Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Comune di Candia Lomellina 2002
V Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – L’antologia è stata spedita dal 7-03-2003 al 15-03-2003

Premiazione – Si è tenuta sabato 15 giugno alle ore 15,30 presso l’aula consiliare del Municipio in Piazza San Carlo a Candia Lomellina. Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della quinta edizione del Premio Nazionale di Poesia Comune di Candia Lomellina edizione 2002, organizzato dal Comune di Candia Lomellina (PV) e la collaborazione tecnica e letteraria dell’associazione Il Club degli autori, composta da Carmen Bortolas, poetessa e sindaco del Comune di Candia Lomellina; prof. Giuseppe Castelli, pres. della Biblioteca Com. di Candia Lom.; prof. Narciso Cassino scultore ex docente all’Accademia di Brera; Candida Lugani consulente; Umberto De Agostino, pubblicista e segretario del concorso, dopo attenta valutazione delle opere pervenute è giunta alla conclusione di premiare i seguenti autori:


1° class.: È così blu il cielo di Rosanna Bertacchi Monti, Bergamo.
Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Targa del Comune di Candia Lomellina – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


2° class.: Se solo tu di Angela Fullone, Alagna Lomellina (PV).
Vince la pubblicazione di un quaderno con copertina di 16 pagine di cui riceverà 50 copie gratuite – Targa del Comune di Candia – Attestato di merito -pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


3° class.: La luce per un giorno di Anna Calossi, Costalpino (SI).
Vince la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 16 pagine di cui riceverà 50 copie gratuite – Targa del Comune di Candia – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


Vincono attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet Club.it


4° class.: Lo squarcio di Anna Bor, Carcare (SV);
5° class.: Un grande amore di Alessandra Crabbia, Caerano San Marco (TV);
6° class.: Dedicata a Samuele Lorenzi di Micaela Sansevero, Udine;
7° class.: La Speranza di Vittorio Magrini, Firenze;
8° class.: Millenoventonovantaniente di Alessandro Bacci, Tavarnelle Val Di Pesa (FI);
9° class.: Tutto, un tempo di Adriano Scandalitta, Mortara (PV);
10° class.: Primo amore di Chiara Loseri Chiereghin, Conzano (AL).


Segnalati dalla giuria con Attestato di merito:


Inno alla vita di Cristina Vuillermon, Brusson (AO);
Robot di Bruno Filippi, Casale Monferrato (AL);
Il risveglio di Zorba di Ermano Raso, Racconigi (CN);
Musicali colori visivi della mia terra di Genesio Manera, Vigevano (PV);
Belgioioso di Renato Cavagnero, San Mauro Torinese (TO);
Urlare contro di M. Michela Protopapa, Gagliano del Capo (LE);
Terra bruciata di Giovanni Scilio, Scicli (RG);
Al padre mio di Antonio De Lucia, S. Maria a Vico (CE);
Come falene di Maria Antonietta Borgatelli, Balzola (AL);
I filari di Mariella Lavelli, Milano.


La cerimonia di premiazione si è tenuta sabato 15 giugno alle ore 15,30 presso l’aula consiliare del Municipio in Piazza San Carlo a Candia Lomellina.


Opere vincitrici

I classificata

Rosanna Bertacchi Monti

È così blu il cielo


So… della gramigna
che insidiosa s’inviscera
fra pietra e pietra a Gerusalemme
a vizzire nella Terra – che fu ara all’Agnello – l’antica semenza del verbo di pace.
So… del veleno dell’odio
che – in riti di serpi – fra le zolle si sparge
e in brune fratte s’aggruma
dentro le vene delle montagne
a tessere agguati d’infidi scorpioni
nelle notti violàte in cui pure la luna
si cela spaurita dentro il burka o il chador.
So… del silenzio che grida di mille croci
dal cratere-braciere che memorie offre
di lutto
all’amplesso amoroso di preci e di pianto
là ove alte a rifrangere il sole dai vetri
svettavano al cielo le “torri gemelle”.
So… ma oggi… oggi… è così blu il cielo
che il sereno si specchia
nelle foglie delle magnolie
scivola sulle scorze delle betulle
s’effonde nell’aria a sciogliere canti
per la scommessa gioiosa
d’un nido tra i rami.
Fiotta nei cuori come fosse cascata
di linfa, di luce, d’indicibile pace
che tutto azzurra e tutto rinserra
in una sorta di corale preghiera
che è inno di vita e di speranza
persino qui… / tra vecchi in pigiama
carezzati dal sole sulle panchine
e ragazzi con le stampelle
stregati dal volo di una farfalla/
... in questo stento giardino di ospedale.


II classificata

Angela Fullone

Se solo tu…


Oggi come ieri…
sono i ricordi dolci-amari
a turbarmi il cuore.
Oggi come ieri…
sono tornata
sulla bianca lapide
a meditare,
lasciando scorrere…
perle di pianto
sulla terra stanca;
nella mente un vortice
di confusi pensieri.
Se solo tu…
mi avessi amata un po’,
se solo tu avessi fatto…
un passo in più
per capirmi, per capirci.
È così breve
il tempo assegnato
che oggi…
è già domani,
e quando te ne accorgi…
ogni cosa è corteccia di tempo.
No, non ci son lacrime – Padre – senza gioia, né dolore.
Oggi come ieri…
mi dibatto in enigmi di pensieri.
Il pianto di oggi…
è quello di ieri,
son gocce d’amore – Padre – ma non bastano a placare
il dolore che mi porto dentro.
Se solo tu…
mi avessi amata un po’
dal mio pianto oggi
spunterebbe un fiore.


III classificata

Anna Calossi

La luce per un giorno


Vivo qui
dove fiorisce il buio
dove l’alba nelle mie piaghe
ha sepolto il colore.

Vivere da cieco
con le pupille secche
con l’illusione di spaccare a poco a poco
questo marmo senza vene, senza fine.

Si abbracciano le ombre,
dal nero della notte
si allungano nel vuoto buio del mattino.

Davanti a me non ho paragoni,
potessi vedere
anche per un solo giorno,
non perderei tempo:

spalancherei i miei occhi
mi aggrapperei ad un lampo
e darei luce al mondo,
divorerei il tramonto con lo sguardo
e con il vento ai piedi
imparerei a volare.

Poter vedere il mare
oppure un fiore,
il verde del mio prato,
il chiarore della luna,
“ma com‘è bionda o bruna”?
E poi… la neve e te.

Avidamente
non avrei più sonno.


IV classificata

Anna Bor

Lo squarcio


New York 11 settembre 2001


Nuovi figli
d’Icaro
ubriachi d’odio
nell’ombra
virarono ali d’acciaio
sul diritto alla vita

Lo squarcio
infuocato
fuse assieme sangue
versato per scelta
e linfa di vittime
del caso

Le “Torri Sorelle”
sospesero Manhattan
in un’unico respiro
... s’alzarono colonne
di arterie fumanti
negate alla vita

Contro il cielo
scuro di ceneri…
pulsarono sull’asfalto
polveri di corpi
tra lampi di lance
d’acciaio contorto

Ora…sull’immenso squarcio
si salda limpida… in un’unica fiamma
una dolorosa montagna
di mani in preghiera che

ripetono la speranza sui… “tempi di fuoco”
che cavalcano l’orizzonte!


V classificata

Alessandra Crabbia

Un grande amore


Ancora più bella sei,
ora che il tuo corpo frana lento
colpito da tutti questi anni amari.
Le scie avventurose del tempo
scolpiscono il tuo viso come un idolo inca.
I tuoi seni, dolcemente arresi, teneri, saggi
si fanno scoscesi come un’onda al golfo del Bengala,
il tuo ventre di vecchia madre
risplende nell’opulenza di un autunno dorato,
i tuoi capelli sono filigrana d’argento
baciati dal vento di maestrale,
e le tue snelle gambe
conoscono l’azzurra geografia delle vene.
Ancor più mia, sei,
e a nessuno appartieni
ora che a tratti temi che tua bellezza
fuggendo nasconda lo splendore interno.
Non t’ho mai amata di questo amore cocente e ostinato,
perché ora che il tempo ti piaga,
che sei mortale m’accorgo
e il tuo accecante tramonto guardo
come un abbagliato viandante
di un paese raggiunto
dopo molto patire.


VI classificata

Micaela Sansevero

Dedicata a Samuele Lorenzi


Solo pochi giorni fa,
sereno giocavi,
nel giardino innevato
della tua casa
tra le bianche cime
che abbracciano Cogne.
Era un tuo diritto giocare,
Samuele,
eri un bambino.
Era un tuo diritto vivere,
ma qualcuno ha deciso di strapparti,
con la violenza,
all’abbraccio di tua madre,
alla tua infanzia.
Tra le cime di Cogne,
rosse del tuo sangue innocente,
la tua vocina si fa un sussurro nel vento,
nell’aria sospeso
il segreto della tua morte.


VII classificato

Vittorio Magrini

La speranza


La notte è passata, la luna spegne le stelle.
Gli scuri alle finestre si schiudono pigri
a occhi assonnati che guardano in alto;
la volta scura del cielo si allontana.

Schiocchi di faville salgono serpeggianti
lungo il camino; il crepitio dei ciocchi rompe
a tratti il silenzio, la fiamma avvampa, prende
colore, si spande sulle pareti annerite.

Un breve brusio, pacato, di poche parole.
Occhi che scrutano il fondo, la madia è vuota.
S’intrecciano sguardi inquieti,
un lungo lento sospiro.

La mano si posa sul tavolo e su di essa
un’altra la copre.

Un gesto, uno sguardo, un mesto sorriso;
si prende coraggio.
La speranza non deve consumarsi come i
mattoni sotto le scarpe chiodate.

Una porta socchiusa e una stanza invasa
da una fievole luce
là dove i sogni hanno le ali.


VIII classificato

Alessandro Bacci

Millenovecentonovantaniente


Né più caldo né più freddo
disegno un arcobaleno
in bianco e nero,
né più guerra né più pace
dimmi qual è differenza
tra sinistra e destra,
ieri in televisione
ho visto un mondo migliore
ma era un sogno
ed oggi mi sono svegliato
con tanta rabbia tra le tue labbra.

Mi sono svegliato
e adesso…
sto bruciando
i soldi che la gente
sta cercando.

Adesso…
sto colorando
i fiori che la gente
sta calpestando.

Adesso…
sto gridando
il silenzio che la gente
sta ascoltando.

Mi sono svegliato
e penso che di tutta la gente
nessuno assomigli a me,
nessuno e nemmeno te
che ti ho conosciuta nel
millenovecentonovantaniente.


IX classificato

Adriano Scandalitta

Tutto, un tempo


Il latte
in bottiglie di vetro
con il marchio ben visibile
della misura
e il tappo d’alluminio

Il frigo di legno
funzionante
con pani di ghiaccio

L’albero della cuccagna
intriso di grasso
per rallentare la salita

Le mondariso chine
a disinfestare il riso
e a temperare la tristezza
della lontananza
con il canto

La stretta di mano tenace
per siglare un contratto:

tutto, un tempo,
aveva il sapore
d’una dura, schietta genuinità.


X classificata

Chiara Loseri Chiereghin

Primo amore


Alle tue parole
fioriva
la timida viola
del mio cuore.
Vestito il pensiero di sogni
tremuli arcobaleni dell’anima.
Breve carezza la ventata
che mi lasciò sola.
Davanti a me un sentiero
di aquiloni caduti.
Vago con piede prudente
tra code spezzate
di carta velina.


L'Albo d'Oro:
Comune di Candia Lomellina 2006 IX Edizione
Comune di Candia Lomellina 2005 VIII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2004 VII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2003 VI Edizione
Comune di Candia Lomellina 2002 V Edizione
Comune di Candia Lomellina 2001 IV Edizione
Comune di Candia Lomellina 2000 III Edizione
Comune di Candia Lomellina 1999 II Edizione
Comune di Candia Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153