Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Comune di Candia Lomellina 2003
VI Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2003
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – L’antologia è stata spedita dal 12-12-2003 al 15-01-2004.

Premiazione – Si è tenuta il giorno 20 settembre 2003 presso l’aula polifunzionale delle Scuole elementari a Candia Lomellina (PV). Tutti i premiati hanno ricevuto l’invito a mezzo posta. Per informazioni Comune di Candia Lomellina 038474003. Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della sesta edizione del Premio di Poesia Comune di Candia Lomellina composta da Carmen Bortolas, poetessa e sindaco del Comune di Candia Lomellina; prof. Giuseppe Castelli, pres. della Biblioteca Com. di Candia Lom.; Candida Lugani consulente; Umberto De Agostino, pubblicista e segretario del concorso, dopo attenta valutazione dei testi pervenuti ha stilato la seguente classifica finale:


Opera 1° classificata: “L’approdo” di Claudia Modena Burattin, Mizzale (VR). Vince Euro 520,00 – Targa del Comune di Candia Lomellina – Pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui le verranno assegnate 100 copie gratuite – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it


Opera 2° classificata: “Arrivederci nonna” di Anna Mantovani, Candia Lomellina (PV). Vince Targa del Comune di Candia Lomellina – Pubblicazione di un quaderno di 16 pagine di cui le verranno assegnate 50 copie gratuite – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it


Opera 3° classificata: “La vita appena” di Liliana Zinetti, Casazza (BG). Vince Targa del Comune di Candia Lomellina – Pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 16 pagine di cui le verranno assegnate 50 copie gratuite – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet Club.it


Opera 4° classificata: “Attimi” di Sonia Polacci, Cinquale (MS)
Opera 5° classificata: “Adesso che il loro cammino” di Loriana Capecchi, Quarrata (PT)
Opera 6° classificata: “Ritorno” di Chiara Loseri Chiereghin, Conzano (AL) (TP)
Opera 7° classificata: “Lomellina… galeotta” di Luciano Rossi, Brugherio (MI)
Opera 8° classificata: “Padre” di Federico Nardi, Martinsicuro (TE)
Opera 9° classificata: “L’attesa” di Rosella Valbonesi, Forlì
Opera 10° classificata: “Brillavano le luci” di Filippo Finardi, Bologna


Dal 4° al 10° classificati vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Club.it


Opere segnalate dalla Giuria con Attestato di merito:


“In gabbia” di Marta Pugno, Robbio (PV)
“Angelo custode” di Maria Elena Bressani, Candia Lomellina (PV)
“L’albero della vita” di Adriano Scandalitta, Mortara (PV)
“Sonata al chiaro di luna” di Andrea Manara, Parona (PV)
“Fenicotteri” di Albertina Della Maddalena, Ardenna (SO)
“Braci di cieco” di Raimondo Rocchetti, Biella
“Le tue mani” di Elisa Ferrari, Castelnuovo Rangone (MO)
“Centro commerciale” di Sergio Trapani, Enna Bassa (EN)
“Presto” di Rossella Gagliardi, S. Giuliano Terme (PI)
“Della mia terra un pugno” di Franco Fiorini, S. Angelo in Villa (FR)


PREMIAZIONE – La premiazione si è svolta il giorno 20 settembre 2003 presso l’aula polifunzionale delle Scuole elementari a Candia Lomellina (PV). Tutti i premiati hanno ricevuto l’invito a mezzo posta. Per informazioni Comune di Candia Lomellina 038474003.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.


Opere vincitrici

Claudia Modena Burattin
opera 1° classificata
L’approdo


Il dolore ha rotto gli argini
e il vento dell’anima spinge le vele.

Non so se sono Ulisse oppur Penelope…

Sconosciuto mi è l’approdo
e quando vi giungerò,

ma non sono più,
prigioniera di un sogno.


Anna Mantovani
opera 2° classificata
Arrivederci nonna


Quante volte ho sospirato
Sentendoti raccontare cose dei tuoi tempi
Già sentite mille volte

Quante volte ho sbuffato
Perché dovevo fare delle cose per te
Ed ero stanca

Da un po’
Non parlavi più
Non chiedevi più

Solo i tuoi occhi a farci capire
Quanto eri stanca del dolore
Ma il tuo sorriso era sempre lì

Ora che non ci sei più
E vorrei ancora sentire i tuoi racconti
Guardo in cielo

Là, mi sembra di vedere ancora
I tuoi occhi azzurri
Non più tristi e stanchi
Ma sereni e pieni di luce

Arrivederci nonna


Liliana Zinetti
opera 3° classificata
La vita, appena
A Francesca, Silvia e Daniele


Io ho sbancato la vita, figlio,
ma non ti lascio possedimenti
o conti in banca a più zeri.
Ti lascio le parole,
parole come stelle alpine
parole come aquiloni.
E non so spiegarti la vita,
la vita che è schianto e volo,
soffio di un Dio inscrutabile.
So solo che conoscerai il dolore
e ti morderà a volte feroce,
e la malinconia, grigia come
un impalpabile velo di nebbia
e il lago immoto della noia.
Conoscerai la solitudine,
sempre pronta a farti compagnia
e l’incertezza e lo sconforto.
Conoscerai l’arroganza
di chi ha le tasche gonfie
e un cuore da predatore,
e la presunzione e l’egoismo
e l’indifferenza e la viltà.
Io ti lascio la trasparenza del cielo
e i sogni stretti tra le dita
e l’amore e la tenerezza
e i colori dell’alba
e la passione e il canto
e la luce delle stelle.
Ti lascio la vita, figlio,/abbine cura.
Ti lascio la vita:
la vita innamorata
la vita insensata
la vita che piange e che ride
la vita tormentata
la vita appassionata

- la vita, nonostante tutto, stupenda.


Sonia Polacci
opera 4° classificata
Attimi


Sapevo che dopo l’amore dei nostri corpi nudi,
al buio avrei cercato le tue labbra tumide
e,
in quel preciso istante,
proprio come il cielo nero segue da vicino la scia della stella cadente,
anche i miei più umani, egoisti e fragili pensieri,
sono scomparsi nelle tenebre più fitte.


Loriana Capecchi
opera 5° classificata
Adesso che il loro cammino


Adesso che il loro cammino
non getta più ombra
per strade di polvere bianca

io cerco a ritroso del tempo

ricordi di gesti e di volti.
E quasi d’incanto
si scioglie in carezza e dilegua
l’ultimo sguardo schivo di mio padre
avvezzo alla terra e al silenzio

che terge il sudore alla fonte

posando sul muro il cappello di paglia.
Fiorisce un sorriso:
mia madre in disparte

discreta presenza

che attende alla cena
e canta.
Canta mia madre soffiando sul fuoco
sospiri e speranze.
E cantano deposte le stoviglie
sulla tovaglia bianca di bucato.

Riverberi di fiamma alle pareti.

File di santi e foto alla credenza.
Vento di cielo fermo alla finestra

quando per me sarà l’ultimo giorno
nella cucina vecchia di memorie

/strada di luna scesa alla mia porta/.
Mi sosterrà la mano di mio padre
ed i capelli candidi di mamma
si scioglieranno serici in abbraccio
dolcemente avvolgenti al lungo viaggio.


Chiara Losèri Chiereghin
opera 6° classificata
Ritorno


Raggiungo il molo
con ali di bimba
e gioia di passi
attenti nell’antico gioco
di saltare le righe
tra le pietre.

Cammino nel vento
tra spruzzi di mare,
sale di lacrime
sulla gioia del ritorno,
pausa di un volontario esilio
dietro un amore
che mi colora i giorni.

Ancora ti respiro
aspra mia terra
così dolce al cuore
e tutta ti raccolgo
nello sguardo
per vestirmi di te.
Ecco laggiù la piazza
con dietro la collina.
Tra le case aggruppate
una mi chiama…

No. Da te non salirò
dolcissimo nido
della mia infanzia,
vuoto dei cari affetti
e non più mio.
Me ne starò seduta
sulla lucida bitta del molo
in compagnia del mare e della bora,
a ricordare…


Luciano Rossi
opera 7° classificata
Lomellina… Galeotta


Pensoso ricalco quel bianco cammino
di strada quieta in Lomellina,
segnata dai verdi foggi slanciati.
Tra gelsi ronzanti di api operose,
cammino tranquillo, nell’aria dorata,
tra campi deserti, di stoppie seccate.
Ricordo, Anna, il tuo dolce sorriso,
quel passo frusciante, bianco nel bianco,
quell’umore di luce, quell’anima d’aria,
quei passi silenti in corsia dolente
di muto ospedale…
Ora lascio Rosasco e proseguo nel sole.
Appare, alla curva, Langosco dormiente;
un latrare di cani risveglia le case,
sbatte un’imposta, un gallo s’infuria.
Solo, si sente il battito lieve
d’un lontano motore…
Giunge dai campi, oltre il fossato
di zitta corrente, la scampanare
dei giorni vivaci di festa campestre.
Mi specchio nell’acqua. Un canto si leva.
Il sibilo acuto d’un treno nascosto
lacera l’aria che sale vibrante
dal calor della fertile terra.
Dense, lontane, gonfie d’umore,
come comari, le nubi
osservan le donne avviate
al sagrato affollato… Candia m’appare.
Nel giorno incendiato da un sole che annuncia
un giorno d’estate, ripenso alla vita:
la fatica del crescere, il timor degli slanci,
tutto ciò che vorrei aver fatto e non feci.
Attiva è una voce in incerto bilancio:
l’aver scelto di fare il cammino con Te.
...Se la scelta fu mia!


Federico Nardi
opera 8° classificata.
Padre


Gracile ramo
In un albero ormai secco
Così mi lasciasti. Oh padre!
Prostrato al vento
Alle avversità, tra mille intemperie
Alla calamità dell’uomo.
Stagione, dopo stagione,
Foglia, ramoscello, arbusto
Ora quercia rugosa
Temprato, saldo e vigoroso
La tua pulita immagine
È scivolata via dalla mente.
Di tanto in tanto, guarda una fotografia
Me la imprimo, voglio rammentarti
Uomo mite, bello, forte e coraggioso.
Eppure carattere e muscoli
Non ti son bastati, purtroppo,
A fermare quel grosso grumo rosso
Che tappò quel caldo cuore in un mattino.
Energicamente tu lottasti, Padre,
Io lo so, lo sento, non volevi
Lasciare soli noi, teneri pulcini,
E la mamma, già tanto provata
Giovane giovenca, che tu ghiotto rubasti!
A te, grande amatore, non assomiglio
Però io voglio dirti che hai nipoti
Il primo della stirpe ti tiene in mente
Poiché il tuo caro porta addosso
Non so perché l’ho fatto, l’ho sentito…
Ora ti prego che sei in Cielo
Abbraccia forte tu le mie sorelle
Anch’esse come te più non distinguo
Ero assai piccolo. Ricordi padre?
Avevo tre anni e qualche mese appena
E l’altro tuo figliolo era appeso al seno!!


Rosella Valbonesi
opera 9° classificata
L’attesa


Vola la rondine
e svolazza la cornacchia
in questo cielo immoto,
orfano di stagioni,
e sono qui,
fra giullari e mercanti,
ad attendere
un tempo senza promesse
e senza inganni,
dimensione d’un immaginario
dai contorni liquefatti
nella nebbia del pianto.


Filippo Finardi
opera 10° classificata
Brillavano le lucciole


Era giugno brillavano le lucciole
camminavamo ogni sera lungo il sentiero
che costeggiava la casa dove due sorelle
sedevano davanti la porta nel cortile
a lavorar di ferro per maglioni d’inverno
gli zampironi accesi a scacciar zanzare
ridendo di noi che filavamo più volte
su e giù per lo stradone finché
veniva scuro e restava solo di tornare
a casa nel buio rotto dalla luna
fra l’odore dei tigli lungo i prati.
Poi veniva l’autunno e gialle le foglie
faceva freddo e le sorelle restavano
nella stanza con l’acetilene a raccontarsi
storie e forse sogni e noi fuori
a crogiolarci in discorsi e organizzare
incontri la Domenica a messa.


L'Albo d'Oro:
Comune di Candia Lomellina 2006 IX Edizione
Comune di Candia Lomellina 2005 VIII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2004 VII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2003 VI Edizione
Comune di Candia Lomellina 2002 V Edizione
Comune di Candia Lomellina 2001 IV Edizione
Comune di Candia Lomellina 2000 III Edizione
Comune di Candia Lomellina 1999 II Edizione
Comune di Candia Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153