Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Comune di Candia Lomellina 2001
IV Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2001
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Per vedere l’antologia

Risultati

Sezione Poesia in lingua italiana:


1° classificato Stefano Corona di Robbio (PV) con “Bambini sulla luna”
2° classificata Anna Bor di Carcare (SV) con “Lettera al figlio”
3° classificata Loriana Capecchi di Quarrata (PT) con “Questa mia terra che libera voli”
4° classificata Silvestro De Simone di Terracina (LT) con “Aironi”
5° classificato Maria Luisa Cozzidi Candia Lomellina (PV) con “A Riccardo nel giorno del suo primo giorno”
6° classificato Marco Galvagni di Milano con “Il contadino”
7° classificato Dino Moro Valentino di Borgo Hermada (LT) con “Ti scrivo oggi, festa del patrono”
8° classificato Marisa Colavita di Capo d’Orlando (ME) con “Sereno tramonto”
9° classificata Adriano Scandalitta di Mortara (PV) con “Pane e silenzio”
10° classificata Giuseppe Marotta di Milano con “A mia madre”


Segnalati dalla giuria con Attestato di merito


Preghiera di Walter D’Angelo, Pescara;
Tramonto invernale di Maria Luigia Iannotti, Trecchina (PZ);
Quando verrà a cercarmi di Daniela Raimondi, Saltrio (VA);
S‘è fatta sera di Maria Palchetti, Treviglio (BG);
Lettera per un figlio morto di Roberto Reggiani, Modena;
Amore di Giovanni Rosa, Modica (RG);
L’Angioletto Andrea di Tiziana Zago, Gambolò (PV);
Solo così di Sara Capizzi, Cesano Maderno (MI);
Faded Chrysalis (Crisalide appassita) di Lara Fiorillo, Pisa;
Papà di Thomas Girardi, Malosco (TN).


Opere vincitrici

1° classificato
Stefano Corona

Bambini sulla luna


Mi risveglio…
...e sulla mia pelle, sento l’aria del mattino che mi
abbraccia…
...ma vedo anche il tuo dolce viso
mi sorridi e mi saluti da una foto…
...allora, oscuro il mondo
e tu ci sei…
Con gli occhi chiusi ti rivedo correre,
saltare, gioire e non fermarti mai…
Ma perché?
Cosa è stato delle tue ingenue fantasie,
dove sono i tuoi giochi e le tue smorfie?
Ti bastavano soltanto pochi sassi
e la bambina era già una principessa…
poi volavi, salivi sopra le nuvole e ancora più su
forse sino alla luna…
Com’era gialla e tonda la tua luna
com’era bella quando la guardavi
E sognando, pensavi di raccoglierne la sabbia…
Ma dove,
dov‘è fuggita la canzone che sempre canticchiavi?
Inventando le parole e quelle strane rime
dove il gatto andava a spasso con il cane
e il sole non tramontava mai…

...ma quelle carezze…
...di quei maledetti demoni mascherati…
...ti han portato via pure i sogni
non parlavi più e non dormivi
sino al giorno in cui sei diventata un angelo
e, finalmente, la tua luna dai toccato
e noi tutti quaggiù a sprofondare
supplicando Dio per un ultimo regalo:
vedere per un momento, un attimo solamente le tue ali
e sentirne ai nostri occhi il dolce vento…
...e poterci così riaddormentare…


2° classificata
Anna Bor

Lettera al figlio


Febbraio 2001


Sono qui… dove…
bene e male… amore…
e indifferenza… più
...non mi appartengono
Mi rincorre soltanto
...un grande rimpianto
per non aver intuito in tempo…
non aver posseduto la magia
di trasformare i silenzi… in parole
...l’ostilità... in ascolto
Muta… e veloce… la tua mano
mi ha colpito… a ripetizione…
Se… io… avessi guardato
più a lungo i tuoi occhi… bassi
avrei tolto… il disturbo… in questo mondo
con un… solo… colpo… sicuro e…
ti avrei risparmiato… l’inferno… della colpa!
Ma ormai… tutto questo
è già nel nostro passato…
Per quando avverrà il tuo passaggio…
non temere… ti aspetterò comunque…
oltre il rancore e… il perdono… sono sicuro che
anche tu… allora lo vorrai…
per avviarci… in silenzio… verso…
il nulla… che… “insieme”... ci attende


3° classificata
Loriana Capecchi

Questa mia terra che libera voli


Amo
questa mi terra che libera voli
d’uccelli
fanciulli
fogliame
là dove trema più verde il trifoglio
dove lo spigo diventa una strada
ed il ranuncolo ozioso di sole
torna a riempire lenzuola di prato.

Dove di un padre le sere d’inverno
erano grandi
le mani alla fiamma.

Dentro ci stava il papavero e il grano
onde di fieni insertati col vento
silenzi di stanze
l’odore del pane
la vita e la morte a varcare la soglia.

Madre
pur oggi il torrente rimane
dove a lavare scendevi
le sponde
in primavera assalite dai fiori.
“Acqua corrente – ci beve il serpente…”
ricordo, m’insegnavi a recitare.

Ma non s’increspa adesso l’onda piana
al tocco di libellula incostante
e dentro alcove d’erba non ritrovo
la saponaria dalle carni rosa
se non nell’immanenza di una conta
tornata certo a caso sulle labbra
passando eterna l’acqua sotto i ponti.


4° classificata
Silvestro De Simone

Aironi


Scende silenzioso
un velo di bruma

sullo stagno
perduto fra i giunchi,

planano aironi
sulla sua trasparenza,

un sonno
di beatitudine
si posa sulle cose.

Ora infinita e pura!

Sognano gli occhi
tramonti di porpora,

maree di luce,

ali di cristallo
e rose nell’ombra.

La dolce brezza
si trastulla frale foglie,

sussurrando
e sospirando,

vaga farfalla
di cielo e aria.

Piange già
la notte
le sue lacrime d’oro.


5° classificato
Maria Luisa Cozzi

Riccardo nel giorno del suo primo giorno


Dovrà tenere conto anche di te
l’alba rosata del 19 febbraio
e tutti i tramonti e le albe e
i paesaggi padani che verranno,
del mistero del tuo nascere,
disceso da un cosmo segreto a noi ignoto.
Due nuovi meravigliosi occhi tra di noi
qui, a rivolgersi ai nostri occhi
increduli come una creatura possa
sorgerà così
dal nulla e dal tutto di un amore,
pronti a essere parte delle tue sensazioni,
dei tuoi quesiti, dei tuoi enigmi.
Basterà il raggio del tuo sorriso,
il tuo esserci
per sentirci più saggi e più felici
per te.


6° classificato
Marco Galvagni

Il contadino


Trascinandosi penosamente
sul selciato e cercando a tentoni la luce,
riuscendo a stento a togliersi
vecchi scarponi da lavoro,
avanza a fatica il contadino nella sua casa.

Si tuffa con la memoria nel passato
ed intravede un giovane arare con fiducia la terra
ed attenderne con impazienza i virgulti.
Ora tutto è meccanico e si risolve
in gesti meramente automatici.

Urla una voce dal paese squarciandole tenebre:
“Lascia perdere il contadino!”
Ma io vedo ch’egli si contorce nel suo letto
ricordando una vita leggendaria e dissipata,
lambita da echi di fiabe perdute nel tempo.

Sogna l’uomo giovane che rimodellava
la terra coi suoi attrezzi nuovi:
ora tutto è arrugginito, consunto
e sbiadito dall’implacabile incedere degli anni
che ha solcato di rughe anche la sua amata.

E presto ricomincerà una nuova giornata
per lo stanco contadino che ormai,
nella sua vita di sofferenza intrisa,
non ambisce altro che riguardare il suo passato
e, con un groppo alla gola, rimirare il flusso degli eventi.


7° classificato
Dino Moro Valentino


Ti scrivo oggi, festa del patrono,
giorno in cui nessuno va nei campi
perché – dicono i vecchi – porta male.
Male a chi? Come se esistesse
male più grande di questa miseria,
di questa terra arsa, delle pietraie.
Non piove e se lo fa è sempre troppo.
Maria mi chiede di te e dice a tutti
che sei partito per far esperienze
e soldi per costruire una casa,
che sei, in quel nero buco di miniera,
a rischiare i polmoni per amore.
Non sa di mietiture andate male,
che se non prendevano uno di noi
ci obbligavano a vendere la terra
e poi tu ora mangi tutti i giorni.
Mi fa ridere quando sento dire
che siamo il paese del bengodi,
quando ti guardi intorno e t’accorgi
che è duro da matti andare avanti.
Mamma e papà hanno i soliti acciacchi,
ma non si lamentano, li conosci!
Questa volta rispondi al più presto,
anche se, lo so, la penna ti pesa
forse più del piccone, ti abbraccio.

Se mi fosse dato, per istruirmi su amore fraterno il tempo, il luogo ed il motivo, berrei, per la gran sete, di ogni dotta parola un sorso nello spazio che ha scorto nel movimento piano del pendolo tra un tic e un tac.


8° classificato
Marisa Colavita

Sereno tramonto


Rubare un sorriso alla vita
mentre la falce
recide i passi affannati
anelanti di vivido ardore.
Ridere ancora
di tutto e di niente
quando il dolore
ti squarcia le membra.
Con tenerezza guardare il passato
ed enumerarne le gioie
vissute e perdute.
Con dolore percorrere
i dolorosi meandri dell’essere stato
e considerare pochi i momenti felici
ma sublimi nell’ora fatale.
Rispondere a stento a un sorriso,
godere d’una mano affettuosa
e rivangare un dolce ricordo
mentre il dolore
si maschera in viso.
Dire addio e sorridere ancora alla vita
nello sforzo estremo di tenerla per mano.


9° classificata
Adriano Scandalitta

Pane e silenzio


Domani non aspettatemi a pranzo.
Non verrò con il solito tram
ma scivolerò lesto
con la metropolitana
verso i confini del mondo

E vedrò prati sconfinati
e correrò a piedi nudi
verso orizzonti di fuoco

Questa metropoli afosa
mi schiaccia i polmoni
e mi stordisce

Voglio evadere
e per un giorno
mangiare pane e silenzio.


Mia madre

Sono nato in una casa
con il balcone a ringhiera
e sempre dolce era l’attesa
di mia madre
che aspettavo quasi in preghiera

Ora la sua luce si è spenta
da un pezzo
ma ancora ha riflessi
sul mio cuore che comincia
a sentire il peso degli anni
anche se affronta gli affanni
con la gioia che sempre ritrova
al sorgere di un nuovo sole.


10° classificata
Giuseppe Marotta

A mia madre


E ora che osservo questa terra che ti consuma
vorrei dirti ancora parola di figlio
perché non so se tutto il bene che ti ho dato fu abbastanza.

Ora che sei al di là del tempo e dello spazio
e conosci le mie domande, aiutami nel cercarne le risposte.

Perché io ti sia vicino, incontrarmi nei sogni
e saprò parlarti ancora come un tempo.

Un tempo lo ricordi?
Ero io a partire e tu a rimanere
ma oggi che sei partita tu, in fretta e senza bagaglio,
sono io che resto pur sapendo che non torni.

Che questo viaggio ti sia dolce, allora,
così come fu quello che insegnasti a me
e quando una mano calda di donna mi accarezzerà il volto
sono certo che in quel caldo ce ne sarà anche un po’ del tuo.

Ora che osservo questa terra che ti consuma
i ricordi mi tempestano la mente
e piango come un bimbo disperato.

Ora che so che sarai sempre al mio fianco
cercherò nei miei futuri giorni i segni della tua presenza
e per accontentarti sorriderò a dirotto, come un uomo certo,
perché è nel tuo sorriso il mio più dolce ricordo di te.


L'Albo d'Oro:
Comune di Candia Lomellina 2006 IX Edizione
Comune di Candia Lomellina 2005 VIII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2004 VII Edizione
Comune di Candia Lomellina 2003 VI Edizione
Comune di Candia Lomellina 2002 V Edizione
Comune di Candia Lomellina 2001 IV Edizione
Comune di Candia Lomellina 2000 III Edizione
Comune di Candia Lomellina 1999 II Edizione
Comune di Candia Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153