Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Città di Induno Olona
II Edizione

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre 2018
Clicca qui per il bando completo del concorso
Risultati

Classifica Concorso poesia in italiano:
1° classificato: Marco Pezzini
2° classificato: Flavio Provini
3° classificato: Fulvia Lot

Classifica Concorso poesia in dialetto:
1° classificato: Maria Maddalena Monti
2° classificato: Domenico Pari
3° classificato: Giancarlo Milani

Opere vincitrici

1° Classificata poesia in italiano: L’8 dormiente

E’ giunto il tempo di indugiare al pianto
le mie fatiche siedono qua pigre
ai bordi del giaciglio dei ricordi.

Novembre smunto reclamava spazio
scrollando il mare con il maestrale
prendendo a schiaffi e sputi lividi scogli
urlando prepotente al litorale.
Nel cimitero delle spiagge spente
dentro alle mami tue calzavo il viso
mordendo la tua gonna sbandierante
faro perenne, forte, saldo e deciso.

Quante altre volte, madre, ormai da dona
nella tua rada ho spinto le mie vele;
l’anima sfatta da viaggi tempestosi
la chiglia del mio corpo messa male.
Bastava l’occhio tuo, non le parole,
una carezza, l’odore del tuo petto
per ammansire e spegnere i marosi
serena abbandonarmi sul tuo letto.

Ora tu sei in un punto indefinito
oltre quel mare ed aldilà del cielo
dove il tramonto e l’alba sono un velo
foggiati di forza e di dolcezza
che hai sciolto nel tepore di una brezza
tracciando finalmente l’infinito.

Motivazione: I versi musicalmente tessono immagini evocative e il ritmo, insieme con calibrate metafore, malinconicamente apre il respiro all’infinito, aiutando a vincere il dolore del qui e dell’ora




2° Classificata poesia in italiano: Bambola Cenerentola

Abitavi il silenzio bianco di una cameretta
orchidea appassita per un malo sortilegio
di una strega che t’illuse in fretta
lasciandoti delle bambole il solo privilegio.

Ed eri anche tu bambola come loro
i capelli corvini presi da tua madre
tenuti a chignon da un nastro d’oro
come lo sguardo lucente di tuo padre.

Parlavi a Nina, altera nella cuffia a larghe tese
fronte di cera sul merlato collarino,
cullavi Patty, la contadina senza pretese
scarpine terracotta, gonnella ciclamino.

Ma la preferita era Anna in livrea d’argento
e come ti piaceva cullarla e pettinarla,
le manine contro uno strano, cattivo vento
che potesse d’un tratto rovinarla.

No! Non si sciuperà Anna nell’armadio
abbraccia Patty e Nina, e forse prega
per te che giochi alla chemio, e alla radio
ora che la vita è un liso nodo che si slega.

Ricordi ora la frangia ribelle, il nastro d’oro
che non fa il paio col turbante da campagnola,
e ascolti le tue bambole bisbigliare in coro:
“in cielo c‘è un principe che vola!”

Così ti fai cenerentola sotto il sudario delle stelle
nella notte di vento che avvolge il mondo
per mirarle tutte, nel velario delle cose belle
tu al trono delle nuvole, loro a girotondo.

Quelle amiche di porcellana avevano ragione:
“c‘è un principe lassù, cavalca un aquilone!”

Motivazione: Bambola cenerentola racconta in modo toccante e con delicatezza metrica il morire di cancro di una ragazzina riuscendo a trasformare il dolore in una favola senza tempo.




3° Classificato poesia in italiano: Auschwitz-Birkenau

Arranchiamo dilaniati;
ogni anima è ferita.
Sulle spalle, come un masso
il peso della vita.

Motivazione: Il dolore e l’orrore dei campi di sterminio, macigno sulle spalle della umanità, sono sintetizzati con toccante essenzialità.




1° Classificata poesia in dialetto: La nosta strada

E se peu ghe tucass
all’incuntrari caminà
‘n sta strada che semper
en fa in cumpagnia?
In mez i tusan lusisen
de splendur
cunt i brasc a fa bariera
Valzen i mamm
mè na bandera
i fiuritt pena nasu.

Nanca ‘n fir
pour’n fazulet
tucc insema
de dre al funera.
E se infin ghe tucass – m‘è l‘è ciar – de per nung per semper
caminà
sta strada, la sarà
peu la nosta strada.

Motivazione: L’utilizzo sapiente della metafora offre alla lirica il respiro della domanda sul senso dell’esistenza, connotando il testo come lettura del rapporto tra passato e futuro, memoria e fervido chiedersi a quale storia individuale e collettiva l’uomo sia chiamato.
La dimensione individuale e quella comunitaria si avvolgono infatti in una riflessione spontanea, decisa nel suo porsi interrogativi che sono di tutti.
Ben condotti a livello poetico, aperti ad una significativa soggettività di interpretazioni, i versi rimandano all’utilizzo della lingua vernacolare per raccontare l’oggi, con equilibrio e profondità di riflessioni aperte e dinamiche.




2° Classificata poesia in dialetto: L’invèrnu

Sènt
comè ‘l sifùla
‘l vènt stàséra.

L’aria zèlàda
là gà giàsòt amò dè pö
là càlàbròsa,
sümèa gá sàpès zà fiucàt
‘nsima i ràm quàse pèlàcc
dè l’öltèma sés dè spì dèl Signùr,
zàbèlè töta biànca
‘n fónt ‘l pràt.

Du usilì dèl frèt
töcc ‘ngrüficc
i sérca dè scàldàs
pustàcc
g’ü ‘nsima à l’ótèr
à spètà chè dumà
‘nà spéra dè sul càlt
là ‘ègnès à scàldà
‘l sò cürisì zèlàt.

Spètè apó à mé
là primòéra,
è ‘àrdè föra dè là finèstra
chè là gà zà i védre
töcc quàrciàcc
dè i fiur dèl frèt
fàcc dà là gràn zèlàda
dè stànòt.

Trèmè
cumpàgn dè ‘nà càrpia
quànt ghè ‘n fil d’aria ‘n giro
bàrbòte ‘nturciàt ‘n dèl màntèl
mà sófiè ‘l nàs chè gósa
è spètè….è spètè ‘l sul
chè ‘l gàrà dè ‘ègnèr…..

Motivazione: La riproposizione del momento invernale, proposto nel testo attraverso il riferimento ad elementi del mondo naturale, si articola attraverso l’ uso consapevole e competente della terminologia dialettale e delle figure retoriche proprie della poesia. Passando con semplicità connotativa e apprezzabile equilibrio dall’immagine alla riflessione soggettiva, il testo si arricchisce di spunti di interiorità che offrono opportunità di ampliare il valore simbolico dei contenuti ad una dimensione collettiva.




3° Classificata poesia in dialetto: Vultà pagina

Su sta banchèta da sass
a l’umbra dal tigli, cerchi pas
in dal turnà indrè in dal temp
Sa ma guardi intùrna, resti imbamulà,
ghè nanca na fragùia in gir, né semenza
ca tira ul merlo i nda sti sterpai
In cord rott da na ghitara
chi ramm trascurà,
anca i frasch i fàn pù rumùr
A cerchi da rasegnàs, da quel rudèe,
propi lì, in dua ul cör al sa cumùveva
dumà a respirà i primm bociùl
La vüs la manca anca par suspirà
la ment l’è cume na radisa taiada
L’è na pagina vöia, in dal me diari
‘na storia senza ‘na trama
Sa parli nisùn m’asculta,
parchè incò l’è già dumàn;
anca ul temp al viagìa,
parchè, nisun la specia.
Cerchi un mumènt par sugnà,
ma go minga temp
go vöia de vivv, indua stu verd al mör.

Motivazione: Il testo raccoglie in quadri nostalgici immagini e pensieri che, nel loro incrociarsi tra memoria e attesa, portano allo slancio vitale dell’ultimo verso, aperto al domani e alla speranza di tempi nuovi, tutti da costruire. L’utilizzo del vernacolo si rivela attento e la proposta lirica poggia su riferimenti semantici di rilievo, volti a connotare la lirica di immagini definite e quasi plastiche nella loro immediatezza.



Risultati di tutte le edizioni del concorso:
Premio di Poesia Città di Induno Olona II Edizione
Premio di Poesia Città di Induno Olona I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153