
Sorsi amari


In fondo al mare
brillano e riflettono la loro luce,
verso la pacata superficie,
miliardi di stelle ormai arrugginite.
Vorrei dileguarmi
tra le pieghe blu della notte,
dissolvermi nell’argento del mare,
per dimenticare quel giorno
destinato a dissipare un’alba
che per te restò tale.
A nella era valso nascondere
il rame di biancospino,
in quella temuta e odiata stagione,
predetta per la tua partenza.
Da allora,
dal mio calice,
bevo quotidiani sorsi amari
che tuttavia non riescono
a spegnere
la sete che ho di te.


Maurizio Pivatello – 6° classificato ex aequo
L’onda


Scruti l’orizzonte
sulla ventosa
spiaggia

polveri di vetro
tagliano
lo sguardo

l’attendi inerme
sicuro
della sua ineluttabile
precisione.

Ecco
l’orizzonte già si riempie
del suo rumore

increspa il cielo
rubando luce
al beneficiario del suo colore

invano accumuli barriere
da usare
al momento.

Confidi
sugli scogli
posti in lontana memoria.

Ma
nell’interno
il villaggio,
già le luci tremano
e
la loro vista
è ancor più odiosa.

Tutto
appare lontano
ora
che il rumore
è vicino.


Susanna Galimberti – 6° classificato ex aequo
Luna


Luna
che mi guardi
dal cielo
con la tua imponenza
Luna
che rischiari
il cielo
con la tua coerenza
che ogni volta
ti fa ritornare qua
Luna
io non sapevo,
ti ammiravo ogni notte
e ti sognavo accanto a me
la sera che non ti ho vista
la gelosia mi struggeva
poi rieccoti da dietro una nuvola
che, gelosa pure lei,
ti copriva al mondo.
Luna
forse ho peccato
a desiderarti tanto
impossibile impossessarsi di te
un così gran tesoro
può solamente essere di tutti.


L'Albo d'Oro:
Angela Starace AEDO - Napoli 2005 VI Edizione
Angela Starace AEDO - Napoli 2004 V Edizione
Angela Starace AEDO - Napoli 2003 IV Edizione
Angela Starace AEDO - Napoli 2002 III Edizione
Angela Starace AEDO - Napoli 2001 II Edizione
Angela Starace AEDO - Napoli 2000 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153