Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2009
XII Edizione

Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2009
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

ANDAMENTO DEI LAVORI – La Giuria ha ultimato i lavori di valutazione ed ha stilato la graduatoria finale.

ANTOLOGIA – Clicca qui per andare alla pagina dell’Antologia del Premio Francesco Moro Sartirana Lomellina 2009
Spedita dal 26-11-2009 al 01-12-2009

Risultati

Risultati della dodicesima edizione del Premio Nazionale di Poesia Francesco Moro – Comune di Sartirana Lomellina 2009


La Giuria della dodicesima edizione del Premio Nazionale di Poesia Francesco Moro – Comune di Sartirana Lomellina 2009, organizzato dalla Biblioteca Comunale di Sartirana Lomellina (PV) con il patrocinio del Comune di Sartirana Lomellina e della Provincia di Pavia e con la collaborazione tecnica dell’Associazione Culturale Il Club degli autori, composta da: Paola Camussoni, Assessore alla Cultura e ai Servizi Sociali del comune di Sartirana Lomellina, prof. Luisa Denari; Felice Martinotti, esperto di poesia dialettale, Umberto De Agostino, Segretario del Premio. Dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha stilato la seguente classifica:


  • Opera 1^ classificata Notte senza stelle di Anna Naletto, Gambarare di Mira (VE). Vince Euro 100,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet
  • Opera 2^ classificata Se non avessi osato di Orazio Gennuso, Messina. Vince Euro 70,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet
  • Opera 3^ classificata Il pianoforte di Augusta Potestà, Alcara Li Fusi (ME). Vince Euro 30,00 – Targa del Comune di Sartirana – Pubblicazione di un quaderno di 16 pagine di cui verranno consegnate 50 copie gratuite all’autore – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet


Vincono Attestato di merito – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet, i seguenti autori:

  • Opera 6^ classificata Shoah di Maria Maddalena Monti, Rovellasca (CO)
  • Opera 9^ classificata M’immergo… di Stefano Alberini, S. Benedetto Po (MN)
  • Premio speciale della Giuria a “I cocci di una vita” di Elisa Brasca, Vercelli


Risultano Segnalate dalla Giuria e premiati con Attestato di merito le opere dei seguenti autori:

  • “Amare…” di Valeria Donno, Bardolino (VR)
  • “Camminando nella notte” di Werther Zabberoni, Ravenna
  • “Chiarore lunare” di Alfredo Chiaromonte, Firenze
  • “Il mio paese” di Sauro Govoni, Dosso di S. Agostino (FE)
  • “L’anima profonda del mondo” di Marco Borruto Caracciolo, Napoli
  • “Nonno bersagliere” di Alba Silva, Robbio (PV)
  • “Scolari” di Carlo Carlotto, Nucetto (CN)
  • “Un brivido” di Gianluigi Redaelli, Balestrate (PA)
  • “Una nuova generazione” di Jacopo Ramonda, Carrù (CN)
  • “Viaggio in treno” di Antonio Zannino, Riva Ligure (IM)


Sezione Poesia in vernacolo pavese:

Risultano vincitrici a pari merito le opere dei seguenti autori:

  • Cor che ride di Giovanni Boninsegna, Castel d’Azzano (VR)

Vincono: Prodotti tipici locali – Attestato – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori – Pubblicazione su Internet Internet


La cerimonia di premiazione si terrà DOMENICA 19 LUGLIO 2009 alle ore 11,00 presso lA PILA DEL CASTELLO DI SARTIRANA LOMELLINA (PAVIA)

Opere vincitrici


Anna Naletto


Opera 1^ classificata


Notte senza stelle


(Dedicata a mia figlia Silvia e alla sua amica Nicole)


È proprio questa sensazione di vuoto che sento dentro,
che mi fa tremare di paura;
al di là delle parole che si perdono nelle notti passate a scrivere,
per dare risposte a domande, che incendiano l’anima;
al di là di quei silenzi, che strappano il cuore a chi li sa ascoltare,
e che troppe volte diventano il rimpianto,
di chi invece, non ha saputo capire.


E mi distrugge, spiare dalla porta socchiusa,
il tuo sonno senza riposo
e le tue lacrime, che urlano il dolore dell’addio,
per chi ha dato la propria vita, per un’illusione
o forse solo per aver cercato un sogno, che di certo non era il tuo.


Se solo potessi bambina mia,
le regalerei un po’ del mio respiro, per cancellare dal tuo volto,
la tristezza di aver perso la luce dei suoi grandi occhi,
e per dare a lei la possibilità di disubbidire,
a quel richiamo che non ha perdonato l’ingenua follia,
di aver chiesto alla vita, forse troppo.


E ora dall’alto della mia inutile impotenza,
piango senza far rumore,
per lei che è morta prima ancora d’aver vissuto,
per te che ti tormenti per colpe che di certo non hai,
per tutti i ragazzi che vivono prigionieri di una società malata,
e per tutti quei genitori che come me,
attendono l’alba di un nuovo giorno,
sperando che domani sia migliore.


Orazio Gennuso


Opera 2^ classificata


Se non avessi osato


Ricordati di osare.
Se tacitamente tenti il cielo,
presto o tardi,
il cielo si accorgerà di te
e se cavalchi la tigre,
prima o poi,
ne avrai gli artigli.
Non lanciarti però a capofitto
nell’abisso:
coraggio è dominio sulla paura,
non incoscienza o follia.
Scendi dunque in profondità,
ma con cautela,
come se fosse, la tua,
una risalita.
Oggi non saprei chi sono
se non avessi osato.


Augusta Potestà


Opera 3^ classificata


Il pianoforte


Lento, dolce, s’innalza verso il cielo
il suon di un pianoforte
che nella notte rapisce l’anima.
Mi trascina in un vortice
di sogni, ricordi, rimpianti.
Bagna il volto mio di lacrime
che brillano come piccole stelle
al chiaror della luna.
Poi, quando il suono tace
ritorna inesorabile il presente.



Emanuele Tagliafichi


Opera 4^ classificata


Ritornando a Cadice


Profili accennati
di ricordi lontani.
Frammenti di vita
che credevo d’aver archiviato.
Brividi antichi
che la tiepida brezza marina
mi dona ogni volta
che posso fare ritorno.


Membra assetate
che rincorrete esauste
il profumo dell’aria salmastra
troverete ristoro
in queste onde argentate
dal moto perpetuo sospinte
pazienti custodi discrete
di giovani ardite speranze.


Ed ora finalmente qui
seduto sul bordo dell’anima
ascolto i sussurri materni
dei soffi di vento che a Cadice
son da sempre presenza importuna
e rivivo con nostalgica gioia
momenti passati
di dolce abbandono.


Domenico Sergi


Opera 5a classificata


Provocazione… oggi


Molti ne hanno parlato
in tanti hanno sentito
ma c’è ancora chi si domanda
«… Dio esiste?e se sì, chi l’ha visto?…»
La voce gira, e gira ancora
gira tutto il paese…
la gente più non sa cosa pensare…
La denuncia c’è stata
… ai Carabinieri.
Qualcuno interessò pure
… la Magistratura.
Ci sono dubbi, ma tanti son convinti…
la gente mormora
e quando questo accade, si sa,
qualcosa c’è di vero
cosa succederà?


… I Servizi segreti… (faccio bene a dirlo?)
sono stati allertati (anche quelli…!)
Dicono che i Ris stanno indagando
quasi ‘casa per casa’
senza dare nell’occhio
senza destar subbuglio
certo con parsimonia: un agente qua
un altro là, sempre in borghese
La divisa si sa crea l’allarme…


Ormai passato è il tempo
s’aspettano risultati:
qualcosa prima o poi salterà fuori.
Tanto ben lo sappiamo:
tutto verrà a galla!
Da noi il fatto certo è questo qua
non fare niente, che niente si sa…!
Man mano che un problema viene
trova, nel breve… soluzione.


Maria Maddalena Monti


Opera 6^ classificata


Shoah


Siete saliti su quel treno
si sono chiusi i battenti
sull’ultimo scorcio
di pace.
Alla rinfusa,
in quella stanza
le vostre valigie,
i vestiti, le fotografie
e qualche ben nascosta
gioia.
Quel calore di bestie
ammassate…
Dov’è il caldo
delle vostre case?
Le linde tende alla finestra
e la treccia ben stretta
della vostra bambina?
Non capite perché,
larve umane,
vagate in quel campo,
animali a rubarvi
l’ultima radice.
Più non vi chiedete
se siete ancora vivi.
In alto, nel castello
i canti, i balli, le raffinate
conversazioni.
Fuori dal recinto,
là nella casa,
la zuppa a cuocere
e dal camino
il filo di fumo.
Nera una nube
lassù nel cielo:
son voci, respiri, pianti
nell’ultimo abbraccio
mani a congiungersi.


Claudia E. Turco


Opera 7a classificata


Un bambino autistico


Un pianto straziante e incessante
un silenzio strano e improvviso;
un dondolio continuo
lo sguardo assente
fisso nel vuoto
immerso in un’altra dimensione.
Ma che reato ha commesso quel bimbo
condannato a un completo isolamento:
non è inferno ma una specie di limbo
speranza di un paradiso remoto
attesa infinita di qualche cosa
di una qualche comunicazione;
un groviglio di percezioni
polvere di visioni
polvere di più suoni
contatti polverosi
caos di sensazioni
difficili da afferrare
difficili da separare
difficili da ordinare;
le mani si agitano
dondolando si aiuta
a calmare quell’ansia:
un mondo diverso
un mondo distante
una creatura priva di amici
un essere bisognoso di affetto
di venire compreso
di venire accettato
per le virtù celate
dietro uno sguardo vuoto
mentre è impegnato
a emergere dal caos
a cogliere almeno
una sola sensazione.


Massimiliano Sonsogno


Opera 8^ classificata


AAA Cercasi genitori


(a M., dopo l’aborto)


Vittima ancor prima di essere giudicato;
alato prima di aver fatto il primo passo;
amato prima di aver mosso
medici e dottori
per metter fine ai dolori
dei più egoisti tra tutti i genitori.
In alto,
con il cielo fra le mani
e negli occhi i sette mari.
Vincitore di un appalto
per trovare l’amore di Dio
dove ormai la “d” è scomparsa
perché rimanga solo “io”


Stefano Alberini


Opera 9^ classificata


Senza titolo


M’immergo, nella tua anima.
Occhi, scuri, appena accennati,
profondi, come il canyon,
nel mio cuore attraversato
da un fiume che ancora brilla.


Potenza, delicatezza,
di un solo rifugio
di un solo amore.
Immensamente grande,
anche se appena accennato.


Aquile nere, sopra i miei pensieri,
giorni, d’immenso non capire,
e tutto in un viaggio eterno interiore,
spezzata l’ultima lancia,
lanciata, l’ultima sassata.


Ecco, il suono, trambusto,
che ti riecheggia dentro.
È suonato l’allarme è crollata
la speranza, quella bomba
ha ucciso, il mio amore.


Quella terra, ha accolto Dio,
ora è come una spugna
intrisa di sangue, e il Giordano
sta a guardare, i figli dell’Altissimo,
morti, con gli sguardi digrignati,
nel dolore, di una bomba che
ti ha aperto il ventre
facendo scappare dal tuo costato
la speranza del Nuovo Sole.


(dedicata ai combattimenti in Terra Santa, dicembre 2008 – gennaio 2009)


Vincenzo Arrighini


Opera 10a classificata


Sotto il pennone dell’Argo


Seduto pensoso sotto il pennone possente dell’Argo,
odo gravose remate picchiare e vicine,
voga dolente di genti venute dai quattro versanti di Gea,
dagl’iridi in ghiaccio ed il crine dorato,
dagl’occhi nocciolo e il corpo color dello cielo stellato.
Dinnanzi del remo tutti a tirare il medesimo e forte,
che sotto il pesante tamburo,
ci batte a rintocchi la vita e la morte
e dunque si voga pe’l proprio dovere,
tanto per cari quanto per fame.
Dietro le vele rigonfie dei mille destini dell’uomo,
da sempre monarchi e burocrati stendono folli egoismi,
grandi speranze e sontuosi comizi,
alte manovre di tela tessute da ragni capaci di muoverci in massa.
Produci e consuma, muto e cosciente piegato
tra spreco ed immensa lordura,
uno di certo può dar la fiducia al cantar di sirena
ma cento non posson gettarsi alle onde col primo.
Fra mezzo li seggi operosi del nostro legnoso natante,
ho visto la peste, l’afflitto, l’invidia e il brigante,
fra mezzo li passi degl’ultimi al mondo
v’e quelli di madre, d’anziano e di bimbo
e quelli di chi va raschiando sul fondo.
Sospesi insicuri s’un pezzo di giunco
percosso dai flutti e spazzato dal vento,
naufraghi urlanti si scorge nell’acqua
presto attorniati da branchi di squali,
quel che mi chiedo,
travolto dall’onda che cozza e che spezza,
sta nella scelta più fonda e più dura:
se fossimo deboli, curvi e sottesi alla chiglia di prora,
con mani di rete e il dorso piumato dell’ala che vola
terremmo incuranti la rotta in avanti
o a cuore che palpita presto li andremmo a salvare?


20/11/2008


Giovanni Boninsegna


Opera vincitrice ex aequo sezione vernacolo


Cor che ride


’Ndo elo scapà
el me carneval
picenin?


Quatro strasse,
on capèl,
’na mascarina
parecìa da me mama.
’na spada de carton
e… s’era Zoro.


Ne l’aria
ciondolini colorè,
ruèle deslighè…
la neve
a farme festa.


Pronto a slongar
el col
al caro che passava.


La procession
l’era curta,
ma l’Arlechìn
che nasséa drento,
me fa contento
’ncora ’desso.


Traduzione:


Cuore che ride


Dov’è andato il mio carnevale bambino?


Quattro stracci, un cappello, una maschera preparata da mia madre, una spada
di cartone ed… ero Zorro.


Nell’aria coriandoli, stelle filanti… la neve a farmi festa.


Pronto ad allungare il collo al carro che passava.


La sfilata era corta, ma l’Arlecchino che nasceva dentro, mi fa contento ancora adesso.


Angelo Rivolta


Opera vincitrice ex aequo sezione vernacolo


I strascé


Parli un po’ del temp indré,
quand s’eri un fieu nel dopu guéra,
un tricicul cun un picul carèt tacà,
nass sta storia vera, tèra tèra.
Lü de nom Pinin lee Bambinota,
perché l’era grosa cumè una buta.
Fasevan el gir de tutt i curt un dì la setimana,
vendevan savun e acqua de bügada,
in cambi ritiravan de la gent ul fer, toll e strasch.
Metevan sta roba su una bascüla vegia cumè lur,
anca se rubavan un po’ in sul pes,
la gent la capiva sta furbizia,
lasavan perd e finiva tütt in letizia.
Nunc fieu purtavum la nosta roba,
fasevum poca muneda per i noster vizi,
assée per una gasusa o al masim un limunsoda.
Finì sto gir a cuntentà un po’ de cristian,
Pinin e Bambinota rusava el tricicul cun tacà el caret,
a man, pesant e pine de mercanzia,
südavan da la fadiga, facil ghè nient,
anca par lur per un toc de pan da met tra i dent.


Traduzione:


Gli stracciai


Parlo un po’ di un tempo passato,
quando ero ragazzo, finita la guerra,
un triciclo con un piccolo carretto attaccato,
nasce così questa storia vera.
Lui Pinin Lei Banbinota (bambina grossa)
perché era grassa come una botte.
Facevano il giro di tutti i cortili un giorno alla settimana,
vendevano sapone, e acqua da bucato,
in cambio ritiravano stracci, ferro e barattoli vuoti,
mettevano tutta questa merce su una bilancia
vecchia come loro, rubavano sul peso, la gente
sapeva di questa furbizia, lasciava perdere e
salutava in letizia. Anche noi ragazzi portavamo
qualche cosa, per fare moneta che bastava per una gassosa
o al massimo per un lemon soda.
Finito il loro giro e servito un po’ di gente il Pinin e
la Banbinota spingevano il triciclo col carretto pieno
pesante e a mano sudando di fatica perché per tutti
facile non c’è niente e per loro voleva dire
un pezzo di pane da mettere fra i denti.


Penser munsciasc


Me sun decis a la mia età a scriv queicoss,
sun pü un pivell, ma la vöia la gh’è amò.
Quant mangi, me piass pelucà la carne fin ai oss,
anca se i dent scrissan e la buca l’è un falò.
Se pö fo i scal un po’ de vulada,
me manca el fiaa, alura ghe veur una rüsümada.
Però van ben inscì,… se dev guardà chi sta pecc,
perché la vita in una manera o un’altra,
lè sempre bela, basta acetala cuma l’è.
Senza udiass senza cativeri, cun la cuscienza néta,
fa nient se ghé no la machina,
minga tüc pöden vess sciuri,
sem cuntent anca cun una biciclèta.


Traduzione:


Pensieri monzesi


Mi sono deciso alla mia età a scrivere qualche cosa,
non sono più pivello, ma la voglia c’è ancora.
Quando mangio mi piace piluccare la carne fino alle ossa
anche se i denti scricchiolano e la bocca brucia come il fuoco.
Se poi faccio le scale un po’ di fretta,
mi manca il respiro, mi ci vuole un uovo sbattuto,
però va bene così, si deve guardare chi sta peggio,
perché la vita in una maniera o nell’altra,
è sempre bella, basta saperla accettare com’è.
Senza odio, senza cattiveria, con la coscienza pulita,
non importa se non c’è la macchina,
non tutti possono essere ricchi,
siamo contenti lo stesso basta anche una bicicletta.


Alba Silva


Opera vincitrice ex aequo sezione vernacolo


La sveglia dal gal


A leva ancura scur, al gal al cantava,
e tuta la famiglia s’vigiava.


Pinot andava an tlà so stala mus i vac
la so Pinota, an fond al curtil
arigulà al pursè e i galin;


i fioi i spriparavu par andà scola.


Po pinot e la so Pinota,
satà sul caret tirà dal cavà
in davu an campagna a laurà;


a mesdì i gnivu’ nò cà a mangià
i pirdivu trop temp,
alura i stavu an su unars’n,
cun un po ad paia suta al cù,
e tiravu fora ad la so sachetta un quai michin
cun toc ad salam suta grasa,
e una buta ad vin miscià cun l’acqua.


I turnavu la sira bei strac,
e l’gavu ancura tuc da fa:


Po an tal lec i gavu gnancà
voia da guardas dos;
ma al so amur leva tantu fort,
che la strachessa la mitivu an dispart;


e si strinsivu cun tanta teneressà,
e san durmentavu iun visin a l’autar,
a spicià che al gal al cantas ancora
par gnì su e cuminicà a laurà.


Traduzione:


La sveglia del gallo


Era ancora buio; il gallo cantava,
e tutta la famiglia si svegliava.


Giuseppe andava nella stalla a mungere le mucche
la sua Giuseppina in fondo al cortile
accudiva, al maiale e alle galline.


I bambini si preparavano per andare a scuola.


Poi Giuseppe e la sua Giuseppina,
seduti sul carretto, trainato dal cavallo,
andavano a lavorare in campagna;


a mezzogiorno; non facevano ritorno a casa,
per mangiare
perdevano troppo tempo;
allora si sedevano su di un argine,
con un po’ di paglia sotto al sedere;
toglievano dalla bisaccia qualche panino
e un pezzo di salame sottograsso,
una bottiglia di vino, mescolato con acqua.


Tornavano alla sera molto stanchi,
e avevano ancora molte cose da sbrigare:


Poi la sera nel letto, non avevano
più la forza di guardarsi in viso;
ma il loro amore era così grande,
che la stanchezza la lasciavano in disparte;


si stringevano con tanta tenerezza,
e si addormentavano l’uno accanto all’altro;
aspettando che il gallo cantasse ancora,
per alzarsi e ricominciare a lavorare.


L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2015 XVIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2014 XVII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2013 XVI Edizione «Una Terra fatta d’acqua»
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2012 XV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2011 XIV Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2010 XIII Edizione
Premio di Poesia Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2009 XII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2008 XI Edizione Premio di Poesia
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2007 X Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2006 IX Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2005 VIII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2004 VII Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2003 VI Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2002 V Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2001 IV Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 2000 III Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1999 II Edizione
Francesco Moro - Comune di Sartirana Lomellina 1998 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153