Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2008
XIII Edizione

Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2010
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

ANTOLOGIA – La spedizione è iniziata in data 25-03-2009 ed è finita in data 17-04-2009.
Clicca qui per andare alla pagina dell’antologia
RISULTATI – La Giuria ha ultimato la valutazione delle opere stilando la classifica finale del Premio.
PREMIAZIONE La cerimonia di premiazione si è tenuta Sabato 31 gennaio 2009 alle ore 15,30 presso la Sala della Comunità del Teatro San Gaetano in via Olmi, 2 a Melegnano (zona Giardino).
Tutti i partecipanti riceveranno una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.
Clicca qui per vedere le fotografie della Premiazione
Clicca qui per vedere le fotografie della Premiazione in flash

Risultati

Risultati della XIII Edizione del Premio di Poesia Poeti dell’Adda 2008


La Giuria della tredicesima edizione del Premio di Poesia I Poeti dell’Adda 2008, presieduta da Massimo Barile, dopo attenta valutazione delle opere pervenute ha decretato la seguente classifica:

  • Opera 1^ classificata: Il profumo del tempo di Barbara Piazza, Bergamo. Vince Targa Poeti dell’Adda – Pubblicazione di un libro di 48 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della poesia sulla rivista Il Club degli autori e su Internet

  • Opera 2^ classificata: Enigma di Claudio Malatini, Cremona. Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet
  • Opera 3^ classificata: Tempus fugit Mauro Domenella, Castelfidardo (An). Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet
  • Opera 4^ classificata: Dedica di Emma Mazzuca, Latina. Vince la pubblicazione di un libro di 32 pagine pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione del testo premiato sulla rivista Il Club degli autori e su Internet

Vincono Attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e su Internet più 10 copie in omaggio della rivista sulla quale viene pubblicata l’opera premiata:
  • Opera 5^ classificata: Diapason di Chris Mao, Ormea CN.



Segnalazioni della Giuria con attestato di merito:

  • Opera segnalata: 9002 ricerche di Federica Ilaria Fornaciari, Livorno Ferraris (Vc).
  • Opera segnalata: Giovani internauti di Sergio Baldeschi, Montecerboli (Pi).
  • Opera segnalata: Preghiera di Eleonora Paoletti, Sesto Fiorentino (Fi).
  • Opera segnalata: Talvolta di Carla Noro, Vicenza.



La cerimonia di premiazione si terrà Sabato 31 gennaio 2009 alle ore 15,30 presso la Sala della Comunità del Teatro San Gaetano in via Olmi, 2 a Melegnano (zona Giardino). Tutti i premiati riceveranno invito a mezzo posta.

Opere vincitrici


Opera 1^ classificata

Barbara Piazza

il profumo del tempo

il profumo del tempo è lo scricchiolio del parquet
nelle fenditure della mia carne,
nel movimento aritmico del mio respiro,
come un mare di onde incaute
che si scatenano alla tempesta.
Gli occhi sono misteri,
celati nel buio della terra,
esperienza pura di passioni.
Nei sospesi dialoghi, tra cuore e mente,
scopro l’istante eterno. Materia viva
di un equilibrio dolce e amaro
di un’essenza.
E il mio sangue fluttua di consistenza piena,
nel viaggio che dissolve,
com’io fossi assente
e tuttavia sigillo d’ogni tempo,
nel profumo denso e impavido
dell’assoluto.


Opera 2^ classificata

Claudio Malatini

Enigma

Mira diritto al cielo
caleidoscopio di triangoli acuti
sfaccettati a pensiero.
Se fossi santo proteggerei
lapidi di ricordi avanti Cristo,
imbiancate a ventaglio.

Sciolgono monti in fiumi
cieli d’ozono trasparente
nell’afa d’affanni oscuri,
tra nubi di notti lucenti
disposte ad enigma.

È duro il risveglio
tagliato a diamante,
intarsiato a legno di valle,
secolare di pianto.

Se fossi oblìo
ammanterei di notte i sogni
finché c’è vita animale,
insaziabile di luce.

Quando vento
è assente di brezza,
tutto si arresta
e si dispone a cerchio
di sfera perfetta
sospesa nel vuoto,
in attesa d’introspezione,
sicché silenzio
diventa enigma,
senza soluzione.


Opera 3^ classificata

Mauro Domenella

Tempus fugit

Tutto comincia in un labirinto di favole,
sbrigliati puledri nei pendii dell’infanzia
fin quando una ruga traccia la consapevolezza,
poi l’affoltare di stagioni cesella i volti…
Non c’è fragore nello sfogliare
le scarne pagine di questo nostro tempo,
specie quando l’inverno si posa sugli occhi
e stempera l’incendio fugace dei sensi,
quella veemente astrazione chiamata amore.
Ma non e’è requie in questi corpi fragili,
coartati a trascinare gioghi per pochi pani,
e poi con l’elemosina nei panni della festa
mercanteggiamo per briciole di eternità…
Un Dio scrupoloso attizza tramonti,
scandisce la simmetria dei giorni;
ogni sole frana oltre l’ultimo acclivio,
ci avvinghia la cataratta dell’ombra serale
e un altro sogno naufraga nel disincanto…
Dunque, non siamo che questo, alla fine;
usignoli dal gorgheggio strozzato,
le ali arrese all’abisso dei giorni,
quando i capelli sono appiglio per ragnatele
e la gramigna alloggia nella crepa del sepolcro…
Il tempo è un vento che prosciuga girasoli,
ci sospinge errabondi tra foschie e pietraie;
vaghiamo claudicanti verso lumi in lontananza,
ci appartiene solamente un’onda d’amore,
e la fede della farfalla che dal bozzolo
si ridesta per altri lidi, altri bivacchi.


Opera 4^ classificata

Emma Mazzuca

Dedica

Dalla profondità dei miei pensieri
avvolta dal segreto della morte
sgorga la tua immagine
cinta dall’aureola atterrita di un aldilà
da sempre imponderabile

Con l’anima conchiusa su di te
t’invoco, ti chiamo
le mie labbra ripetono sillaba per sillaba
il rosario sgranato del tuo nome
ma come uccello trafitto in pieno volo
sembra che le tue tenebre e il tuo passo alato
siano segnate da lacerazioni

Lungo il sentiero dove nel quieto marmo giaci
la mia anima via via ho spogliato
dalle pesanti catene della vita
per renderla più chiara attraverso
la piaga dei tormenti
lasciandola alla tua sepoltura
come limpida vena di sorgente
deflorata dal raggio del mattino

Quando penso che più mai ti rivedrò
il cuore si colma d’un flusso di terrore
la mente si stringe in un tragico involucro di vuoto
e sul piacere di vivere aleggia
una bramosia vaga di sgomento

Tu così forte e sincero, col volto sereno
rivolto sempre verso l’infinito, Dio chiedo
come posso io immaginare che tanto ardore astrale
si disperda nell’eterno gelo?


Opera 5^ classificata

Chris Mao

Diapason

Precipitosa la filatura
dei tuoi pensieri terreni
decimò i gradini della coscienza
per apparirmi placida,
nel chiaroscuro
del primo salone della mente.
Eri un demone senza lordura,
pronto all’ennesimo tradimento.
Chiesi se nelle righe
del tuo quaderno amoroso
la questione dell’esilio
fosse una giacenza inopportuna,
la prima vittima
della rimozione del mattino.
La flotta armonica delle parole
prese la via della tua bocca,
come lo stormo s’appressa
al turbine d’aria che sbaraglia la nube.
Fece poca strada dentro di me
il diapason del tuo addio,
seppe il mio cuore diventare
sponda di biliardo,
per sfruttare la potenza lenitrice
del rimbalzo.


Opera 6^ classificata

Cristiano Comelli

Ho affidato l’onda ricamata
dai tuoi occhi severi
alle mani tremebonde
di uno scrigno impolverato
ho dato in pasto
a volpi d’acciaio
disegnate dalle mie notti
le tue lettere fumanti d’acredine
ho spinto tra le braccia del fuoco
ogni tua falsa promessa d’amore
ho strappato all’angolo di cielo
a cui li avevo lanciati con un bacio
i ricordi delle mille serate
che ci fotografarono abbracciati
in quel piccolo cinema di periferia.
Ormai le tue ferite
danzano compiaciute e sovrane
come ospiti perenni
del sangue che ho per padre
non ho che l’eternità
per potermene liberare.


Opera 7^ classificata

Anna Maria Marsegaglia

Sull’uscio della sera

Si accorciano i giorni
davanti alla legnaia
come architravi bucati dai tarli,
scompaiono lenti
come scaglie di radici
portate via dalle formiche.
Sfarfallano le ore
vicino alla ceppaia,
volano via,
…e somigliano a sciami bianchi di farfalle,
paiono foglie secche di betulle.
Sfumano i sogni
dinanzi alla cantina
come vapori di vini d’annata,
simili a voci di allegre tavolate.
Scende tristezza
sull’uscio del granaio…
il pianto bagna gli occhi di chi vede
immagini di antiche mietiture,
del lavoro e degli amori di una vita,
dissolversi piano
come il colore blu delle genziane.
Stilla speranza sull’uscio della sera
come acqua nuova di fontana:
un uomo è certo che di là del cielo
ci saranno ancora altre stagioni
uguali a quelle del passato
ma che non avranno mai fine!


Opera 8^ classificata

Floredana De Felicibus

Lasciatemi
Se tutto mi è indifferente
lasciatemi qui a tingermi di silenzio
seduta su questo scoglio di sale e conchiglia
schiaffeggiata dall’impeto inquieto dei flutti.
Aspetterò la bonaccia respirando la brezza
che sale ogni sera tra l’ombra dei pini
e i pensieri che oggi non hanno confini;
troppo larga la trama di rete
dei giudizi sottili
e le sentenze affrettate
non restano ferme ai fili ancorati.
Lasciatemi qui a nutrirmi di tormento,
aspetterò l’approdo dei miei ragionamenti
fluttuanti ipotesi, nel fondo dei quesiti intensi,
i miei sguardi rimarranno legati
laggiù sugli specchi di vele, stremati.
Non c’è fretta, inclinato
ora è il sole ma la notte non incalza
a rovesciare i suoi toni
s’attarda in un guizzo sottile
di un brusio fitto fitto
in un diluvio di parole moleste
riportate dal vento, sotto un sole ancora cocente.
Non c’è fretta,
ch’io cheti il mio affanno lentamente,
io stessa sarò parola e tormento, mimesi del vento,
piano piano spremerò l’impeto della calura del sole
fino a sbiadire la foga di ogni parola,
attenderò l’ultimo momento, catarsi,
ch’io sia libera da ogni passione.
Lasciatemi così ancora un attimo
non ho forza e né voglia,
voglio vivermi ancora di luce e di linfa,
domani… domani ricamminerò sul selciato,
all’alba, quando le onde si saranno chetate.


Opera 9^ classificata

Isolina Merighi

Lucidi cristalli

Bugiarde e silenziose
parole di vento
scorrono rapide
come cascate di cristalli
nella mente,
tagliano la speranza
nell’azzurro del sereno,
distruggono
la ricerca dell’infinito.

Perdura testarda e vivace
una scintilla di vitalità.

È l’incanto del sogno
errante nell’anima
inseguita dalla paura
del domani.


Opera 10^ classificata

Roberto Bertolotti

Aprile acerbo

Attesa la vita
al suolo invernale,
cerco la sottile rugiada
di un Tempo antico che
lascia nella bocca
l’acre nostalgia
del melograno.
Bulbo ammuffito,
presagio
dell’orribile assenza.
Nel perimetro sassoso
delle paure si annuncia
la Pasqua delle primule
dimenticate sotto la
vanga delle distrazioni.


L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2019 XXIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018 XXIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2017 XXII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2016 XXI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2015 XX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2014 XIX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2013 XVIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2012 XVII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2011 XVI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2010 XV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2009 XIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2008 XIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2007 XII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2006 XI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2005 X Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2004 IX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2003 VIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2002 VII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2001 VI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2000 V Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1999 IV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1998 III edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1997 II Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153