Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Age Bassi Castiraga Vidardo 2002
VII Edizione

Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – L’antologia è stata spedita dal 3-05-2003 al 26-05-2003

Premiazione – Si è tenuta il giorno 20 ottobre 2002 alle ore 16 presso la Sala Civica Luigia Castelli, via Verdi a Castiraga Vidardo (Lodi). Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della settima edizione del Premio di Poesia dedicato al poeta lodigiano Age Bassi indetto dal Circolo Socioculturale Incontro di Castiraga Vidardo (Lodi) con la collaborazione tecnica de Il Club degli autori, presieduta da Gianpiero Brunelli, e composta da Loretta Pieri, Fiorella Morelli, Emma Perfetti, dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha stabilito di premiare le seguenti poesie:


1° class. “Il silenzio acuto del mattino” di Marco Galvagni, Milano. Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it
Questa la motivazione: “In questa poesia, in cui riecheggiano a tratti richiami ungarettiani, si fondono con delicata maestria immagini di archetipi con forte pregnanza simbolica (acqua, inizio di un nuovo giorno) e dettagli concreti fino a creare uno struggente “paesaggio dell’anima” che, intrecciando ricordo e realtà in un raffinato gioco di rimandi, trascende entrambi senza però cancellarli.
Questa fusione armonica crea un’equilibrata composizionne dal tono nostalgico ma mai sentimentale, una ricca tappezzeria visuale e metaforica dalla sorprendente coerenza e dalla dolcezza tagliente”.


2° class. “Voci del presente” di Maria Rosa Bertellini, Brescia. Vince la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it
Questa la motivazione: “La semplicità del presente è resa attraverso immagini quotidiane che si arricchiscono a vicenda e formano una catena di impressioni fresche e genuine, finalmente una poesia sulla vecchiaia che riesce, proprio come le protagoniste dell’opera, a “tessere il presente”, La malinconia rimane garbata ed ancorata agli oggetti e alle attività di tutti i giorni, a scene di appagante pienezza pittorica e sonora che non scadono mai nella banalità”.


3° class. “È tempo di riposare!” di Giacomo Giannone, Mazara del Vallo (Trapani). Vince la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 32 pagine di cui gli verranno assegnate 100 copie gratuite – Targa di riconoscimento – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it
Questa la motivazione: “Un canto del ‘nostos’, del ritorno che sa rievocare i luoghi attraverso il linguaggio. Esso diventa plastico,m volutamente ‘botanico’, riuscendo così a rendere concreta, attraverso la crerìazione di un campo semantico specifico, la familiarità della voce narrante con il paesaggio che la circonda. Il canto di un Ulisse che, richiamato dalla nostalgia, si rifugia nei dettagli concreti di un piccolo mondo rassicurante forse, ma non idilliaco. È il canto di colui che, pur ritornato, continua a sentirsi in parte ‘smarrito’”.


4° class. “A mia madre” di Francesco Sassetto, Venezia.
5° class. “Briciole” di Federico Nardi, Martinsicuro (Teramo).
6° class. “Palestina” di Claudio Capponi, Osteria Gtande (Bologna).
7° class. “Lasciai che fosse” di Carlo Carrea, Stazzano (Alessandria).
8° class. “Fredda Bruma” di Fabio Massimo Amoroso, Monza.
9° class. “Un’improvvisa capriola del cuore” di Mirna Moretti, Trento.
10° class. “Vecchio…” di Paolo Monguzzi, Camparada (Milano).
Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet per un anno – 50 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con l’editrice Montedit.


Segnalati dalla Giuria con Attestato di merito


“Quando” di Fosca Andraghetti, Bologna;
“Un addio” di Luciana Malisani, Orta San Giulio (Novara);
“Contemplo in silenzio” di Ercole Ferretti, Roma;
“Papà perché” di Luciano Ridolfi, Latina;
“La clessidra” di Alessandro Pietrogiacomi, Fiuggi (Frosinone);
“L’ora serena” di Adriano Scandalitta, Mortara (Pavia);
“Quel che manca” di Paolo Solinas, Murlo.


La cerimonia di premiazione si è tenuta il giorno 20 ottobre 2002 alle ore 16 presso la Sala Civica Luigia Castelli, via Verdi a Castiraga Vidardo (Lodi)


Opere vincitrici

1° classificato
Marco Galvagni
Il silenzio acuto del mattino


Ho annodato
a ciottoli levigati
il fluire dei miei ricordi.
Forse era l’aurora cremisi
che si specchiava nei solchi
delle rare onde,
forse la magia
del silenzio acuto del mattino.
Forse la quiete infinita
ed il confluire d’umane speranze
tipici d’ogni alba
in qualunque angolo del mondo.
Forse un po’ di tutto ciò
mischiato all’amore per la vita:
e noi in simbiotica armonia
su questi greti ci trovavamo,
padre,
ed era l’acuto silenzio
delle nostre illusioni,
la genesi
delle nostre buone intenzioni.
Era la folgorante attesa
d’un alito di luce
a farci muovere,
padre,
laddove ormai sono avanzate
poche manciate di rena
e l’acqua ha reso canute
persino le amiche conchiglie.


2° classificata
Maria Rosa Bertellini
Voci del presente


A lenti passi incedi
lungo il viale
scambiando confidenze
con le amiche.
I figli se ne vanno
e ti rimane l’eco
di giochi e cantilene
dopo l’ultima fiaba.
Dalle pareti
parlano i ritratti
di peschi in fiore
e di caviglie snelle
che corrono
sull’argine del fiume
fino all’abetaia
odorosa di resina.
Silenziosa è la casa,
vuoto il cortile.
Ancora tessi il presente
nei punti a maglia
che riportano suoni
di ninne nanne.
Poi entrano le voci
di figli e di nipoti
e la casa risuona
come una conchiglia.
Tu intrecci mani stanche
e reciti preghiere
nell’ultimo bagliore
della sera.


3° classificato
Giacomo Giannone
È tempo di riposare


Ora ritornerò
percorrerò le antiche strade
odorose d’origano e di menta
sentieri rituali
non nobilitati da passaggi
d’uomini famosi,
calpesterò le trazzere
di polvere e d’acquitrino,
la viottola dell’agave
e del biancospino
il tratturo della ferula
e delle giummare,

e seguirò la scia delle serpi
e delle chiocciole
fra le stoppie della “‘disa”
e della “jina,”
salirò su muri di tufo
e inseguirò delle capre
il belato,
mi fermerò allora
all’ombra del fico e dell’azzeruolo
e non vorrò più partire.

Ora è tempo di riposare
seduti sulla pietra di mira
della casamatta diroccata,
è tempo di contare i giorni
passati e quelli rimasti
inchiodati nel silenzio
della mente
che vagola e scintilla,
smarrita ormai l’Orsa
di riferimento.



4° classificato
Francesco Sassetto


A mia madre
per il suo 75° compleanno


Sono ancora di sole i tuoi occhi
nelle foto di ventenne maestrina,
i tuoi occhi regalati ai bambini
della campagna di tanti anni fa,
alle piccole mani incerte
a segnare parole sulla grande lavagna.
A me pure bambino hai spiegato
le belle parole che sanno dire le cose
e la carezza e il sorriso
per quelle che non si possono dire.
E ancora adesso quand’esco ormai
uomo nell’alba d’inverno tu guardi
che sia bene coperto e mi dici il cappello
e l’ombrello, se piove.

Ti porterò, madre, fino all’ultimo ponte
che dovrai fare da sola
con più paura nelle tue gambe tremanti,
quel ponte che senza premura attende
là in fondo, incrostato
di ruggine antica, bagnato
di nostalgia, che ha visto
mille volti smarriti andar via
e non fare ritorno.

Vorrei sì, vorrei solo saperti un giorno
in qualche posto sereno, ma chissà
che sarà dei miei passi, delle tue mani
segnate, se a te almeno
sarà dato infine d’alzarti ad un nuovo
più lieve volo
per l’amore che che qui ti è mancato,
per le lacrime che qui hai pagato.


5° classificato
Federico Nardi
Briciole


Fluisce
In cerci concentrici
L’acqua
La pioggia
Ribolle per strada
M’avvento
Sui passi per casa
Qui nel silenzio
Che tace
Ascolto lo scroscio
Pulsare
È melodia che culla!

Rivedo
Nel dormiveglia
Quei mulinelli da strada
Dentro ogni cerchio
Un pensiero:
briciole!
Acuti maldestri
Non saziano
‘sto spirito libero – d’artista mancato – Briciole non possono
Placarmi la fame!


6° classificato
Claudio Capponi
Palestina


Non disperdete il vostro sangue umano
o figli d’una terra martoriata
che da millenni non conosce pace,
ove chiese, moschee e sinagoghe
diffondono terribili menzogne.
Il vostro grido disperato e rauco
riecheggia sulla sabbia insanguinata,
e giunge fioco a un mondo che impotente
osserva attonito l’immane scempio.
Quanto distanti appaiono le stragi,
prodotti ignobili di fanatismi
oscuri e incomprensibili, bestiali
miti d’un mondo buio ed arretrato.
Non s’abbian più gl’iniqui sacrifici
per guadagnare paradisi arcani:
non v‘è a morir per una patria assurda,
non più confini tra gli uomini vivi:
che un vento amico spiri dal deserto
accomunando le nostre bandiere.


7° classificato
Carlo Carrea
Lasciai che fosse


Non so se ho vinto o se ho perduto
ma non ho indossato armi
né mai calcato i fumanti tornei
che aridi costellano la terra.
Di tutte le parole che ho ascoltato
non più d’un pugno è vivo
e il resto abbandonata spenta
cenere nemmeno per concime adatta.
È mancata la fede intima profonda
per cui infiamma il sangue il grido
e trascina inarrestabile alla meta:
sempre per poco ne sentii mia alcuna.
Non per timore delle conseguenze
ho ritirato la mia candidatura
forse fu accidia ozio fu superbia
che mi tennero lontano dalla riva.
Solo una volta ho rotto ogni freno
scosso noia ritrosia malinconia
dai comodi giacigli di velluto
e sceso in campo con l’anima mia nuda.
Ho lasciato che tutto fosse ma non quello
per cui unico forte m’ha tremato il cuore
preso dall’incontenibile dolcezza
che trasformò gli istanti in una vita:
soltanto allora io attraversai me stesso.


8° classificato
Fabio Massimo Amoroso
Fredda bruma


La tristezza comincia dagli occhi
e si insinua strisciante in tutto il corpo.
Percorre i nervi uno per uno
arrivando su fino al cervello
e giù fino al cuore.

Grigia come un grigio muro avvolto dalla nebbia,
umida come la pioggia fine che penetra nelle ossa.
Dapprima solo una sensazione,
poi sempre più opprimente.
Si appoggia sul tuo petto mentre dormi
e inesorabile lo schiaccia levandoti il respiro.

È un sentiero viscido e fangoso
del quale non si vede fine.
È un cane a tre zampe
che arranca dietro al suo padrone.
È il dubbio di non sapere,
è il sapere di non potere,
è il desiderio che non si esaudisce.

Le braccia pesanti,
la testa ciondolante,
lo sguardo basso,
gli occhi spenti,
il giorno troppo lungo.

Nella stanza, una candela dalla luce fioca
proietta la tua ombra traballante.
Seduto sulla sedia impagliata
il tuo sguardo si perde per ore sulla parete, inseguendola.
Forse, quando l’ultima cera si sarà consumata
e dalla finestra filtrerà un raggio di sole,
la fredda bruma dell’animo tuo comincerà a dissolversi.


9° classificata
Mirna Moretti
Un’improvvisa capriola del cuore


Il vento di un giugno piovoso,
aspro solleva rottami ricordi
che come cupe foglie di nubi
frenano le capriole del cuore.

Sento pietre rotolare
in profondi pertugi e
salire una tagliente ansia
di abbracci di madre giovane e bionda.

Ritorna accanto al viso
la carezza di ciliegie e
di azzurre mattinate estive
quando lontana
rimbalzava bianca
la voce della nonna
tra le viole.
La vita è ora una tempesta
che aggroviglia gli aquiloni
di una infanzia logorata
e che ci scova trepidanti,
abbracciati come naufraghi
in questo tratto di strada
che scivolando ci consuma.

È arduo navigare
sulla lenta barca del tempo;
vorrei cancellare l’ultimo scalo
e ritrovarmi più lontano
in un’ombra attenta
di ronzii e di meraviglie,
come Alice nel paese
delle magiche promesse.


10° classificato
Paolo Monguzzi
Vecchio…


Vecchio,
la paura più grande,
il sentor d’esser altro
ch’io non voglio.

Vecchio,
paura del tempo,
timor di solitudine
che solo il mortal sospiro toglie.

Vecchio,
sorriso effimero,
paura d’esser ricordato
e di non avere ricordi.


L'Albo d'Oro:
Age Bassi Castiraga Vidardo 2005 X Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 2004 IX Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 2003 VIII Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 2002 VII Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 2001 VI Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 2000 V Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 1999 IV Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 1998 III Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 1997 II Edizione
Age Bassi Castiraga Vidardo 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153