Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020
II Edizione

Ultimo aggiornamento: 24 Giugno 2021
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

La data di scadenza prevista del 30-06-2020 è stata prorogata al 14-07-2020

  • Antologia spedita dal 07-04-2021 al 16-04-2021 – In data 11-12-2020 sono state spedite a mezzo posta le bozze dell’antologia. La lettera di ammissione è stata inviata in data 25-08-2020
  • La Giuria rende noti i risultati. La valutazione delle opere pervenute iniziata il 22-07-2020.
  • La premiazione si è svolta a Mortara (PV) sabato 24 ottobre 2020 alle ore 10.30, presso la Biblioteca Francesco Pezza – Civico17 – via Vittorio Veneto, 17, Mortara (PV). Causa normative Covid l’ingresso era riservato solo ai premiati con 1 solo accompagnatore che hanno segnalato la presenza

telefonando o scrivendo alla Biblioteca di Mortara 0384.91805, email: info@civico17.it entro il 16 ottobre p.v.







Risultati

La giuria della II Edizione del Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina 2020», composta da: Tina Rella di Mortara, Maria Clara Quinale di Lomello, Claudia Marchesi di Gropello Cairoli e Paola Camussoni di Sartirana Lomellina, giuria coordinata da Umberto De Agostino, coordinatore del Sistema Bibliotecario della Lomellina, dopo attenta analisi delle opere pervenute ha così decretato:




Sezione Poesia:

Opera 1^ classifIcata: «Madre» di Mariateresa Biasion Martinelli, Luserna San Giovanni (TO).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 100 copie all’autore – Attestato di merito – Pubblicazione della poesia nell’Antologia e su Internet www.club.it




Opera 2^ classificata ex aequo: «Parole come graffiti» di Lucianamaria Curti, Mortara (PV).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Attestato di merito – Buono valido per avere 20 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la casa editrice Montedit – Pubblicazione della poesia nell’Antologia con assegnazione di 1 copia omaggio e su Internet www.club.it




Opera 2^ classificata ex aequo: «Nonna Lomellina» di Donatella Destro Fontana, Vigevano (PV).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Attestato di merito – Buono valido per avere 20 copie in omaggio in caso di pubblicazione di un proprio libro con la casa editrice Montedit – Pubblicazione della poesia nell’Antologia con assegnazione di 1 copia omaggio e su Internet www.club.it




Opera 4^ classificata: «Borgo antico in Tuscia» di Paola Bonaretti, Torino (TO).



Opera 5^ classificata ex aequo: «E’ un’essenza che sfugge» di Angelo Passera, Graffignana (LO).


Opera 5^ classificata ex aequo: «Non ho contato i tuoi giorni» di Giuseppe La Rosa, Montecchio Maggiore (VI).


Opera 7^ classificata ex aequo: «Golgota» di Daniele Neri, Pavia (PV).


Opera 7^ classificata ex aequo: «Il silenzio dal Bel Paese» di Zanka Boskovic Coven, Milano (MI).

Opera 7^ classificata ex aequo: «Salvifica presenza» di Vittorio Di Ruocco, Pontecagnano (SA).


Dal 4° al 7° classificato ex aequo vincono: Attestato di Merito e Pubblicazione della poesia vincitrice nell’Antologia e su Internet www.club.it.




Sezione Narrativa:


Opera 1^ classificata: «Il broplema» di Alessio Baroffio, Rescaldina (MI).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione del racconto nell’antologia del Premio con assegnazione di 5 copie
ì omaggio – Attestato di merito.


Opera 2^ classifcata ex aequo: «Peccati di gola» di Marco Caneva, Lissone (MB).


Opera 2^ classificata ex aequo: «Peonie viola» di Ambra Guerri, Reggello (FI).

Opera 2^ classificata ex aequo: «Errore fatale» di Vittorio Venturi, Imola (BO).


Vincono: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali –
Pubblicazione del racconto nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia
omaggio – Buono valido per avere 20 copie in omaggio in caso di pubblicazione di
un proprio libro con la casa editrice Montedit – Attestato di merito.




Sezione Lomellina


Opera 1^ classifcata: «Memorie del cuore” Donatella Destro Fontana, Vigevano (PV).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione dell’opera nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia omaggio – Attestato di merito.


Opera 2^ classificata: «Chiesetta della Vergine Consolata» di Anita Daniela Barbaglia, Pavia (PV).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione dell’opera nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia omaggio – Attestato di merito.


Opera 3^ classificata ex aequo: «La mia Lomellina» di Giovanni Moda, Mortara (PV).
Vince: Coppa del Sistema Bibliotecario della Lomellina – Cesta di Prodotti locali – Pubblicazione dell’opera nell’antologia del Premio con assegnazione di 1 copia omaggio – Attestato di merito.




Per tutte le sezioni obbligo di presenza dei 3 classificati o di un delegato pena la decadenza del premio.




Attenzione: A causa delle normative sanitarie vigenti, l’accesso alla Sala è contingentato e pertanto non sarà possibile avere più di un accompagnatore, ed è obbligatorio segnalarne preventivamente la presenza alla premiazione.

Opere vincitrici



Mariateresa Biasion Martinelli


Opera 1^ classificata


Madre


Madre,
quante volte era l’urlo del vento
a portarmi parole mai dette,
come aceto su acerbe ferite.
Madre,
quante volte era il sussurro
del salice antico
a cantarmi ninne nanne dimenticate.
Madre,
quante volte
era il sospiro del tempo
a ricordarmi un amore celato
dalle ceneri di anni lontani.
Madre,
oggi è il silenzio delle stelle
sul ciglio del cielo
a ridarmi la nostalgia
che credevo perduta,
nostalgia di una mamma bambina.
Madre,
mai come ora che sei partita
per un viaggio senza ritorno
ti penso… ti chiamo…
Risponde soltanto
l’urlo del vento
e il sussurro dei rami
del salice antico.




Lucianamaria Curti


Opera 2^ classificata ex aequo


Parole come graffiti


Parole come graffiti,
incise a forza su pagine bianche.
Parole che scaldano il cuore,
ma ribelli, come animali selvatici.
Rotolano
su geometriche asperità.
Scavalcano montagne,
scivolano pianure,
sprofondano in un mare
che ha il sapore della libertà.
Parole nate
per raccontare,
una vita oltre lo specchio.
Si inceppano, come meccanismi rotti,
stridono note altissime,
per non farsi dimenticare.
Parole sussurrate,
come segreti,
in un intimo silenzio,
solo sfiorate, mai svelate
all’immaginario dei più.
Parole rubate,
sottratte con prepotenti inganni
travestiti da amore.
Parole che vibrano,
come cicale, in estate.
Ancor prima di nascere,
vivono, nella nostra unica essenza.




Donatella Destro Fontana


Opera 2^ classificata ex aequo


Nonna Lomellina


Fumava la roggia
al tiepido sole
e specchiava curve spalle
sul lindo bucato.


Imporporava il niveo volto
l’aria frizzante del mattino,
che avvalorava la bellezza
dell’eterno sorriso.


Traspariva dalle ceree mani
l’azzurro del cielo,
che colorava la voce
con un allegro ritornello.


Cigolavano le ginocchia
appoggiate a lungo sulla riva,
ma solerte era il passo
al greve secchio di alluminio.


Dolce immagine
raccolta nel tondo scialletto grigio,
fugace come l’armonia
di uno sguardo tanto amato.




Paola Bonaretti


Opera 4^ classificata


Borgo antico in Tuscia


Creste aguzze
di bianchi calanchi
fendono,
come taglienti lame
di vetuste spade,
le pareti rocciose
di un monte
dominante
un dolce declivio.
Sulla sua sommità,
un borgo antico
si erge,
abbracciato
da possenti mura
di medievali fattezze,
e si protende al cielo,
qua e là, screziato
da roventi nubi,
a memoria
di un remoto,
sanguinoso tempo.
Tempo
di fieri cavalieri
in armi,
di intestine
e cruente lotte,
di ardite tenzoni
per agognati ideali,
sacri e profani.
In ogni anfratto,
di bigi viottoli
e porticati austeri,
il respiro di un anelato,
storico passato,
rievocato con epica,
nostalgica emozione.




Giuseppe La Rosa


Opera 5^ classificata ex aequo


Non ho contato i tuoi giorni…

a Luca


Non ho contato i tuoi giorni,
quindici hanno detto,
con le mani strette su una sbarra di letto
ad accartocciarmi come una foglia riarsa
e a piangere tra pensieri strozzati, sputati dalla mia anima in pena
sulle pareti bianche d’una camera d’ospedale.
Non ho sentito la reliquia della mia vita,
stagnante nell’afa,
mischiare sangue e rancore in una battaglia senza esclusione di colpi
trasudante una memoria desolata, umiliata, effimera;
come avrebbe fatto un padre.


Ho però percepito la tua armonia.


In una sera di mare che ribolliva in faccia,
coi riflessi rosa del cielo a fregiare la terra,
socchiudendo le palpebre,
nell’attimo breve dell’approdo al varco che congiunge realtà e verità,
m’ha ghermito un vento caldo e chiaro
che ha scosso in un fremito le ossa e la carne.


«Anencefalo» sentenziarono, come a sancire una sconfitta irreparabile.
Diedero il tuo cuore per la vita di un altro bimbo.
«Anencefalo» dissero, un corpo senz’anima “fabbricato” per altri.


Eppure, in un attimo lungo un’eternità,
senza che io sappia dire il perché,
mi parlasti di te colmo della calda luce del Creatore,
come un piccolo presepe che riempie le fredde notti di dicembre.




Vittorio Di Ruocco


Opera 7^ classificata ex aequo


Salvifica presenza


Adesso che trapasso l’infinito
raggeli le mie croniche illusioni
con la tua voce frusta e indefinita.
Ed io nocchiere perso all’orizzonte
resto aggrappato a un sogno meridiano
nel mare tuo dolente e disperato.


E scalo le corone della mente
le vorticose spire del passato
in cerca di una rara tenerezza
capace di destarmi dall’oblio
di me che ornato delle tue sembianze
m’avvivo e corro a vincere i tuoi occhi
con i colori delle mie parole.
Ma come scafo presto e dispettoso
nascosto da una coltre di silenzio
dispieghi le tue vele a un cieco vento
che non lascia speranza al tuo ritorno.


Io vago intanto, anima dannata,
in cerca del più flebile spiraglio
della più fioca luce che mi annunci
la fine di quest’orrido supplizio.
Ma se mi concedessi il tuo sorriso
e mi lasciassi in dono una carezza
forse potrei lenire la mia pena
strappando dal mio petto il rio dolore
che strugge la più piccola speranza.


Saresti tu, salvifica presenza,
a trascinarmi con la tua bellezza,
beffarda, ineluttabile e fatale,
nel gorgo luminoso di quei giorni
che seppero dar vita alla mia vita
prima ch’io sprofondassi nell’inferno.




Daniele Neri


Opera 7^ classificata ex aequo


Golgota


Il giorno in cui mi cadde il respiro
mi trovai a trascinare una croce
su una salita di cui non vedevo la fine.
Calda era la mia fronte,
bollente sotto un sole freddo
in uno spazio bianco tragico e sconosciuto,
sognando di esser tornato bambino
in una orrenda culla .
Il casco era una corona di spine,
un fuoco ardeva tra le mie costole e
ogni rumore era un chiodo nel cervello.
I pensieri si susseguivano privi di logica
diretti a me stesso, a te, a voi,
a tutto e al nulla.
Dolore profondo, aghi nelle vene.
Ombre coraggiose si muovevano in una trincea di dolore.
Qualche sorriso,
era stanca la luce nei loro occhi cerchiati.
Grazie amici.
Nei vostri visi stravolti
trovo oggi il conforto di
un giorno per me diverso.
Ho imparato ad osservare i vostri gesti e i vostri sguardi,
ormai li conosco .
Li temo.
Li aspetto.
Li voglio interpretare.
Li capisco.


Forse respiro ancora.


Sì.
Lentamente
sto scendendo dalla mia croce.




Zanka Boskovic Coven


Opera 7^ classificata ex aequo


Il silenzio dal Bel Paese


La mia Italia sta morendo lentamente
Senza voce e senza rumore
Muoiono quelli le cui storie
Ci addormentavano nelle fredde sere d’inverno


La mia Italia sta scomparendo lentamente
Quella dietro le tovaglie ricamate
Delle mani piene di farina
Dei sorrisi sul viso della nostra gioventù


Stanno scomparendo le schiene chine
Che accompagnavano i nostri primi passi
Che ci insegnavano le prime sillabe
Le merende di pomodori secchi nelle mani


Sta scomparendo questa Italia di tutti gli odori
Basilico fresco e trecce di aglio
Sta scomparendo il profumo delle lenzuola inamidate
Stese sui balconi delle borgate


Lentamente e nel sacro silenzio
Se ne vanno gli eroi della nostra infanzia
Quelli che ci donavano tutto anche quando
Non c’era nulla da dare


Ed io sto in silenzio con il respiro tremolante
Non sono la figlia d’Italia, ma anche lo sono
Lei mi ha adottato
Nel suo caldo grembo mi ha protetto.



L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2020 II Edizione
Premio Letterario Nazionale «Versi e parole in Lomellina» 2019 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2020 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153